CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Posts Tagged ‘Juventus-Inter’

JUVE-INTER, SIAMO DACCAPO

Posted by ladycalcio su sabato, febbraio 11, 2017

rizzoli

L’espressione del viso dell’arbitro Rizzoli all’uscita dallo Juventus Stadium domenica sera parlava da sola: era l’espressione stravolta e allampanata di chi sa di averla fatta grossa.

Da dopo Calciopoli, il Derby d’Italia non è mai più stato lo stesso, né mai potrà più esserlo. Se fra Juve ed Inter l’agonismo più acceso rispetto a un tempo è “fisiologico” e se qualche malcelato rancore fra le due contendenti può starci, ciò che è inaccettabile è la ricaduta nel buco nero arbitrale del passato.

I prodromi si sono visti tutti domenica scorsa. A riportarci ai tempi bui non sono stati soltanto il rigore negato all’Inter per il fallo di Mandzukic su Icardi e i due rossi comminati a Peresic e allo stesso argentino conditi dagli atteggiamenti pagliacceschi dell’arbitro Rizzoli. È vero che, per le due espulsioni, nessuna delle quali per fallo, trasparenza vorrebbe che venissero rese note le presunte frasi ingiuriose rivolte dai rispettivi nerazzurri al direttore di gara. Ma si sa, parlare di “trasparenza” in riferimento alla Juve è una parola enorme.

Ciò che più sconcerta sono le immagini inedite di un clamoroso inspiegabile episodio mandate in onda martedì da Inter Channel: calcio piazzato per la Juve, Chiellini fa per passare indietro a Buffon ma Icardi scatta in avanti, intercetta il pallone e si lancia a rete solo davanti al portiere. Non c’è fuorigioco, poiché Icardi era scattato da molto dietro. Ma Rizzoli fischia e fa ribattere. Perché?

E perché nella diretta TV l’episodio non era stato mostrato e al suo posto le telecamere avevano svariato su Di Bala a colloquio con Allegri? La risposta, temo, è da ricercarsi nello sguardo allampanato del fischietto mirandolese, che ironia della sorte, proprio lunedì ha annunciato che rinuncerà ai Mondiali 2018.

Il comunicato stampa ufficiale dell’Inter sull’accaduto: (…) “Abbiamo, nei toni corretti e nelle sedi appropriate, cercato un confronto su quelle che riteniamo decisioni arbitrali discutibili in una partita importante per noi e per la Serie A. Il nostro pensiero oggi va però solo al futuro (…)”.

Ma quando si parla di Juve, il passato riemerge prepotentemente da sé.

PS

Ho scritto tante volte che, dopo Calciopoli, la Juve avrebbe dovuto essere retrocessa in Serie C.

Ecco i link ad alcuni miei post su precedenti poco edificanti:

 

https://calcioparole.wordpress.com/2009/04/19/la-juve-non-si-smentisce-mai/

https://calcioparole.wordpress.com/2008/03/23/inter-juve-uovo-di-pasqua-bianconero/

https://calcioparole.wordpress.com/2008/02/26/juventus-oscar-per-la-peggior-sceneggiatura/

https://calcioparole.wordpress.com/2008/02/07/juve-carnevale-bianconero/

Annunci

Posted in Calcio italiano, Inter, Juventus, Media | Contrassegnato da tag: , , , , | 8 Comments »

La Juve non si smentisce mai

Posted by ladycalcio su domenica, aprile 19, 2009

Uova e bottiglie contro il pullman dell’Inter, insulti e gestacci agli operatori dell’informazione di fede interista, cori razzisti contro Balotelli per tutta la durata dell’incontro e quell’improponibile gigantesco Scudetto numero 29 esposto dagli ultras bianconeri.

Questo, il biglietto da visita di Madama prima di Juventus-Inter. Il comportamento della Vecchia Signora sul campo non è stato tanto meglio. Su “Il Giorno”, Luigi Signori parla di una “Juve scarpona e paesana”. Definizione più che mai calzante, se pensiamo alle botte prese da Stankovic e Figo e all’espulsione di Tiago, per tacere di quella bestemmia di Nedved (quello che spaccò la gamba al numero 7 nerazzurro), udita chiaramente in diretta Sky a fine primo tempo, con il labiale prontamente tagliato dal replay alla moviola. Questo, lo stile Juve. Eppure, a fine incontro, Legrottaglie riesce ancora a fare la paternale a Balotelli.

Dimenticavo: il goal del pareggio bianconero arriva ai minuti di recupero del 2° tempo, anch’esso in perfetto stile Juve. Per conto mio, non mi stancherò mai di ripetere che dopo Calciopoli la Juventus avrebbe dovuto essere schiaffata in Serie C. Avremmo evitato, per un bel po’, di vederci riproporre squallidi esempi di antisportività come quelli di ieri sera e di dovercene vergognare davanti al Mondo.

La Juve in A incarna l’attuale pochezza di valori del calcio italiano sui campi e fuori. Sul “fuori”, stendiamo un pietoso velo. E sul campo? Domina l’Inter, la migliore in assoluto in un campionato mediocre. Il discorso è sempre lo stesso: la Beneamata fatica a segnare, spreca mille occasioni, è monotona e prevedibile negli schemi. A chi sostiene che a metà aprile con 10 punti di vantaggio il bel gioco non conta più, rispondo senza problemi che il bel gioco dell’Inter di Mourinho sto ancora aspettando di vederlo. Quali gli schemi dello Special One, al di là dei lanci lunghi e delle solite puntate sulle fasce con i cross al centro?

Il Derby d’Italia, insomma, ha messo in luce la povertà di valori del calcio italiano a tutti i livelli, confermata dalla nostra secca bocciatura europea.

Fra le note liete in casa Inter, spiccano il rientrante Julio Cesar, il “muro” Samuel (seppur calato nel finale) e la freddezza a rete di Supermario Balotelli, con il fermo immagine di quel suo virtuosismo di tacco riproposto oggi da stampa e TV. Mario – è vero -si fa provocare. Vero anche che è un talento ancora grezzo con un carattere difficile da plasmare. Tuttavia, meglio puntare sulla sua freschezza e genuinità che non tentare il recupero impossibile di Adriano. Lasciamo dunque che l’Imperatore ritrovi il sorriso al sole del Brasile. Senza farlo perdere agli interisti.

Posted in Calcio italiano, Inter, Juventus | Contrassegnato da tag: , , , , , | 21 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: