CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Posts Tagged ‘Stop allo sport lombardo’

CORONAVIRUS: FERMATO LO SPORT LOMBARDO

Posted by ladycalcio su domenica, febbraio 23, 2020

Una domenica senza calcio, senza sport e senza la Messa. https://bit.ly/2ViuSjw

A memoria d’uomo, in Lombardia non si ricordava una domenica così. Vi erano state giornate calcistiche o manifestazioni sportive annullate per lutto, partite rinviate per stato di calamità naturale, sospensioni dei campi in seguito a provvedimenti disciplinari dei vari giudici sportivi o prefetti.

Ma questo 23 febbraio 2020 ha un sapore indefinito tutto suo, senza precedenti, dominato da un nemico invisibile che incombe su tutto e su tutti: dalle scuole agli stadi, dai bar alle palestre, dai mezzi di trasporto ai musei, dalle chiese ai supermercati.

La vita si ferma ma il subdolo nemico no, ormai incontrollabile perché troppo tardivamente accerchiato, quando ormai nemmeno “le maniere forti” basteranno più a contenerlo.

Fino a tre giorni fa, le fonti ufficiali avevano spergiurato che non vi fossero casi di COVID-19 in Italia. Poi il susseguirsi di notizie sempre più allarmanti, fino agli attuali 152 contagiati (e ai tre morti) nel nostro Paese. Nel tardo pomeriggio di ieri la decisione di rinviare Inter-Sampdoria, oggi quella di chiudere il Duomo di Milano, in un’escalation di provvedimenti d’emergenza, sportivi e non, emanati alla velocità della luce.

La zona rossa della “bassa” lombarda è blindata, ma in seguito all’ordinanza odierna del Governatore Fontana e del Ministero della Salute, fino a nuovo ordine l’intera regione resterà orfana del calcio delle divisioni inferiori, di quello degli oratori, delle corse podistiche che hanno visto lo sfortunato runner di Codogno (Lodi) come probabile “Paziente 1”. https://bit.ly/2T7dI5H

https://bit.ly/39W4ose

Intanto, il Milan ha fatto sapere che domani chiuderà lo store e il museo presso la sua sede.

In questa tiepida giornata primverile si respira un’atmosfera irreale. Nei parchi cittadini di Milano si vedono i ragazzini tirare calci al pallone, qualche ciclista passare in bici, un paio di jogger solitari, ma soprattutto gente comune che come ogni domenica porta a spasso i bambini o il cane, magari con il retropensiero di quel vagone superaffollato della metropolitana o di quel tizio che tossiva accanto a teatro.

A incombere sono la sensazione di impotenza, l’incertezza dell’attesa e l’interrogativo senza risposta su quanto durerà.

 

 

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | 8 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: