CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Posts Tagged ‘Ladycalcio e Materazzi’

TUTTO MATERAZZI A “MONDO INTER” MINUTO PER MINUTO

Posted by ladycalcio su venerdì, dicembre 20, 2013

Articolo Mondo Inter 1

Articolo Mondo Inter 2Nella memoria collettiva esistono coppie storiche: Cric e Croc, il gatto e la volpe, Materazzi e Andrea Elefante 😆 . Ombra di Matrix al talk show “Mondo Inter” (Inter Channel), andato in onda lo scorso 5 dicembre, Elefante viene definito da Roberto Scarpini il “biografo” di Materazzi. Nella sua narrazione della mitica “sindrome compartimentale acuta”, lo definirei piuttosto “romanziere” 😳

Sempre più insaccato nella sedia con il procedere della trasmissione, Materazzi, che risponde alle domande di Roberto Scarpini in piedi alla sua sinistra, va via via assumendo una postura alla Lilli Gruber 😆.

Non cambia il suo sguardo triste, colto a più riprese dalla “telecamera speciale” di Ladycalcio

http://bit.ly/1bplrMP

L’intera trasmissione dà l’idea di uno sforzo collettivo per risollevare il morale in cantina di Marcolino. A tratti, il tono con cui Scarpini gli si rivolge è addirittura paterno. Onore al telecronista nerazzurro e a tutto il suo staff: laddove Materazzi stava mesi senza degnarli di una parola, ora gli tocca pure fare i samaritani.

“Son contento di quello che sto facendo”,  afferma Matrix con lo sguardo spento dopo l’immancabile e un po’ imbarazzata pubblicità gratuita alla sua recente attività commerciale. Contento? Mah, a guardarlo non si direbbe.

Nella “Sfumatura” di Alessandro Villa, in riferimento ad Inter-Trapani si afferma: “Marco Materazzi a 22 anni giocava e non giocava proprio nel Trapani” (soprattutto non giocava, ndr), a 25 andava all’Everton (e ritornava al mittente dopo una sola stagione con un poker di rossi e le pive nel sacco, ndr), a 28 approdava all’Inter”, dove nella stagione del Triplete, seppur non titolare fisso, “ha comunque giocato  20 partite  – e non ci ricordiamo un pallone sbagliato” 😯 . Amici di Inter Channel, urge un vagone di Memoserina! 😆

A proposito del dubbio espresso giorni fa sugli addominali di Matrix http://bit.ly/18kNjVC , alcune  immagini di repertorio lo mostrano esultante a torso nudo con il ventre completamente piatto. Peccato che si riferiscano ai tempi di Vieri e Cuper

Si parla di Twitter. Marcone si lancia in una delle sue contorte polemiche: “Io lo uso, sì, posso dire meno bugie (rispetto ai giornalisti, ndr) (….) Se uno è chiaro, è limpido, penso che si possa ricamare meno”. Per approfondire la limpidezza delle situazioni di Materazzi e i relativi ricami giornalistici, si parta dal post “Perché non credo più alla sindrome compartimentale di Materazzi” http://bit.ly/1biMRUB e si proceda a piacere fra i cento 😯 articoli sul “Caso Materazzi” pubblicati su questo blog.

Thohir  con gli occhi guarda tutto a 360, vuol dire che vede tutto”: queste le impressioni della “Vecchia Gloria” Marco Materazzi dopo l’incontro con Thohir al Meazza prima di Inter-Samp. A ognuno (degli “ex”, ndr) ha fatto una domanda specifica (…) per vedere se le conosci”, racconta. A Marcone avrebbe dovuto chiedere: “Si può sapere cos’hai combinato con quella storia della sindrome compartimentale acuta?

Del resto, se anche Andrea Elefante conferma che Thohircapisce al volo le cose”, qualcosa mi dice che presto il Presidente capirà eccome … :mrgreen:

Per inciso, complimenti a Inter Channel per le immagini esclusive di Thohir all’interno del Meazza con gli ”ex” nerazzurri e per quelle della sua visita alla Gazzetta dello Sport. Ottimo lavoro!

Si passa a parlare di Cassano, soprannominato “mascherina” per la protezione poi indossata contro l’Inter, facendo notare un altro “unicum” di Materazzi: “ è stato il primo a inventare di fare la mascherina personalizzata”. Scarpini, che come Mou non è un pirla, evita qualsiasi riferimento all’improbabile diagnosi di “sfondamento dell’arco zigomatico” e relativo improbabile intervento chirurgico del dicembre 2008 al San Matteo di Pavia, dove si scordarono di rasare il basettone a Marcone 🙂 . “Anche a te ti han dato qualche stecca sul naso”, si limita a dire Scarpini sapendomi all’ascolto…

Raccontiamo i dietro le quinte di questa mascherina”, devia con mestiere il discorso il Direttore di Inter Channel dicendo che andò lui stesso a ritirarla a un casello di Parma. I retroscena della mascherina, per inciso, li trovate a questo linkhttp://bit.ly/18yTNCx

Poco dopo, un istante da immortalare: la mano di Matrix sulla spalla del compagno di tante storie 😉 Andrea ElefanteE non sapete quante non ne sono uscite”, ride il giornalista. Immaginiamo con gli interessi!

Riecco Materazzi maltrattare la grammatica: la lealtà di Mourinho, fece sì che diventammo tutt’uno. E i maltrattamenti a Balotelli, reo di aver gettato per terra la maglia dell’Inter?

Elefante: “L’unico giocatore a cui (Balotelli, ndr) ha fatto riferimento per quell’episodio è Marco, perché se lo ricorda cosa gli ha detto”. Detto o… fatto? 🙄

Scarpini: “L’episodio l’abbiamo in mente tutti quanti, quello che si è sussurrato – perché poi non ci sono mai le conferme nell’immediato – è stato abbastanza penso capito da tutti quanti”. Riferendosi alla violenza della scena a cui aveva assistito nel tunnel degli spogliatoi. Ibrahimovic dichiarò. “Non ho mai visto una cosa del genere in tutta la mia carriera   http://bit.ly/1i1GbCX

Capitolo espulsioni. Monzani: “Quanti ne hai presi di rossi”?

Materazzi:2-3, ma tutti per doppia ammonizione”. Marcone, fai il furbetto o ti si è appannata la memoria? Rinfreschiamogliela, allora:

Derby dell’ottobre 2006: “auguri Davide” e rosso. Un modo idiota di lasciare la squadra in 10 (l’ exploit fruttò a Materazzi il record di cartellini nel derby: 7 gialli e 2 rossi).

Liverpool-Inter del febbraio 2008: De Bleckeere lo butta fuori per doppia ammonizione (dopo un tuffo di Torres)

Lazio-Inter di Coppa Italia del maggio 2008: rosso diretto al 38’ per un fallaccio su Pandev.

Inter-Samp di Coppa Italia dell’aprile 09: espulso nei  minuti di recupero della ripresa per avere applaudito l’arbitro Orsato.

Trofeo TIM dell’agosto 2009: espulso da Damato per proteste contro la Juve negli ultimi minuti, peraltro nelle vesti di capitano. Marco rischia il rosso anche nel miniderby contro il Milan.

Rosso dalla panchina (!) nel derby del settembre 2008, per aver gridato al direttore di gara Morganti: “Ma quando c… fischi?”

Devo continuare?

Da questo pulpito 😳 , durante la trasmissione Materazzi predica che bisogna educare e disciplinare i genitori che assistono alle partite dei loro bambini.

Un bimbo di 5 anni gli chiede: “Quanti goal hai fatto nella tua carriera e quali sono stati  il più bello e il più importante?”. Lo scafato Scarpini, chissà se nel timore di una clamorosa amnesia in diretta di Matrix (vedi Gazza Offside), glissa immediatamente al goal più bello (la rovesciata contro il Messina) e al più importante (“il Siena e i Mondiali), lasciandoci con un dubbio da togliere il sonno: Marcone avrebbe ricordato a bruciapelo il numero dei goal segnati in carriera? 🙄

Matrix non ricorda – o preferisce non ricordare – i risvolti di un celeberrimo goal NON SEGNATO: il rigore-Scudetto in Inter-Siena del 2008. “Non c’era il (rigorista, ndr) designato”, mente Marcone, che quel giorno, Festa della Mamma, sottrasse il pallone al rigorista designato Julio Cruz 😦 nell’intento di dedicare la vittoria-Scudetto alla madre defunta. “È per la mamma”, si lesse dal labiale di un compagno che si rivolgeva a Cruz, pronto a tirare, per convincerlo a cedere il pallone a Materazzi. Matrix tirò in bocca a Manninger e venne giù San Siro. Ripensando a quella scena, sento ancora i fischi assordanti scendermi fin nello stomaco.

http://www.youtube.com/watch?v=DPCanaSsq1o

http://www.youtube.com/watch?v=8SBr1W6n4as

Roberto Mancini andò su tutte le furie e Materazzi lo smemorato chiese pubblicamente scusa ai compagni  😳 http://bit.ly/JCxyQz

Peraltro, come scrissi all’epoca, Marco covava da tempo il proposito di far indebitamente suo un calcio piazzato. Proposito che aveva manifestato apertamente a “Caffè doppio” (Inter Channel). Dispiaciuto che non gli facessero più tirare le punizioni, aveva affermato: “Un giorno prendo, parto e batto io. Poi si arrabbierà il mister, si arrabbierà qualche compagno…” . Come infatti accadde.

L’aspetto più inquietante riguarda però i retroscena fra marche di scarpe e rigoristi sul dischetto…

Ma cosa disse Mou a Materazzi nel lacrimoso abbraccio nel garage del Bernabeu?

“Che mi lasciava in mezzo a … dove? 😯 Come poi è stato”. Infatti. Peccato che Materazzi ci sia entrato da solo.

Prosegue Matrix: “Ma io eran 2 mesi che gli dicevo: ‘Non andare via’ … o un mese … ma lui già aveva scelto”. Invece, questo blog aveva anticipato l’addio dello Special Arrogant con un anno d’anticipo 😎 e con la sicurezza 100 %, nonostante il rinnovo di Mou con i nerazzurri.

https://calcioparole.wordpress.com/2009/05/24/mourinho-al-9999-al-real-maadrid/

https://calcioparole.wordpress.com/2010/05/30/mourinho-al-real-madrid-lo-scoop-di-calcio-e-parole/

Non mancano le solite frecciate meschine a Benitez, che per inciso, nei giorni scorsi ha negato di aver mai fatto rimuovere dagli armadietti degli spogliatoi nerazzurri le foto di Mourinho: “Cento per cento bugia”!

In tema di allenatori, Materazzi afferma di aver avuto “scontri chiarificatori con tutti” 😆 : “Quando tu hai 20, 25, 30 allenatori 😯 e solo 2 parlano male, vuol dire che forse non ero io”. Per Matrix, grammatica e matematica sono un’opinione: a Perugia, Galeone lo mise fuori squadra 😦 ; all’Everton, Walter Smith non si dannò per trattenerlo; all’Inter seguirono le peripezie di Mancini e Leonardo per gestire l’”impegnativo” (definizione di Leo), fino alla sacrosanta esclusione dalla Finale del Mondiale per Club da parte di Benitez, che ancora tanto rode a Marco.

Materazzi su Leonardo: “Leonardo mi ha chiamato, mi ha invitato al Parco dei Principi l’anno scorso. Gli ho detto quello che pensavo, ma quelle cose che io ho detto sui giornali le avevo dette prima a lui al telefono, perché non c’eravamo più visti dopo la finale di Coppa Italia ed è quello che pensavo. Lui mi ha detto delle cose, probabilmente lui dice di non sapere come realmente stavano le cose riguardo al mio contratto quando poi ho rescisso”. Delle “cose”, “come stavano le “cose”…

Le cose stanno così: nella lunga intervista apparsa sulla Gazzetta dello Sport del 20 luglio 2011 – guarda caso a cura di Andrea Elefante  – 🙂 , Marcone se l’era presa con Leonardo, reo di averlo “tradito”: ”Prima ha detto che non rientravo più nei suoi piani, e poi ha lasciato l’Inter, ma per me ormai era troppo tardi. Ma come, troppo tardi!?  La Finale di Tim Cup si giocò il 29 maggio 2011, Leo se ne andò a metà giugno senza che ancora si conoscesse il nome del suo successore e il contratto di Materazzi sarebbe stato rescisso (il condizionale è d’obbligo 🙄 ) il 14 luglio. Che diavolo di confusione fa, Matrix?

Ho dovuto smettere, mi han mandato via”, aveva ammesso a inizio trasmissione. Finalmente una verità da Materazzi!

Andrea Elefante – forte di chissà  quali conoscenze del calcio inglese e dei successi di Benitez a Liverpool – si lancia in un’analisi secondo la quale i limiti di Benitez sottolineati da Materazzi starebbero creando problemi a Napoli.

In particolare, per via dei giorni di riposo generosamente concessi dal mister spagnolo, alcuni giocatori partenopei si sarebbero comperati un tapis roulant da usare in casa perché si allenano poco “e questo è un problema che esisteva anche a Milano”, sottolinea Elefante.

Peccato che proprio questa fosse la prassi di Mourinho all’Inter. Spesso e volentieri, dopo le partite Mou dava 2 giorni di vacanza ai giocatori, facendo saltare loro l’indispensabile seduta defaticante (con tutti i rischi di infortunio del caso). E peccato che, sotto questo aspetto, io sia sempre stata la sola a criticarlo. Per l’universo mediatico, a digiuno delle più elementari nozioni di fisiologia e di allenamento, è sempre valso l’assioma che “chi vince ha sempre ragione anche quando ha torto marcio”.

Un aneddoto su Mourinho? Matrix chiamò al telefono Mou mentre questi era a Berlino ad assistere alla Finale di Coppa di Germania (Werder Brema-Bayern 0-4 del 15.5.10, ndr). “Come sono questi?, gli domandò in vista della Finale di Champions League contro i bavaresi del 22 maggio. “2-0, tranquillo”, vide José nella sfera di cristallo. Che mago, il nostro Mou! 🙄

Qualche nostalgico rimpiange le peripezie di Marco nel derby milanese (dalla cui storia uscì in barella in direzione Niguarda dopo uno scontro con Ibra). “Non sei allenato?” gli domandano.  “Non per giocare un derby”, ammette l’ex-numero 23 nerazzurro. Stando alle immagini, nemmeno per giocare Amici di Sic vs Nazionale Cantanti… 😦

Rieccoci all’immancabile appuntamento con papà Marco e con la sua eccezionale famiglia: Elefante: “Non è stato con le parole che (Daniela, la moglie, ndr) l’ha fatto crescere”. Che l’ha inguaiato con Ladycalcio, sì :mrgreen: . “La maturità che piano piano gli ha dato sua moglie è stata fondamentale” 😆 , insiste Elefante autodefinendosi “testimone di una crescita di Marco e dell’influenza che ha avuto Daniela”. Rovinosa, per quanto riguarda il caso nato con la sottoscritta e le sue conseguenze!

Trasferitosi a Perugia per tener fede a un impegno preso con la sua dolce metà per il dopo-carriera – impegno annunciato nella sua autobiografia “Una Vita da Guerriero” -, Marco non sembra entusiasta. I figli si trovano bene “noi un po’ meno”. 😦

La sera di Bruno Cirillo? Secondo il limpido e cristallino 😦 Materazzi,non era successo niente” 😳 , come dimostrano questi link:

http://www.youtube.com/watch?v=E0Z4pGFCqEQ

http://www.gazzetta.it/primi_piani/calcio/2004/pp_1.0.289804258.shtml

Due mesi di squalifica – pochi – , ma soprattutto, che imbarazzo creò Marco al povero Giacinto Facchetti! 😳

“Tutto in 90 secondi” è un batti e ribatti di domande e risposte fra Roberto Monzani e l’ospite Marco Materazzi. Marcone, guarda un po’, è insolitamente prontissimo nelle risposte. Al punto da stabilire il record della trasmissione: 17 domande e 17 risposte in 90 secondi!! Un’impennata di bioritmi o si era preparato prima? 🙄

È il momento del “Superundici di Andrea Elefante”, che schiera un’improbabile difesa a 3 con Materazzi centrale e zio Bergomi e Galante laterali 😆 .Galante, secondo Elefante,aveva un disincanto e un modo di vivere con leggerezza il suo lavoro”. Per intenderci, “quello del gavettone”.

Il mieloso Elefante vanta conoscenze e confidenze di giocatori a destra e a manca. Nicola Berti? “Un titolo al giorno”; Bobo Vieri? Per 3-4 anni credo che Bobo parlasse praticamente solo con me 😯 . Gli feci un’intervista quando non parlava da 6 mesi”.

Quanto a Berti, avrebbe fatto da opinionista a Gazzetta.tvquando Marco, per suoi motivi, aveva dovuto lasciare l’incarico dell’anno scorso”. Fra i motivi dell’uscita di scena dell’”opinionista tvMarco Materazzi, già scaricato da Sky, temo vi siano state le recensioni non idilliache delle sue performances pubblicate su questo blog e inviate ai conduttore Nino Morici e all’editorialista della “Rosa” Alberto Cerruti.

http://bit.ly/IVvYJx

http://bit.ly/18z0HYw

http://bit.ly/1kijgTs

Chi va con lo zoppo impara a zoppicare. Al punto che Elefante, contagiato da Materazzi, si incasina con la Consecutio Temporum: “Nel momento in cui il nostro rapporto (con Di Biagio, ndr) è diventato un po’ più stretto, lui mi disse: ‘non ti dirò mai niente di quello che succede all’Inter’”.

Mentre in un gustoso lapsus freudiano in cui si autodefinisce un calciatore 😆 , il buon Andrea tradisce il tutt’uno con Materazzi: “Credo di essere stato uno dei pochi giocatori 😯 a cui Gigi ha avuto il piacere di dire le cose che ha scelto di dirmi”.

Le pagelle. Secondo Elefante, Marco gli avrebbe sempre rimproverato di avergli dato mezzo voto in meno 😯 . Un “condizionamento al contrario”, dice. Prosegue: “Per non sbagliare e per non poter essere tacciato di favoritismi, probabilmente delle volte lo penalizzavo 😆 . Se si fanno le pagelle, bisogna cercare di essere obiettivi”. Eccone un fulgido esempio:

https://calcioparole.wordpress.com/2011/01/21/dal-pasticcio-ranocchia-esce-materazzi/

Domandano a Materazzi quale sia il più grosso difetto del mondo del calcio. Risponde – udite – “l’ipocrisia”. 😳

Per concludere, un quesito sul suo avvenire:”Il futuro nel calcio è da allenatore, dirigente o…”

Spettatore! :mrgreen:

PS Il presente post è il 100° taggato come “Caso Materazzi”! 😯

Link al mio commento su Materazzi a “Prima Serata” (2011):

https://calcioparole.wordpress.com/2011/02/13/materazzi-a-%E2%80%9Cprima-serata%E2%80%9D-la-sagra-del-farlocco/

 

Posted in "CASO" MATERAZZI | Contrassegnato da tag: , , , , | 15 Comments »

MATERAZZI A MONDO INTER: TRANQULLI, ARRIVO…

Posted by ladycalcio su domenica, dicembre 8, 2013

Matrix Mondo Inter 1Matrix Mondo Inter 3Matrix Mondo Inter 12Matrix Mondo Inter 6Matrix Mondo Inter 5Matrix Mondo Inter 4Matrix Mondo Inter 2Matrix Mondo Inter 10Matrix Mondo Inter 9Matrix Mondo Inter 7

Matrix Mondo Inter 8Matrix Mondo Inter 11

Un tiramisù per un “ex” giù di corda. Questa l’impressione saliente che ho ricavato dalla trasmissione “Mondo Inter“, andata in onda giovedì sera su Inter Channel con ospite Marco Materazzi.

Vi anticipo soltanto due cose: alcune istantanee del viso triste di Matrix colte davanti alla TV e il fatto che, in un paio di occasioni, la claque di Marcone le ha sparate davvero grosse. Molto grosse. 😳

Il tempo di ripercorrere le due ore di trasmissione e di commentarle punto per punto e sono da voi. A prestissimo!

Posted in "CASO" MATERAZZI, Inter | Contrassegnato da tag: , , , , | 9 Comments »

I PRIMI 40 ANNI DI MATERAZZI (E DI MATERAZZATE)

Posted by ladycalcio su domenica, agosto 18, 2013

Vado ma spero di tornareSecchiello e paletta

Compie oggi 40 anni, in quel di Riccione,”Mister sindrome compartimentale acuta” :lol:, alias Marco Materazzi, re del risentimenti muscolari, mattatore dello stretching, sovrano della panchina, specialista in “contentini” degli ultimi minuti di gioco (Benitez permettendo) e protagonista di siparietti e teatrini che hanno fatto la fortuna di questo blog.

La cifra tonda mi invita a un bilancio, nonché a proporvi un inedito“gossip” sui retroscena del suo prematuro – si fa per dire 🙂 – addio all’Inter.

Siamo nel giugno 2011 e Matrix è legato alla Società nerazzurra da un contratto fino al 30 giugno 2012. D’improvviso, si vocifera di una sua rescissione con un anno d’anticipo. Cosa sta accadendo dietro le quinte?

Materazzi lascia o raddoppia?”, titolo scherzosamente un mio post . http://bit.ly/14KYdBM

Udite udite!!! Dai meandri imperscrutabili delle mie fonti segrete, apprendo successivamente che Marcone avrebbe effettivamente tentato di “raddoppiare”. Più precisamente, per dirla con il pizzaiolo Ciro “Ciairo” di Mai dire Gol (al secolo, Francesco Paolantoni), Matrix avrebbe fatto il “TENTATAIVO” di legarsi a filo doppio alla panca nerazzurra per un ulteriore anno – fino al giugno 2013 😯 . Insomma, il povero Stramaccioni l’avrebbe scampata bella!

Campione del Mondo, bandiera nerazzurra, definito “imprescindindibile” da Mourinho e considerato fra i “pupilli” di Massimo Moratti, Materazzi, caricato dalla Coppa Italia sollevata pochi giorni prima, si sente una certezza.

Ma all’Inter, si sa, le certezze non esistono più (o meglio, non sono mai esistite). Al contrario, le sorprese sono sempre in agguato. Fu così anche per Roberto Mancini, presentatosi nello studio di Moratti per definire il prosieguo della sua esperienza in nerazzurro e messo alla porta tout court.

Il 6 giugno 2011, all’uscita degli uffici del Presidentissimo, SkySport 24 intervista un Materazzi visibilmente frastornato e a corto di parole.

https://calcioparole.wordpress.com/2011/06/06/voci-di-addio-all%E2%80%99inter-materazzi-e-diventato-troppo-ingombrante/

Per farla breve, altro che raddoppiare: per l’Inter, basta e avanza così. “Mister sindrome compartimentale”, dopo aver scaldato la panca per le ultime stagioni, non rientra più nei piani della Società, che allo Stadio Meazza dispone già di moderne panchine con il riscaldamento.

Alla fin della fiera, dopo l’ennesimo “giallo”, il contratto già precedentemente spalmato alla stregua della Nutella viene “consensualmente” 😆 rescisso con un anno d’anticipo sulla scadenza. A quel punto, a Materazzi non rimane che recarsi alla Pinetina per ritirare dall’armadietto lo spazzolino da denti 🙂 e il rasoio, utilizzato per scolpirsi scalfo e basettoni.

“Lui ci è rimasto malissimo” 😦 , giurano i miei informatori. E quanto ai toni dell’addio, la mancanza assoluta di uno straccio di ringraziamento o di saluto sul Sito Ufficiale di FC Internazionale per i suoi 10 anni di onorato servizio in nerazzurro la dice lunghissima. Fra la costernazione dei sostenitori interisti, la Società non lo degna neppure di  un comunicato stampa che ne ufficializzi l’addio. Né Moratti spreca una parola sul fine carriera del suo pupillo. Il profilo di Marco Materazzi -, difensore,  maglia numero 23, altezza 1,93 m -, sparisce in automatico da inter.it allo scoccare della mezzanotte del 1° luglio 2011 –  e buonanotte suonatore.

Un epilogo inglorioso al massimo, senza neppure una  partita d’addio o un saluto ufficiale ai tifosi. “Presto troveremo un modo per salutare Materazzi insieme ai tifosi”, tergiversa la Società su GQ dopo le sacrosante critiche ricevute per l’indecente comportamento. Voi ne avete più saputo qualcosa? 😳

Seguono le solite sirene sfiatate su un possibile prosieguo della carriera attiva di Matrix all’estero e sirene ancor più sfiatate sul suo improbabilissimo ritorno all’Inter nelle vesti di dirigente: voci tradite dallo stesso Materazzi in un’intervista rilasciata nel gennaio scorso a France Football, in cui “il nostro” si lamenta di come l’Inter non lo consideri all’altezza di un ruolo societario.

A proposito! La Gazzetta dello Sport di martedì 21 giugno 2011, con quell’articolo di Luca Taidelli intitolato “Inter, vado ma spero di tornare:mrgreen: , è sempre qui, nel cassetto della mia scrivania! Parla di un “arrivederci“, dell'(im)probabile partenza di Materazzi per la Mls (la lega professionistica americana), della “simbiosi tra Matrix e il pianeta nerazzurro” 😆

Cito testualmente da Taidelli: “La certezza è che quello con l’Inter non è stato appunto un addio, ma un arrivederci. Con il Presidente Massimo Moratti è stato ribadito l’impegno a definire in un futuro prossimo un ruolo per Matrix all’interno della famiglia nerazzurra”.

Ma….

…ancora una volta, mentre la sua ex-squadra sgobba in raduno a Pinzolo, l’allenatore neodiplomato di belle speranze Marco Materazzi è spaparanzato sulla spiaggia di Riccione a sfoggiare i tatuaggi 😎 . Contestualmente alla recente tournée estiva dell’Inter negli USA, Marcone fa il giro degli States da turista e il giro di Twitter seduto sulla panchina preferita di Kurt Cobain, il fondatore eroinomane dei Nirvana morto suicida a 27 anni (testamento spirituale: “Remember, it’s better to burn out than to fade away” – ricordate, è meglio bruciare in fretta che spegnersi lentamente).

Il rimpianto per i campi di gioco glielo leggi in quegli occhi sempre  tristi, che né le vistose Sneaker, né gli estrosi cappellini, né i braccialettini cingolati di gusto kitch riescono a rallegrare.

Nelle ultime ore Matrix ha fatto ritorno a Riccione 😎 , giusto in tempo per festeggiarvi i suoi primi 40 anni.

Qualche nostalgico lo rimpiange al centro della difesa nerazzurra, ma per i nostri gusti, di goal l’Inter ne sta ne già beccando abbastanza.

Auguri e buone vacanze, Marcone!

Di seguito,“BEST OF MATERAZZI 2008-2013”, una piccola antologia a base di link utile per approfondire i motivi dell’addio. Se non vi basta, potete sempre attingere dalla cartella “Caso Materazzi”, cliccabile dall’Home Page di questo blog. Buona lettura!

STRANI INFORTUNI

Perché non credo più alla sindrome compartimentale di Materazzi 

https://calcioparole.wordpress.com/2008/11/24/perche-non-credo-piu-alla-sindrome-compartimentale-di-materazzi/

La sindrome compartimentale in parole semplici

https://calcioparole.wordpress.com/2012/03/21/caso-materazzi-la-sindrome-compartimentale-in-parole-semplici/

Lettera aperta al prof. Francesco Benazzo, del Policlinico S. Matteo di Pavia

https://calcioparole.wordpress.com/2011/05/10/lettera-aperta-al-prof-francesco-benazzo-direttore-della-clinica-ortopedica-e-traumatologica-dell%E2%80%99universita-di-pavia-fondazione-irccs-policlinico-san-matteo/

Materazzi operazione eroe: lo zigomo di Brema

https://calcioparole.wordpress.com/2008/12/15/materazzi-operazione-eroe/

Menisco Materazzi, 12 dubbi amletici

https://calcioparole.wordpress.com/2010/01/14/menisco-materazzi-12-dubbi-amletici/

Caso Materazzi: avvisai l’Inter

https://calcioparole.wordpress.com/2012/04/22/caso-materazzi-avvisai-linter/

Lettera aperta a Marco Materazzi

https://calcioparole.wordpress.com/2009/05/09/lettera-aperta-a-marco-materazzi/

Lettera aperta all’Ordine dei Medici

https://calcioparole.wordpress.com/2012/07/03/lettera-aperta-allordine-dei-medici-nazionale-e-di-pavia-e-allazienda-ospedaliera-provincia-di-pv/

Scena muta dell’Ordine dei Medici

https://calcioparole.wordpress.com/2012/12/22/sindrome-compartimetale-materazzi-scena-muta-dellordine-dei-medici-sulla-tecnica-marziana-del-prof-francesco-benazzo/

Tecnica microinvasiva del Prof. Benazzo: il S. Matteo si arrampica sui vetri

https://calcioparole.wordpress.com/2012/08/02/tecnica-microinvasiva-prof-franco-benazzo-lupt-san-matteo-si-arrampica-sui-vetri/

Castagner a “Undici”: Materazzi simulava gli infortuni

https://calcioparole.wordpress.com/2012/11/15/castagner-a-undici-materazzi-simulava-gli-infortuni/

L’ADDIO

 

L’Inter ha scaricato Materazzi?

https://calcioparole.wordpress.com/2011/06/21/linter-ha-scaricato-materazzi/

“VACANZA” A PERUGIA E DIFENSORI D’UFFICIO CHE TOCCANO IL FONDO

Materazzi: vacanza a Perugia?

https://calcioparole.wordpress.com/2009/03/22/materazzi-vacanza-a-perugia/

I difensori del difensore hanno toccato il fondo

https://calcioparole.wordpress.com/2009/04/02/i-difensori-del-difensore-hanno-toccato-il-fondo/

LA SUA CRISI, FRA MATERAZZATE, TEATRINI E SCALCINATI DIFENSORI D’UFFICIO

Materazzi, il cambio della disperazione

https://calcioparole.wordpress.com/2011/05/09/lo-scudetto-lha-vinto-il-milan-o-lha-perso-linter-intanto-materazzi-perde-il-testimone/

La disastrosa prestazione in Inter-Cesena

https://calcioparole.wordpress.com/2011/01/21/dal-pasticcio-ranocchia-esce-materazzi/

Quo vadis, Matrix?

https://calcioparole.wordpress.com/2009/01/18/quo-vadis-matrix/

Materazzi salta la premiazione del Mondiale per Club

https://calcioparole.wordpress.com/2010/12/19/nerazzurri-mondiali-e-l%E2%80%99anno-dell%E2%80%99inter/

L’esercito della salvezza si mobilita per Materazzi

https://calcioparole.wordpress.com/2010/12/14/lesercito-della-salvezza-si-mobilita-per-materazzi/

La crisi di Materazzi

https://calcioparole.wordpress.com/2010/12/02/la-crisi-di-materazzi/

Attore da Oscar

https://calcioparole.wordpress.com/2010/11/25/inter-sterile-tre-punti-su-un-rimpallo/

Derby con uscita in barella

https://calcioparole.wordpress.com/2010/11/16/materazzi-titolare-nel-derby-chi-lha-veramente-voluto/

Kolossal derby: Matrix escluso anche dalla panchina

https://calcioparole.wordpress.com/2009/02/11/matrix-gioca-il-derby-potere-di-calcio-e-parole/

https://calcioparole.wordpress.com/2009/02/16/derby-infuocato-temperatura-11/

L’uomo smascherato

https://calcioparole.wordpress.com/2009/02/08/linter-espugna-la-citta-delluomo-smascherato/

L’Inter legge “Calcio e Parole”

https://calcioparole.wordpress.com/2009/01/05/linter-legge-calcio-e-parole/

Lettera aperta ad Andrea Sorrentino (Repubblica)

https://calcioparole.wordpress.com/2010/01/07/anche-a-la-repubblica-leggono-calcio-e-parole/

L’autogoal di Materazzi

https://calcioparole.wordpress.com/2009/12/31/lettera-ai-folletti-cattivi-consiglieri-di-materazzi/

Materazzi il babysitter resta a casa dai Mondiali 2010

https://calcioparole.wordpress.com/2010/06/28/materazzi-il-babysitter-e-rimasto-a-casa/

 

STIRAMENTI, RISENTIMENTI E RECUPERI LAMPO

 

Mister “Stira e ammira”

https://calcioparole.wordpress.com/2010/10/10/materazzi-stira-e-ammira/

Parma: Mourinho lo lascia in campo stirato

https://calcioparole.wordpress.com/2010/02/14/matrix-aveva-voluto-la-bicicletta%E2%80%A6/

La Premiata sartoria Materazzi

https://calcioparole.wordpress.com/2010/02/06/la-premiata-sartoria-materazzi/

Materazzi “Fora quota, fora tutto”: Mourinho ci mette questa faccia

https://calcioparole.wordpress.com/2010/01/19/materazzi-%E2%80%9Cfora-quota-fora-tutto%E2%80%9D-mourinho-ci-mette-questa-faccia/

Materazzi e la politica dei cerotti

https://calcioparole.wordpress.com/2009/03/08/materazzi-e-la-politica-dei-cerotti/

LE STRANEZZE DI UN RINNOVO

 

Strane voci di mercato

https://calcioparole.wordpress.com/2009/08/19/materazzi-quelle-voci-di-mercato/

Una gaffe clamorosa

https://calcioparole.wordpress.com/2009/06/26/materazzi-da-una-clamorosa-gaffe-a-un-rinnovo-non-ufficializzato/

Rinnovo di contratto e rebus

https://calcioparole.wordpress.com/2009/07/03/rinnovo-materazzi-lufficializzazione-non-risolve-il-rebus/

VACANZE A RICCIONE

 

Furto borsa dal camerino

https://calcioparole.wordpress.com/2010/08/26/furto-borsa-a-riccione-la-famiglia-materazzi-ringrazia/

Materazzi jr. al Pronto Soccorso di Riccione

https://calcioparole.wordpress.com/2012/01/05/buon-sangue-non-mente-materazzi-junior-al-pronto-soccorso/

La censura del “Corriere Romagna”

https://calcioparole.wordpress.com/2012/01/10/dopo-la-censura-lettera-aperta-a-maria-patrizia-lanzetti-direttrice-de-il-corriere-di-romagna/

https://calcioparole.wordpress.com/2012/01/11/la-risposta-di-maria-patrizia-lanzetti-e-la-replica-di-ladycalcio/

https://calcioparole.wordpress.com/2012/01/12/maria-patrizia-lanzetti-e-il-corriere-romagna-perdono-la-faccia/

https://calcioparole.wordpress.com/2012/01/17/incredibile-il-corriere-romagna-censura-anche-se-stesso-rimosso-dalla-rete-larticolo-su-materazzi-al-pronto-soccorso-di-riccione/

All’Aquafan, ringiovanito da oggi.it

https://calcioparole.wordpress.com/2010/07/09/oggi-it-ringiovanisce-materazzi-%E2%80%93-e-censura-ladycalcio/

SOCIAL NETWORK E CENSURE

 

Matrix censura Piercarlo

https://calcioparole.wordpress.com/2010/04/27/matrix-censura-piercarlo/

Strafalcione su Twitter

https://calcioparole.wordpress.com/2012/01/13/ladycalcio-a-iomatrix23-complimenti-per-le-coppe-e-non-solo/

Materazzi banna Ladycalcio dal suo Twitter

https://calcioparole.wordpress.com/2012/12/27/materazzi-banna-ladycalcio-dal-suo-profilo-twitter-ma-arriva-il-boomerang/

Materazzi mi segue su Twitter

https://calcioparole.wordpress.com/2013/01/20/materazzi-mi-segue-su-twitter-mi-invidiano-in-180-000/

L’INCONTRO SEGRETO

 

Ladycalcio ha incontrato Materazzi (ma lui non lo sa)

https://calcioparole.wordpress.com/2009/12/14/ladycalcio-ha-incontrato-materazzi-ma-lui-non-lo-sa/

MATERAZZATE MEDIATICHE

 

Va pensiero sulla litoranea

https://calcioparole.wordpress.com/2009/10/15/materazzi-e-checco-zalone-zeru-buon-gusto/

L’Ispettore Coliandro e la sorella di Zidane

https://calcioparole.wordpress.com/2009/09/03/materazzi-l%E2%80%99ispettore-coliandro-e-la-sorella-di-zidane/

Materazzi a “Prima Serata”, la sagra del farlocco

https://calcioparole.wordpress.com/2011/02/13/materazzi-a-%E2%80%9Cprima-serata%E2%80%9D-la-sagra-del-farlocco/

Materazzi, opinionista sgrammaticato, trova un santo a Gazza Offside

https://calcioparole.wordpress.com/2012/09/17/materazzi-opinionista-sgrammaticato-trova-un-santo-a-gazza-offside/

Gazza Offside taglia un’amnesia di Materazzi in streaming

https://calcioparole.wordpress.com/2012/12/14/amnesia-di-materazzi-in-streaming-gazza-offside-taglia/

Compleanno Materazzi: gli auguri notturni dell’Inter

https://calcioparole.wordpress.com/2011/08/19/compleanno-materazzi-gli-auguri-notturni-dellinter/

INCREDIBILE MA VERO, QUESTO PUTIFERIO NACQUE  DAL SEGUENTE ARTICOLO IN SOSTEGNO DI MATERAZZI 😯 : MARCO MATERAZZI, IL RITORNO DEL GUERRIERO

https://calcioparole.wordpress.com/2008/06/24/marco-materazzi-il-ritorno-del-guerriero/

 

Posted in "CASO" MATERAZZI, Inter | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | 24 Comments »

MATERAZZI BANNA LADYCALCIO DAL SUO PROFILO TWITTER: MA ARRIVA IL BOOMERANG…

Posted by ladycalcio su giovedì, dicembre 27, 2012

Tweet progetto MaterazziNo immagini recenti

Era l’8 marzo – Festa della Donna – quando pubblicavo il post “Materazzi ha un progetto? Anch’io” e mi divertivo a twittarlo per conoscenza al diretto interessato. Peraltro, come dimostra l’immagine sopra, senza neppure una parola di commento. Il post, linkato in calce, conteneva un’amara verità: Materazzi aveva fatto una fine ingloriosa, ricevendo il benservito dall’Inter senza neppure un ringraziamento per i suoi 10 anni di onorata carriera in nerazzurro. Nell’articolo, annunciavo altresì di essere in procinto di tornare a parlare di sindrome compartimentale – tasto dolente per il nostro spilungone- e dell‘autogoal più rovinoso della di lui 🙂 carriera.

La verità fa male e da “cavaliere” e  “grande uomo” 😆 qual è (o forse, in preda a un attacco di panico al solo leggere il nome “Ladycalcio”) Marcone non trovava nulla di meglio che bannarmi dal suo Twitter.

Padronissimo, ci mancherebbe! Indubbiamente poco democratico, ma pur sempre libero di escludere dal suo profilo chiunque abbia una faccia che non gli va… sebbene la mia faccia Materazzi non la conosca neppure, in quanto, a suo tempo, tremò al solo pensiero di vedersela davanti 😳 .

Per quanto mi riguarda, poco male: conto di sopravvivere indenne all’astinenza dalla sagra degli svarioni e degli insulti che la contraddizione vivente Marco Materazzi lascia a decoro del suo profilo.

Parimenti, tuttavia – e qui viene il bello – , anch’io sono libera di indirizzare messaggi a chi mi pare da questo blog. Tagliatimi i fili da @iomatrix23, dunque, d’ora in poi comunicherò con Materazzi direttamente da queste pagine, con i seguenti vantaggi:

1)      potermi beatamente allungare ben oltre i 144 caratteri di Twitter 🙂 ;

2)       far rimbalzare i contenuti nella Rete 😆 ;

3)       divertirmi un mondo :mrgreen: .

Per “Astutillo” Matrix 🙂 , che persevera diabolicamente negli stessi errori, gli svantaggi sono i medesimi all’opposto; soprattutto il secondo, per il quale vale lo stesso discorso fatto pochi giorni fa sul taglio a Gazza Offside: anziché avviarsi a una tranquilla vecchiaia su Twitter scomparendo di lì a poco, i miei pseudotweet rimarranno a imperitura memoria, con i  motori di ricerca a riproporli in aeternum rimandando  impietosamente gli utenti a questo blog e al “caso sindrome compartimentale”…. .

Come dite? Lui non mi legge?  Eh no! Qui – ve lo garantisco – il bello deve ancora venire.

Caro Marcone, tu non lo sai, ma sei stato sorpreso a tua insaputa mentre 😆  ….   Eh eh, questa è forte, caro campionissimo ❓ , sto per pubblicare una “prova” che ti darà molto fastidio :mrgreen: … Coraggio “eroe”, ti tengo ancora per qualche giorno sulle spine, ma… NON PERDERTI IL MIO PRIMO POST DEL 2013! 🙄

E dato che non posso mandarti gli auguri via Twitter, sportivamente aggiungo: buon fine anno a Riccione! Stammi bene e … mi raccomando, vacci piano con la piada!

Il post inviato a Marco via Twitter nel marzo scorso

http://bit.ly/Vzz3x7

L’amnesia di Materazzi a Gazza Offside

http://bit.ly/UKGjpv

Posted in "CASO" MATERAZZI | Contrassegnato da tag: , , , , , , | 12 Comments »

Furto borsa a Riccione: la famiglia Materazzi ringrazia

Posted by ladycalcio su giovedì, agosto 26, 2010

Ieri sera, cliccando sul Sito Ufficiale di Marco Materazzi, si poteva leggere un accorato appello del giocatore a chiunque fosse stato in grado di aiutarlo a ritrovare una borsa rubata domenica scorsa alla moglie Daniela nel camerino di un negozio di abbigliamento a Riccione.

Nel post, intitolato “Furto alla famiglia Materazzi!”, Matrix prometteva di sdebitarsi verso chi avesse rinvenuto la borsa (“il cui contenuto è molto importante per me e per mia moglie, dunque sono disposto a ringraziare” 😯 ) o fornito indicazioni utili all’identificazione della persona responsabile del furto. No problem, manco a dirlo, se si fosse trattato di “accontentare” uno Sherlock Holmes interista, ma data la posta in gioco, il nostro non si formalizzava di certo davanti a una diversa fede calcistica!

L’appello, udite udite, era corredato nientemeno che dalle immagini riprese dalle telecamere a circuito chiuso del negozio 😯 , con tanto di indicazione della via in cui il medesimo è situato. Il video che Matrix invitava i lettori a visionare, mostrava una persona di sesso femminile introdursi furtivamente nel camerino della moglie Daniela approfittando di un attimo di distrazione di quest’ultima, sottrarle la borsa e svignarsela.

Dulcis in fundo, il Materazzi che da una vita ha chiuso la casella email di dialogo con  i lettori 😦 , indicava loro uno specifico indirizzo email  al quale  inviare eventuali informazioni.

Nella mattinata di oggi, post e video erano spariti nel nulla 😯 . Mi è difficile immaginare che il mal tolto sia stato ritrovato nell’arco di una notte (anche se, per senso di giustizia, auguro a Marco e Daniela che ciò avvenga presto). Dunque, volutamente non riporto  brani del testo rimosso, né scendo in particolari che ritengo essere stati pubblicati in modo avventato dal “solito Materazzi” prima che qualcuno un po’ più accorto ed informato gli facesse leggere d’urgenza la normativa vigente in materia di installazione di telecamere e protezione della privacy. (Si vedano i link in calce a questo post).

Mi limito quindi a un paio di interrogativi e a qualche considerazione. Quelle immagini sarebbero state fornite a Maria Rossi, a me o a te, lettore? In caso di risposta negativa: per gli eroi della pedata vigono trattamenti di favore anche nella vita? Già di primo acchito mi ero domandata: possibile che sia legale mettere online un video che, oltre all’autrice del furto, mostra persone distinguibili in volto, tra cui un minore, ignare di fare il giro del mondo?  Dalla regolamentazione linkata, mi pare proprio di capire che legale non lo sia per nulla.  Semmai  è la Pubblica Sicurezza che, in casi eccezionali, dispone di rendere pubblici identikit o immagini che possano aiutare a risalire agli autori di crimini ben più gravi.

Al di là di questo, mi ha colpito l’”eleganza” (si fa per dire) di quel “dunque sono disposto a ringraziare” in relazione all’importanza che il contenuto della borsa riveste per Marco e consorte. Matrix non lo specifica, ma per giungere a tanto… Posso solo immaginare che si tratti di un valore affettivo quale un regalo o un ricordo importante, di documenti, di un’agenda elettronica con dati, numeri e riferimenti , di qualcosa frutto di un lavoro non quantificabile o, comunque,  non risarcibile in denaro. Come diventano riconoscenti e generosi i coniugi Materazzi, toccati sul vivo!

Ebbene: ricordate “Il Ritorno del Guerriero”, il lungo, appassionato, per me importantissimo articolo frutto di mesi di lavoro che regalai a Materazzi nell’estate 2008 senza ricevere neppure un cenno di ringraziamento (anzi, mi parve di avergli fatto un dispetto)?

Davanti a un tale sfoggio di opportunismo, mi chiedo dove possa arrivare la riconoscenza “interessata”di un Materazzi toccato duro sul personale secondo i parametri di valore professati da lui e dal suo entourage: al regalo di una maglietta autografata consegnata con il sorriso? Per la cronaca, un’analoga consegna avvenne nel maggio 2008 per la gioia del vincitore dell’asta benefica del Centenario, che si era aggiudicato la maglia indossata da Matrix in Inter-Reggina alla modica quota di 6.000 Euro”, con foto ricordo e visita alla Pinetina compresi nel “pacchetto”.

Oppure, a una visita al Centro Sportivo Angelo Moratti di Appiano Gentile accompagnati da un Matrix sorridente a 40 denti, più due biglietti omaggio di tribuna rossa per il prossimo match di Champions League?  Al fatidico caffè al bar di Appiano 😀 mai offerto a Ladycalcio :-(?

Ladycalcio, che con l’intromissione di terzi in un dono fatto di cuore a Matrix in senso figurato ha a sua volta subito una grave invasione nel suo  spazio privato e uno “scippo” in termini di gratificazione personale, è decisa a non dare scampo ai colpevoli.

Nel pomeriggio, dopo aver rimosso il post di cui sopra, Matrix ne ha pubblicato un altro in cui, minacciando querele, smentisce seccamente le parole volgari attribuitegli dal Dott Paclet, ex-medico della Nazionale francese e neoautore di un libro, in occasione della Finale Mondiale di Berlino.

Che questa storia Materazzi-Zidane potesse diventare infinita potevo immaginarlo”, scrive Matrix. Non aveva messo in conto che potesse divenire tale anche la storia Materazzi-Ladycalcio.

Link alla normativa vigente in materia di telecamere e privacy:

http://www.safetal.com/italian/dettaglio_news_sicurezza.php?idnews=2574

http://docs.google.com/viewer?a=v&q=cache:WQqrlt43c9kJ:www.gpa.it/pdf/videosorv_privacy.pdf+disciplina+telecamere+a+circuito+chiuso&hl=it&gl=it&pid=bl&srcid=ADGEEShv9owE6KcEnQptV0oqIJlti2W17uJg8KXSR0i5c6AU4xP8ODsTgKGpNbZbSD8dFTmUGv-Gj0wP68EMqNXlTrRUC-m1CkrGnEMd3G3tlXsDcqYLodBUDzBox1FW5AKSKQSl7vy1&sig=AHIEtbRvYSDfZlHVtykgwHsdE47e8KjBeQ

http://www.aylook.com/videosorveglianza_privacy.php

Leggi come Materazzi ha trattato Ladycalcio al seguente link:

https://calcioparole.wordpress.com/2008/11/24/perche-non-credo-piu-alla-sindrome-compartimentale-di-materazzi/

Posted in "CASO" MATERAZZI | Contrassegnato da tag: , , , , | 25 Comments »

LADYCALCIO HA INCONTRATO MATERAZZI (ma lui non lo sa)

Posted by ladycalcio su lunedì, dicembre 14, 2009

Subito una bella notizia per Marco Materazzi: d’ora in poi non dovrà più vivere nel terrore che, prima o poi, gli capiti di incontrare Ladycalcio. L’ha già incontrata.

Peraltro, nell’ultimo posto dove lei avrebbe mai immaginato di incontrarlo. L’ho sempre sostenuto: la vita ha più fantasia di un film. Una fantasia talmente sbrigliata da arricchire il mio già intrigante “giallone”sul numero 23 nerazzurro con un Matrix che viene inaspettatamente … sul mio terreno. Destino?

Non svelo dove né quando. Per fornire un’idea volutamente approssimativa, dirò che è accaduto nel periodo che va da dopo le ferie estive ad oggi. Dunque, se in questo lasso di tempo Marco non ricorda di essersi imbattuto in draghi sputafuoco, mostri a due teste o streghe con gli occhi iniettati di sangue, può già tirare un sospiro di sollievo.

Un “incontro ravvicinato del terzo tipo”, il mio con Materazzi: ci siamo guardati negli occhi, abbiamo parlato e ci siamo stretti la mano. Il tutto, senza che lui sapesse di avere davanti a sé Ladycalcio.

Una foto ricordo ambientata ci ritrae insieme. L’ho qui davanti a me mentre scrivo, la mia foto con Materazzi, a testimonianza dell’avvenuto incontro. Se non la mia persona, Matrix ricorderebbe senz’altro l’occasione. Che ci crediate o no, quando l’ho scaricata nel computer ha fatto saltare i plug-in del mio programma fotografico, costringendomi a reinstallarlo. No, non l’ho appesa sopra il letto, ma la sto osservando ora. Che dire? Innanzitutto, che Matrix è più fotogenico di me… è venuto benissimo. Cosa rara, abbozza persino un sorriso…

Perché tutto questo? NON CERTO PER PRENDERMI GIOCO DELLA BUONA FEDE DI MARCO – ed è l’aspetto che più di tutti tengo a sottolineare. Soltanto per cercare di capire. Per trovare delle risposte che da un anno e mezzo inseguo e che non smetterò di inseguire. L’occasione che mi si offre inaspettata mi fornisce degli spunti di osservazione e delle conferme.

Davvero sta arrivando Materazzi? Sì, ma Matrix passa di qui come una meteora, anche se il giorno seguente i giornali la racconteranno in tutt’altro modo. Il suo percorso è rigidamente scandito da un protocollo da cui non può derogare. Marco è letteralmente “portato” da altri. Non è un bel vederlo: manca solo che lo confezionino e che lo spediscano chissà dove come un pacco postale. È quello che avevo sempre temuto: che Materazzi fosse una “pedina” nelle mani di altri.

Lo osservo da vicinissimo: alto e slanciato, fisico asciutto da atleta, in perfetta linea, ancor più snello di come appare in televisione. Sarà che dimostra meno dei suoi 36 anni, sarà la buona forma… fatto sta che non mi capacito di cosa ci faccia uno così in panchina.

Il viso, dai lineamenti fini, è magro, con gli zigomi pronunciati. La vecchia cicatrice sotto l’occhio destro, ricordo di uno scontro di gioco con Muzzi in Lazio-Inter del marzo 2005, si nota molto poco e per quel poco che si nota, quasi “gli dona”, alla stregua di un attestato delle battaglie sostenute sul campo. L’espressione è cupa e imbronciata, come di uno sulle sue. Matrix non è propriamente un espansivo. Lo percepisco molto chiuso, introverso, forse un po’ a disagio.  Non ho il tempo di capire se è timido, scontroso o se ha costruito una sorta di “barriera” fra sé e il prossimo. Un “minimalista della comunicazione”: così lo definirei.

La curiosità è femmina. È lì davanti a me senza intermediari, il ragazzone scalpitante con il berretto con il numero 23, “Tutti pazzi per Materazzi”, il “Guerriero” che ha paura di una lady, la vittima della sindrome compartimentale :-), dello sfondamento dell’arco zigomatico 🙂 e soprattutto dei cattivi consiglieri che l’hanno fatto massacrare e che continuano imperterriti sulla loro strada … il giocatore dei risentimenti alla coscia, dell’intenso lavoro di recupero a Perugia :-), del basettone non rasato.. il non convocato, quello che parte dalla panchina, quello che mi ha detto quelle brutte frasi al telefono passando sopra il mio lato umano come un carrarmato e che io ho bastonato senza pietà nei miei post….

Ce l’ho davanti, il Campione del Mondo caduto in disgrazia presso Lippi e Mourinho, al quale nel maggio scorso avevo riaperto una porta indirizzandogli, su questo blog, una lettera aperta rimasta senza risposta: “Potrà sembrare strano”, scrivevo, “ma se mi trovassi sulla fatidica torre insieme a te e ai tuoi ‘geniali’ consiglieri, scaraventerei  giù immediatamente loro – senza la rete sotto –  per guardare negli occhi te solo, non fosse altro che per togliermi il gusto di vedere come sei a tu per tu in assenza di telecamere, artifici, situazioni preparate e ‘rimorchi pesanti” a carico’”.

Ora a tu per tu ci siamo, anche se in versione “Lei non sa chi sono io”. Cosa che mi guardo bene dal dirgli: rischierei di vedermi stramazzare ai piedi, per svenimento, 90 e passa chili di atleta…

Non sembra neanche quello del fatto, Materazzi. È la tanto attesa occasione per accostarlo non prevenuto, senza pregiudizi né paure verso di me, come sarebbe probabilmente stato senza lo sciagurato intervento di chissà quali calunniatori al mio indirizzo o consiglieri da strapazzo.

Ma per riuscirci, devo a mia volta sgombrare il campo da quegli sciagurati e dai loro disastri e uscire per un attimo dai panni di Ladycalcio. Proprio come si tagliano delle brutte scene da un film, mi sforzo di fare il vuoto mentale assoluto su tutto quanto accaduto dal giorno in cui inviai a MaterazziIl Ritorno del Guerriero” a questo preciso istante. In altre parole, mi riposiziono mentalmente al tempo in cui scrivevo quell’articolo, ignara dell’assurdo equivoco che avrebbe generato, e provo a gestire l’approccio con Matrix come avrei voluto fare.

Materazzi non può neanche lontanamente immaginare i miei pensieri. È cortese con me. Sono sollevata dal vedere che è a suo agio e che non gli faccio minimamente paura, lontanissimo com’è dall’idea che chi gli sta davanti possa essere Ladycalcio. Ciò che ci siamo detti in quei brevi istanti rimane tra noi. SUL MIO ONORE, LE MIE PAROLE SONO STATE GENUINE, SENZA IPOCRISIE NE’ MENZOGNE.

Mi sembra di leggergli qualche pensiero, ma questo è top secret. Osservo gli occhi di Marco: restano sempre tristi anche quando ride. Alla fine si scioglie, Matrix. Mi apprezza, e a modo suo, me lo dimostra.

Non si sciolgono, purtroppo, i nodi fra noi. La situazione è strana, quasi surreale. Sotto certi aspetti, anche un po’ crudele. Rimane mia personalissima opinione che la crisi di Materazzi sia psicologica e non fisica. Rimane la mia ferma convinzione di essere stata vittima di una vigliaccata senza possibilità di difendermi. Rimangono le parole offensive rivoltemi. Rimangono interrogativi irrinunciabili che mi riguardano, primi fra tutti, la stranissima reazione di Matrix al mio articolo “Il Ritorno del Guerriero” e la sua incomprensibile paura nei miei confronti. Ora, Matrix è lì davanti a me. Vorrei tanto raccontargli come nacque quel pezzo, il vero perché della fatidica parte tecnica che vi inserii, i retroscena che lui non potrebbe mai immaginare. Ho la matematica certezza che lo libererei da ogni paura.

Non posso. Vorrei anche chiedergli se si è ricreduto sulla mia “poca intelligenza” e sul mio “autogoal” e se seguirebbe ancora i consigli delle “menti illuminate” che mi hanno “costretta” a metterlo alla gogna.

Se solo Marco non ci avesse messo del suo dicendomi quelle sciagurate parole (o se almeno fosse tornato indietro in tempo, lui che afferma di essersi più volte pentito della sua impulsività e di aver riconosciuto i suoi errori), non saremmo al punto in cui siamo. Non credo che se potesse tornare indietro me le direbbe più, ma come ho sempre detto, i pentimenti di comodo non mi interessano.

Ora è tempo di tornare alla realtà presente. È tempo di bilanci e di risposte. Dopo una pausa solo apparente, a giorni stilerò un bilancio imbarazzante, parlando, fuori dai denti come non mai, a coloro che, temo, hanno sulla coscienza qualche sua panchina e tribuna di troppo.

Ora Materazzi l’ho toccato con mano, nel vero senso del termine. L’incontro mi ha fornito delle verifiche, avvalorate da altri recenti avvenimenti e acquisizioni. Mentre scrivo ho sempre davanti la foto, l’unico ricordo bello di Materazzi e di questa sconcertante vicenda. L’ho mostrata solo a pochi intimi.

Ma quale strano vento l’avrà portato proprio qui? Provo a immaginare la sorpresa e la faccia incredula di Matrix quando leggerà queste righe e comincerà a lambiccarsi il cervello su luoghi, occasioni e persone incontrate. Spero che a questo punto della lettura non sia già stramazzato dalla sedia svenuto…  :-). Escludo che riuscirà a risalire alla persona giusta. Meno che mai fino a che continuerà ad immaginarmi brutta, sporca e cattiva :-(.

Nella lettera aperta del maggio scorso gli avevo anche scritto: “Se mai la vita con la sua sbrigliata fantasia ci porterà faccia a faccia, penserai di essere stato un pirla (intendila in senso affettuoso e umoristicamente mourinhano), tanto sono lontana da come mi immagini…

La prima parte si è già avverata.

https://calcioparole.wordpress.com/2008/06/24/marco-materazzi-il-ritorno-del-guerriero/

https://calcioparole.wordpress.com/2008/11/24/perche-non-credo-piu-alla-sindrome-compartimentale-di-materazzi/

https://calcioparole.wordpress.com/2009/05/09/lettera-aperta-a-marco-materazzi/

Posted in "CASO" MATERAZZI, Calcio italiano | Contrassegnato da tag: , , , | 41 Comments »

QUO VADIS, MATRIX?

Posted by ladycalcio su domenica, gennaio 18, 2009

“Ladycalcio e Materazzi”: queste le keyword con cui entrate sempre più numerosi in questo blog con il motore di ricerca.  Eccovi  dunque una nuova puntata del seguitissimo serial.

Venerdì 16 gennaio. La voce di un’improbabile offertona del Manchester City per Materazzi (5,5 Milioni di Euro per 2 stagioni con opzione per un eventuale 3° anno), materializzatasi giovedì, rimbalza su giornali e siti Internet, ricordandoci che Matrix è ancora al Mondo. Un altrettanto improbabile tentativo di rilanciarne le quotazioni?

Chissà. Dati alla mano, il “Guerriero” appare in disarmo: su 26 partite ufficiali della stagione in corso, ne ha giocate soltanto 10, peraltro non complete (sostituito nel derby, solo 19’ in Inter-Werder per stiramento, un solo tempo di Werder-Inter…). Anzi, potremmo già dire su 28 partite ufficiali, perché come se non bastasse, a fine mattinata il Sito Ufficiale dell’Inter riferisce di un suo nuovo enigmatico infortunio: “Terapie per Marco Materazzi che, invece, non si è allenato: i primi accertamenti ai quali è stato sottoposto dallo staff medico dell‘Inter hanno infatti evidenziato un risentimento al retto femorale della coscia sinistra. Per il difensore, che non sarà disponibile per Atalanta-Inter al pari di Sulley Muntari (squalificato), sono già stati programmati per la prossima settimana ulteriori esami strumentali.” Visti i precedenti, l’Inter ci risparmia qualsiasi precisazione sulla dinamica dell’incidente.

“Risentimento”: un termine generico con cui si intende solitamente un dolore – o problema fisico – di lieve entità (causato da affaticamento, microcontrattura, ecc.) o il leggero riacutizzarsi di un precedente infortunio (poco probabile nel caso in oggetto, dato che, fino al giorno prima, Matrix sgambettava felice sul campo con la mascherina). Quanto al retto femorale, trattasi di un robusto muscolo situato nella parte anteriore della coscia (uno dei 4 capi del quadricipite).

Strano, dunque, che si moltiplichino le voci secondo cui, in seguito a un non meglio precisato “risentimento”, Matrix debba stare fermo per 8-10 giorni e saltare anche l’incontro di Tim Cup contro la Roma di mercoledì 21 (il 28° ufficiale della stagione, appunto). Lo affermano, tra l’altro, Sky Sport 24 e l’amico giornalista Andrea Elefante, che sulla “Gazzetta dello Sport” parla di  “stop anti-rischi”, di un “risentimento al retto femorale della coscia sinistra da riverificare la prossima settimana”, di “ un muscolo molto delicato” (che dire allora del soleo o del gracilis…), motivando l’assenza di Matrix nei prossimi due incontri con il rischio di ripetere il lungo stop di Jimenez (!!!???). Peccato che quest’ultimo si fosse procurato uno “stiramento mio-tendineo nella zona distale del retto femorale della gamba sinistra”; in parole semplici, lo stiramento della parte inferiore del muscolo retto femorale e del tendine con il quale esso, unitamente agli altri 3 capi del quadricipite, si inserisce a livello di rotula e tuberosità della tibia. Un infortunio muscolo-tendineo molto delicato, dunque. Ben altro che un “risentimento”!

Alla luce di tutto questo, 4 martellanti interrogativi agitano ora le notti dei tifosi nerazzurri: 1) Non appare singolare che un “risentimento” accusato il venerdì mattina richieda “ulteriori indagini strumentali” nel corso della settimana seguente ? 2) Abituato com’è Matrix ai fulminei accertamenti nella notte a Pavia con successivi interventi chirurgici e dimissioni-lampo, “la prossima settimana” non suona forse come un tempo da Servizio Sanitario Nazionale (ricordate quando ci si recava alle vecchie USL per far timbrare l’impegnativa del “medico della mutua”?) Di colpo Materazzi è diventato così poco importante per l’Inter? 3) “Materazzi non si è allenato”. Come mai neppure una seduta differenziata, come si usa in questi casi? Magari tenendo desta la potenza aerobica con il prodigioso spinning del Prof. Bisciotti (30-40’ del quale, assicura il Prof. Giorgio Rondelli, varrebbero come 2 h 30’ su bici da corsa)? 4) Perché si dà già Materazzi per irrecuperabile in vista di Inter-Roma? Proprio lui, il leone dei recuperi, che dopo lo stiramento di 1° grado al muscolo semimembranoso (ben più delicato del retto femorale) alla coscia destra rimediato in Champions League contro il Werder Brema il 1 ottobre, l’ 8 ottobre già palleggiava e correva ? Il “Guerriero” non smette di fornirci spunti di discussione a go go.

Stavolta, l’elefante nella cristalleria è il canale tematico nerazzurro, che sempre nel pomeriggio di venerdì 16, in” Zona Mista”, mostra delle immagini di Matrix mascherato in porta. “Queste sono immagini che si riferiscono alla giornata di ieri (15 gennaio 09, ndr.) con mascherina Materazzi”, annuncia Roberto Scarpini. Non me ne voglia il buon Roberto, sono ben lungi dall’avercela con lui, ma quelle immagini Inter Channel le aveva già mandate in onda il 17 dicembre scorso (infatti, mostrano Materazzi ancora con la mascherina nera, non con quella tricolore che indossa dai primi di gennaio). Quelle viste in precedenza durante la trasmissione, in cui il centrale nerazzurro esibisce trionfante il “buco” del suo marziano intervento chirurgico allo zigomo (ahimè, prossimo a un basettone di più giorni), risalgono addirittura al 12 dicembre. Perché tutte queste maldestre “peripezie”? E perché il canale tematico nerazzurro ieri ha mostrato quei vecchi allenamenti al posto delle immagini di giornata?

Tante stranezze che mi inducono ancora una volta a dubitare della versione ufficiale dei fatti. Prima fra tutte, quel “giustificare”  in anticipo l’esclusione di Matrix da Inter-Roma di mercoledì prossimo, incontro di TIM Cup che, secondo la logica del turnover, avrebbe dovuto vederlo in campo.

Si tratterà davvero di un risentimento muscolare, rimediato, chissà, nell’ennesimo scontro di gioco, o piuttosto di un “risentimento” di ben altro genere, rimediato in uno scontro con Mourinho? O peggio, in seguito ad uno scontro di Matrix con se stesso?

E se invece avessero ragione i tanti che sostengono che il n° 23 nerazzurro sia ormai “sempre rotto”, al punto di essere KO per un risentimento? Quanti nodi da sciogliere!

I fatti dicono che Materazzi non scende in campo dal 9 dicembre. Altro che il dopo Budapest, durante il quale, nel mio pezzo “Il Ritorno del Guerriero”, l’avevo visto così scattante e in forma. Persuasa di vederci bene, ho notato che dall’uscita del mio post “Perché non credo più alla sindrome compartimentale di Materazzi” (24.11.08), Matrix ha giocato due partite soltanto. Dalla pubblicazione di “Materazzi, operazione eroe” (15.12.08) , l’atleta mascherato non è più stato schierato.  Che Mourinho non ami il Carnevale?

E dire che, nei pochi incontri disputati, Materazzi mi è sempre parso all’altezza della situazione, sia dal punto di vista fisico, sia da quello tattico.  Cosa non funziona, allora?

A regalarci un’interessante immagine di giornata ci pensa Sky Sport 24 di venerdì, che mostra Materazzi in macchina all’uscita dal Centro Sportivo Angelo Moratti: “Il viso con cui esce dalla Pinetina dice tutto”, commenta l’autrice del servizio Daria Nicoli. Incazzato nero, con gli occhi che lanciano fulmini, firma un paio di autografi senza neanche guardare in faccia i tifosi e sgomma. Una cosa è certa: l’aria di uno che si è visto offrire 5,5 milioni di Euro proprio non ce l’ha. Più che infortunato, si direbbe in rotta con il Mondo intero. Chissà, forse anche con se stesso. “Sul campo, di fermarsi Materazzi non ne aveva proprio voglia”, commenta – non a caso – la Nicoli. Oggi intanto, Matrix ha goduto di un giorno di riposo da dedicare alla famiglia.

Ora, in attesa degli sviluppi, mi sento di dover lanciare un accorato appello allo staff sanitario nerazzurro a nome di tutti i tifosi in ansia: per pietà, la settimana prossima fate tutto e poi ancora tutto, ma risparmiateci la notizia-choc di un intervento chirurgico al retto femorale della coscia sinistra di Matrix. Temeremmo per quel mitico tatuaggio della Coppa del Mondo…

(Continuano…)

Posted in "CASO" MATERAZZI, Inter | Contrassegnato da tag: , , , , | 21 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: