CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Posts Tagged ‘Germania Campione del Mondo’

NON SAPPIA LA DESTRA COSA FA LA SINISTRA

Posted by ladycalcio su mercoledì, dicembre 31, 2014

No al secchio

Cari lettori,

Sta per concludersi il 2014, durante il quale abbiamo festeggiato il 7° anno insieme.

http://bit.ly/1txu7RC

È stato l’anno della Germania Campione del Mondo in Brasile, che Calcio e Parole ha seguito con un occhio di riguardo proponendovi tante curiosità inedite.

http://bit.ly/1ztuQzJ    http://bit.ly/1thpPrD   http://bit.ly/1wysLjV   http://bit.ly/1vEfx5Q   http://bit.ly/1A89tXv  http://bit.ly/1txsaEC   http://bit.ly/1AfZsbX

Al trionfo tedesco ha fatto da contraltare la disfatta italiana ad opera del Comandante Prandelli, che ha miseramente completato il suo naufragio nelle acque del Bosforo. È lui, senza scampo, la delusione dell’anno, sia sul piano tecnico sia su quello umano.

http://bit.ly/1Ag04yf   http://bit.ly/1thr6PH   http://bit.ly/1v4Yc9R    http://bit.ly/14aIhws

Come sempre, Ladycalcio si è distinta per il suo andare controcorrente rispetto al “gregge” . Caso emblematico, il non essersi fatta contagiare dalla virulenta epidemia mediatica della secchiata di ghiaccio contro la SLA.
L’esibizionismo sui social media e il fare della carità un investimento pubblicitario non appartengono al bagaglio di chi scrive, che auspica che il bene venga compiuto in segreto secondo l’esortazione evangelica “Non sappia la destra cosa fa la sinistra” (Mt, 6,3).

Sempre in tema di valori morali, non ho avuto timore di riprendere pubblicamente la giornalista Susanna Wermelinger (Ex-Inter Channel), apparsami troppo disinvolta sul caso Mauro Icardi-Wanda Nara.

http://bit.ly/1x0Qf6v

E chi si fosse perso il mio commento sul ritiro di Zanetti dopo la rottura del tendine d’Achille di ritorno dalla corsia preferenziale verso Papa Francesco, può leggerlo a questo link:

http://bit.ly/13QuPgq

“Milan Campione d’Europa 2007, fu vera gloria?”, scrivevo PRIMA della finale di Champions League ’07 vinta dai rossoneri grazie al braccino di Pippo Inzaghi.

http://bit.ly/1vEgjQk

Il prosieguo, troppo scomodo, venne clamorosamente censurato dall’uomo-Milan Fulvio Collovati. Ora, la risposta è sotto gli occhi di tutti. Ironia della sorte, con Inzaghi sulla panca rossonera…

http://bit.ly/1xvwRx7

Passando all’altra sponda del Naviglio: Inter, sarebbe un errore madornale cedere Handanovic! Basti dire che senza le prodezze del loro portierone pararigori, i nerazzurri sarebbero già in piena zona retrocessione!

http://bit.ly/1txtF5L    http://bit.ly/1xvwfHS

Nel corso dell’anno, il blog si è aperto a due universi troppo trascurati dai mass media: mi riferisco al calcio delle donne, in occasione della presenza di Regina Baresi (Inter femminile) a Tiki Taka (Italia 1) http://bit.ly/1xvurhO e alle “Vecchie Glorie” di Inter Forever, la selezione di amatissimi “ex” nerazzurri guidata da Francesco Toldo.

http://bit.ly/14aIijZ

Il proposito è di ritornare di tanto in tanto sui rispettivi argomenti.

Infine, Ladycalcio ha ripreso un paio di Tweet caustici con i quali si era divertita a punzecchiare gli addetti ai lavori, vedi il derby meneghino alla camomilla del maggio scorso e l’esonero di Mazzarri.

http://bit.ly/1D4bODv     http://bit.ly/1D4bRPI

Concludo augurando a tutti un buon fine anno e un felice 2015, sperando che sia calcisticamente esaltante e ricco di emozioni.

Vostra Ladycalcio

Posted in Calcio italiano, Calcio tedesco, Media, Milan, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , , , , | 19 Comments »

DEUTSCHLAND ÜBER ALLES

Posted by ladycalcio su lunedì, luglio 14, 2014

“Una squadra, un Paese, un sogno”. L’auspicio espresso a chiare lettere sul pullman della Germania si è realizzato: l’undici di Joachim Löw è Campione del Mondo, prima compagine europea a vincere una rassegna iridata in terra sudamericana.

Una vittoria meritata, seppur in un Mondiale tutto meno che stratosferico sul piano del gioco, durante il quale a far notizia è stato soprattutto il naufragio del Brasile. Si sono visti il bel gioco dell’Olanda, a tratti quello della Francia, il calcio atletico ma tecnicamente immaturo degli africani, la noia di quello argentino e l’inconsistenza di Russia, Italia & Co.

È stato il Mondiale di Löw, che uscito dall’ombra di Jürgen Klinsmann ha avuto la fortuna di poter sfruttare la ricca ossatura del Bayern Monaco e di puntare su un gruppo già amalgamato e affiatato. Non è provocazione dire che il grazie per l’agognata 4^ stella dovrebbe andare in parte a Jupp Heynckes…

Il gruppo della Germania ha avuto la meglio sulle individualità argentine e sui ripetuti errori di Messi, Higuain e Lavezzi. Qui, consentitemi di definire irriverente il paragone fra “la pulce” e Diego Maradona. La Finale di ieri sera, ammesso che ce ne fosse stato bisogno, ha ribadito che Messi è un giocatore sopravvalutato al cubo, mai in grado di fare la differenza nelle occasioni che contano.

Al di là degli entusiasmi suscitati dal 7-1 sul derelitto Brasile, non mi è parsa una Germania né galattica, né irresistibile. La squadra ha stentato contro avversari modesti come il Ghana, ha faticato contro la Francia, è stata in bilico fino all’ultimo contro un’Argentina noiosa e prevedibile nel gioco.

Brasile 2014 chiude i battenti con l’immagine di Löw che cammina per il campo con la medaglia d’oro al collo, che tanto ricorda Beckenbauer all’Olimpico di Roma a Italia ’90. Anzi no, chiude con Angela Merkel negli spogliatoi, felice che la Germania sia anche calcisticamente “ÜBER ALLES”.

Posted in Calcio italiano, Calcio tedesco | Contrassegnato da tag: , , , | 9 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: