CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Posts Tagged ‘Prof. Francesco Benazzo San Matteo Pavia’

CASTAGNER A “UNDICI”: MATERAZZI SIMULAVA GLI INFORTUNI!

Posted by ladycalcio su giovedì, novembre 15, 2012

“Che storia ci racconti su Materazzi a Perugia?”

La domanda viene rivolta a Ilario Castagner nel corso di “Undici” (Italia 2), la trasmissione calcistica del lunedì sera condotta da Pierluigi Pardo. L’ospite in studio del 12 novembre è, udite udite, Marco Materazzi.

Sentite che ritratto tesse “l’Ilario”- come lo chiamavano a Milano – del suo ex-pupillo: “Grande giocatore, grande trascinatore, tanti goal .. però, ogni tanto gli capitava – verso la fine della partita – di buttarsi in terra e simulare un infortunio che non c’era…..”   😉

Pardo domanda perché: “Mah, non lo so, bisognerebbe chiederlo a lui…” è la risposta di Castagner.

Tremano i tatuaggi del mio follower segreto ;-), che suda freddo al pensiero del prezioso assist per Ladycalcio: Ladycalcio che, all’indirizzo di Marcone, ha dimostrato di vederci molto bene. Guardo negli occhi tristi di Matrix al di là del teleschermo, al di là delle apparenze e dell’ostentata bella vita: “Quando capisci, realizzi che hai smesso– tenta di autoconvincersi Materazzi –  devi passare dall’altra sponda”, intesa come il ruolo di allenatore.

Il fatto è che questo ragazzone spento nello sguardo e macilento nell’espressione, ancora non riesce a “realizzare” di essere un “ex” scaricato dall’Inter.

Quanto all’”altra sponda” in senso figurato, Materazzi si dichiara favorevole ai matrimoni gay, poiché “ognuno deve vivere la propria vita come le pare”.

Come gli pare lui parla italiano e in più, chi lo ascolta con attenzione nota che “mangia” ancor più del solito le parole. Secondo il Matrix-pensiero e la Matrix-grammatica, Marco Simoncelli ha saputo “fare dello sport un gioco, che è quello per la quale si inizia”, mentre sull’attuale numero 23 nerazzurro, il concetto si aggroviglia: “Penso che Ranocchia stia dimostrando di voler dimostrare  … “

E se su Twitter lo bersagliano di insulti, è perché “la moglie 😆 degli imbecilli è sempre incinta”. Benitez gli ha fatto togliere il “santino” di Mourinho dall’armadietto degli spogliatoi della Pinetina? Perbacco, “vuol dire che sei uno che ha paura dell’ombra di se stesso”! 🙂

A de Rossi espulso, infine, regala un bel congiuntivo di consolazione: “Penso che il momento difficile che stia avendo lui è il fatto che… (…)”

Il fatto, per tornare a bomba, è che della fantasmagorica tecnica chirurgica microinvasiva con la quale il Prof. Francesco Benazzo avrebbe operato Materazzi di un’improbabile sindrome compartimentale acuta 🙂 nell’agosto 2007, proprio non si trova traccia, anzi…. E se di momenti difficili vogliamo parlare, il cerchio si stringe inesorabilmente attorno ai pessimi attori della sceneggiata, che ancora si illudono di potersi sottrarre alla resa dei conti non rispondendo alle mie lettere aperte.

Per inciso, se ai tempi del Perugia Marcone adduceva genericamente una botta per allenarsi il martedì,  sentite cosa ricorda dell’acquitrino di Perugia-Juve (1-0) del 14 maggio 2000: “Volevo andare in vacanza, volevo finire al più presto il campionato, non volevo andare in tournée in Cina come era stato minacciato da Gaucci (… ) contro la Juve non volevo giocare un’altra partita perché avrei perso 10 volte su 10”. Paure da anti-guerriero!

Forti di questi brillanti presupposti, torniamo a Materazzi che si contorce a terra come un tarantolato strofinandosi la coscia destra alla fine del primo tempo di Ungheria-Italia del 22 agosto 2007 – a pochi giorni dalla riedizione di Italia-Francia dell’8 settembre 2007 a Milano. 🙄

Torniamo alla vacillante impalcatura mediatica – completamente smontata da questo blog- a sostegno di quell’assurdo infortunio e dei suoi postumi.

Torniamo alle circostanziate obiezioni mediche da me rivolte al Prof. Benazzo, all’UPT del Policlinico San Matteo di Pavia, all’Ordine dei Medici & Co sull’improbabile  tecnica microinvasiva che avrebbe rimesso a nuovo a tempo di record un semimoribondo Materazzi: osservazioni che, per tutta risposta, hanno suscitato un silenzio a 360 gradi che dice più di mille parole. 😳

Torniamo, in sostanza, all’interrogativo di fondo: cosa combinò Materazzi quella sera a Budapest – e perché?

E dato che sia Castagner, sia l’UPT del San Matteo di Pavia invitano a rivolgersi al diretto interessato, a questo punto la domanda è lecita:

“GUERRIERO” 😳 , TI ANDAVA DI GIOCARE QUELL’ITALIA-FRANCIA A MILANO? :mrgreen:

Per saperne di più:

Perché non credo più alla sindrome compartimentale di Materazzi:

http://bit.ly/95n17n

Lettera aperta al Prof. Benazzo:

http://bit.ly/lZ8Oio

Lettera aperta all’Ordine dei Medici (…)

bit.ly/Nu0OmC

Il Policlinico San Matteo è senza argomenti!

http://bit.ly/MATGag

Materazzi, operazione eroe (“lo zigomo di Brema”):

http://bit.ly/N9atQv

“Menisco” Materazzi, 12 dubbi amletici:

http://bit.ly/Lklh1n

Posted in "CASO" MATERAZZI, Media | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | 22 Comments »

IL PROF. BENAZZO TACE. LA PAROLA ALLA DIREZIONE GENERALE, SANITARIA E SCIENTIFICA DEL SAN MATTEO DI PAVIA.

Posted by ladycalcio su giovedì, Maggio 19, 2011

Una sindrome compartimentale acuta indotta da “un ematoma di 600 cc lungo dalla radice della coscia fino al ginocchio e del diametro di 10 cm” risolta con un “intervento d’aspirazione per via endoscopica sotto controllo ecografico con un’incisione di soli 2 cm”, trasformando il versamento in un trauma contusivo. Peraltro, dopo oltre mezza giornata dall’incidente e su un paziente – così venne riportato –  imbarcato su un aereo con un’emorragia interna in atto.

Dieci giorni fa, con una lettera aperta su questo blog, mi ero rivolta al Prof. Francesco Benazzo (Direttore della Clinica Ortopedica e Traumatologica dell’Università di Pavia, Fondazione IRCSS Policlinico San Matteo), autore del miracoloso salvataggio della gamba e della carriera di Marco Materazzi nell’agosto 2007, per conoscere i fondamenti dell’innovativa tecnica chirurgica da lui praticata, sostitutiva della cruenta fasciotomia d’urgenza.

Trovate la lettera al link in calce, già inviato per conoscenza alla Direzione Sanitaria e Generale del San Matteo contestualmente alla pubblicazione del relativo post.

Ebbene: a tutt’oggi, il Prof. Benazzo tace. D’accordo: come ama dire Maurizio Costanzo, chiedere è lecito, rispondere è cortesia. Tuttavia, non comprendo per quale ragione il Professore non possa perlomeno segnalarmi il titolo di qualche sua relazione o trattato sull’argomento.  Dopotutto, non dovrebbe trattarsi di un fiore all’occhiello? Ladycalcio, più intenzionata che mai ad approfondire il tema, reitera la cortese richiesta alle alte cariche del nosocomio pavese:

Di seguito, rendo pubblico il testo della mia email e i nominativi dei suoi 3 destinatari (ai quali si aggiunge, per conoscenza, il canale tematico nerazzurro Inter Channel, fonte ufficiale di FC Internazionale) . Gli indirizzi di posta elettronica dei rispettivi uffici sono di pubblico dominio e sono riportati sul Sito Ufficiale della Fondazione.

Alla cortese attenzione dei Professori:

Pietro Caltagirone – Direttore Generale Fondazione IRCSS Policlinico S. Matteo Pavia

Marco Bosio – Direttore Sanitario

Remigio Moratti – Direttore Scientifico

e p.c. a Inter Channel

e p.c. ai lettori del blog “Calcio e Parole” (https://calcioparole.wordpress.com/) , sul quale la presente viene pubblicata

In data 10 maggio, sul mio blog “Calcio e Parole”, ho pubblicato una lettera aperta al Prof. Francesco Benazzo, Direttore della Vs. Clinica Ortopedica e Traumatologica, chiedendogli cortesemente di poter conoscere i fondamenti dell’innovativa tecnica chirurgica con la quale avrebbe risolto un celebre caso di “sindrome compartimentale acuta” indotta da “un ematoma di 600 cc lungo dalla radice della coscia fino al ginocchio e del diametro di 10 cm” con un “intervento d’aspirazione per via endoscopica sotto controllo ecografico con un’incisione di soli 2 cm”,  risparmiando al paziente la fasciotomia d’urgenza. 

La lettera è pubblicata al link in calce.

A tutt’oggi, con mia enorme sorpresa, non ho ricevuto risposta alcuna. Reitero pertanto a Loro la mia cortese richiesta, nella fiducia che possano rispondermi in sua vece, o perlomeno, segnalarmi un testo, un lavoro, un trattato o una relazione medica che illustri la rivoluzionaria metodica. Tale risposta, alla pari della presente richiesta, si intende pubblica, a beneficio dei numerosi lettori che l’hanno sollecitata.

Certa di essere esaudita, ringrazio per l’attenzione e porgo distinti saluti.

“Ladycalcio” Monica Morandi

https://calcioparole.wordpress.com/2011/05/10/lettera-aperta-al-prof-francesco-benazzo-direttore-della-clinica-ortopedica-e-traumatologica-dell%E2%80%99universita-di-pavia-fondazione-irccs-policlinico-san-matteo/

Posted in "CASO" MATERAZZI | Contrassegnato da tag: , , , , , | 22 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: