CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Posts Tagged ‘Fulvio Collovati’

DIECI ANNI!!!!!!!

Posted by ladycalcio su sabato, luglio 1, 2017

Questo blog nasceva esattamente 10 anni fa, il 1° luglio 2007, da una censura di Fulvio Collovati.

Nel maggio precedente, in occasione della 7^ Champions League del Milan sottratta al Liverpool con un goal di braccio di Pippo Inzaghi, avevo scritto un post molto critico per il Sito Ufficiale dell’ex-difensore; un pezzo decisamente controcorrente rispetto agli elogi sperticati che la stampa italiana aveva riservato ai rossoneri, nel quale non le avevo risparmiate a nessuno. Il buon Fulvio, su tutte le furie, mi aveva dato il rosso diretto, rimuovendo dal Sito quell’articolo insieme a tutte le mie rubriche.

Non ci stetti a farmi tappare la bocca. Decisi dunque di aprirmi uno spazio personale in cui dire la mia, ripubblicandovi gli articoli censurati. Aggiunsi anche una foto della prima rete di Inzaghi da un’angolazione mai mostrata in Italia, che ne dimostrava il tocco di braccio.

Gli italici media erano in delirio per il “grande Milan” di Silvio Berlusconi, Adriano Galliani, Kakà Pallone d’Oro e Pippo Inzaghi, dal cui braccino erano poi scaturite la 5^ Supercoppa e la prima Coppa del Mondo per Club dei rossoneri.

Soltanto la sottoscritta, in un altro pezzo storico soprannominato “profetico”, aveva osato vedere quella compagine già in declino ancor prima della Finale di Atene, pronosticandole una vittoria controversa sugli inglesi letta nei segni premonitori di quell’ingannevole annata calcistica.

Il tempo, giudice impietoso, mi ha dato ragione a 360 gradi.

Neppure nei loro peggiori incubi i tifosi rossoneri avrebbero mai immaginato quale sarebbe stato il futuro della loro squadra del cuore, ossia lo squallido presente che occupa attualmente le pagine dei giornali.

Dieci anni dopo quel trionfo fasullo, a fronte di debiti stimati attorno a 220 milioni di euro, la “squadra più blasonata del mondo” “più forte dell’ingiustizia, più forte dell’invidia e più forte della sfortuna”, fa notizia per la cessione del 99,93 % delle quote societarie alla Rossoneri Sport Investment Lux, una cordata di salvataggio cinese che fa capo a tale Li Yonghong, enigmatico imprenditore con gli occhi a mandorla. L’AD è Marco Fassone e fra i consiglieri si leggono i nomi di Lu Bo, Han Li e Xu Renshuo.

Addio alle discese in elicottero del Berlusca nel tripudio di San Siro!

Concluso il ciclo storico di Carlo Ancelotti, il “grande Milan” ha visto avvicendarsi sulla sua storica panchina un filotto di allenatori di belle speranze: Leonardo, Allegri, Tassotti, Seedorf, Filippo Inzaghi “la vendetta”, Mijailovic, Brocchi e Montella.

8° in campionato nel 2013-14, 10° nel 2014-15 e rispettivamente 7° e 6° nelle ultime 2 stagioni, dopo 3 anni di digiuno dall’Europa l’ex-squadrone tenta di rientrarvi dalla porta di servizio, disputando i preliminari di Champions League.

Sull’appeal dei suoi colori, la dice lunga il caso Donnarumma.

In questo decennio, di strada “Calcio e Parole” ne ha fatta tanta.

Avremo tutto il tempo per prolungare il compleanno tondo con altri bilanci e progetti, ma oggi mi piace ricordare soprattutto quell’esordio burrascoso, trasformatosi in un fiore all’occhiello: un successo unico nel suo genere contro tutto il panorama mediatico, come Davide contro Golia.

Grazie a chi mi segue da allora. Per tutti gli altri, ripropongo i primi tre pezzi storici apparsi su queste pagine ai link in calce.

Buon compleanno, caro blog ❤ , piccolo ma grande quanto il valore della libertà di pensiero!

 

Link:

La vergogna della censura: http://bit.ly/1DAV3m0

“Milan Campione d’Europa 2007, fu vera gloria?” (il pezzo “profetico”) http://bit.ly/1vEgjQk

“Milan-Liverpool, ingiustizia è fatta” (il pezzo censurato con la foto del braccio di Inzaghi): http://bit.ly/1xvwRx7

 

 

Posted in Calcio e parole, Media, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , , , , | 31 Comments »

Inter-Barcellona e la piaga del bagarinaggio

Posted by ladycalcio su martedì, settembre 15, 2009

Il fenomeno, tristemente noto, coinvolge pressoché tutte le grandi kermesse: partitissime di calcio, eventi sportivi, concerti e manifestazioni di grande richiamo. Sto parlando della piaga del bagarinaggio, riportato alle cronache dal precoce tutto esaurito dello Stadio Meazza in vista dell’incontro di Champions League Inter-Barcellona.

Nella serata di giovedì 10 settembre, la trasmissione “Il Campionato dei Campioni” (Odeon TV), condotta da Caterina Collovati, ce ne ha offerto un spaccato raccapricciante  mandando in onda le conversazioni telefoniche fra il giornalista Stefano Peduzzi, fintosi un tifoso alla disperata ricerca di un biglietto per il big match di domani, e alcuni fra i bagarini  che offrono gli ormai introvabili tagliandi in Internet a prezzi supermaggiorati.

Qualche esempio? Un posto al 1° anello rosso (prezzo ufficiale: 160 €), veniva offerto a 250 €; un biglietto al 1° anello verde/blu (45 €) a 100 €; un 2° rosso/arancio (45 €) a 110 €: un 2° verde (27 €) a 105 € ; un 3° anello (22 €) a 120/130 €. Perché “veniva”? Perché con l’avvicinarsi della partita, queste cifre sono destinate a salire vertiginosamente. Quel che è peggio, nell’apparente legalità.

Premessa: nelle righe che seguono mi limito a riferire le affermazioni ascoltate nel corso della trasmissione e a portarle all’attenzione dei lettori con il doveroso condizionale, con la sola aggiunta delle mie riflessioni e dei miei interrogativi. Chi di dovere ha tutti i mezzi per verificare – ed eventualmente smentire – tali affermazioni.

L’organizzazione (poiché di una vera e propria organizzazione si tratterebbe), sarebbe infatti in grado di eludere il “vincolo” del biglietto nominativo grazie alla regolare procedura per la cessione dei biglietti prevista dalla normativa vigente, legalmente espletabile tramite il Sito Ufficiale di FC Internazionale.

Nelle dichiarazioni dei bagarini contattati non mancano tuttavia le incongruenze. Ad esempio, mi pare esagerato che chi acquista i biglietti per conto dell’”organizzazione” debba “andare alle 5 (del mattino, ndr)  davanti alla banca e prenderlo alle 8.20, perché alle 9.00 sono finiti”, come affermato da un bagarino a giustificazione degli esorbitanti prezzi. Mi sembra strano sia per via dell’ora antelucana, sia considerata la disorganizzazione cronica dell’Inter, che anche in questa occasione ha visto la vendita online andare in tilt e i terminali delle banche rimanere bloccati per mezza mattina. Presso una banca vicina a casa mia, il sempre più disperato cassiere mi ha raccontato di aver venduto, in tutta la mattinata, non più di 20 biglietti.  Solito copione, già visto in occasione di Inter-Liverpool, Inter Manchester United, ecc:  le persone rimangono in coda sin dall’apertura della banca e i più se ne tornano a casa senza biglietto.

Primo inquietante interrogativo: se la vendita online non funziona (come non ha funzionato per gran parte della mattina del 7 settembre, primo e pressoché unico giorno di vendita libera, se escludiamo i posti più costosi…) e i terminali delle banche si intasano e non consentono la vendita dei biglietti ai clienti in coda, come possono i bagarini riuscire ad impossessarsi – in un’ora o giù di lì –  di centinaia (o addirittura migliaia?) di tagliandi?

Secondo interrogativo: dato che i dati personali di chi cede o rileva i tagliandi rimangono registrati, perché non risalire ai nominativi di coloro che ad ogni manifestazione di cartello cedono regolarmente il biglietto/ i biglietti ad altri? Qualcuno, per favore, mi risponda. “Calcio e Parole”  è un blog democratico aperto a qualsiasi replica o rettifica.

Come ha fatto giustamente notare Tony Damascelli, la piaga del bagarinaggio colpisce soprattutto i tifosi (e le famiglie) meno abbienti, che desiderano acquistare i biglietti di 2° e 3° anello.  Infatti, se il prezzo di una poltroncina rossa viene maggiorato da 190 € a 300 €,  cifra pur sempre alla portata delle tasche di chi frequenta la tribuna, per il 3° anello la proporzione è più che quintupla. Alla faccia della crisi!

La faccia dovrebbero perderla coloro che, anziché cercare soluzioni serie per arginare il fenomeno, si limitano ad esortare i tifosi a sottoscrivere l’abbonamento, in modo da assicurarsi i biglietti per le coppe europee sfruttando la prelazione. In tempi di crisi e di disoccupazione come questi… ci sono o ci fanno?

Gli ospiti in studio dibattono sull’incoerenza fra il persistere di questa situazione e la discussa tessera del tifoso e sull’eventualità di istituire una “penale” in caso di cessione del tagliando, in modo che per i bagarini venga a cadere la convenienza dell’”affare”.

Secondo me, le soluzioni sono altre e vanno ricercate nel deciso intervento delle Forze dell’Ordine in collaborazione con le Società: severi controlli su chi opera ripetute cessioni di biglietti, impegno coordinato di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza sia nel ruolo di finti acquirenti, sia sul territorio attorno allo stadio.  Volere è potere.

Ma qui mi sorge un terzo inquietante interrogativo: si vuole veramente sconfiggere il fenomeno?

Posted in Calcio italiano, Inter | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | 14 Comments »

Supercoppa Italiana: Roma già in palla, RAI rimandata

Posted by ladycalcio su lunedì, agosto 20, 2007

La nuova stagione del calcio italiano, inauguratasi ieri sera a Milano con l’incontro di Supercoppa Italiana fra Inter e Roma, riparte all’insegna della precedente, sul campo e in casa RAI.

Ad alzare il trofeo al cielo i giallorossi, alla postazione microfonica Marco Civoli e Fulvio Collovati.

Da insufficienza piena le riprese dell’Esterna RAI di Base Luna, degno della distanza dal nostro satellite il divario fra i mezzi tecnici di Sky e Mediaset e quelli della TV di Stato. Pressoché assenti le telecamere speciali e le riprese dall’angolo opposto, frammentari e spezzettati i replay, tanto che al 16° del secondo tempo, dopo un contatto in area fra Cordoba e De Rossi successivo a un cross di Taddei, lo stesso Civoli afferma: “Da questa immagine è impossibile trarre delle conclusioni“. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Calcio italiano, Inter, Media, Roma | Contrassegnato da tag: , , , | 6 Comments »

Milan-Liverpool: ingiustizia è fatta

Posted by ladycalcio su domenica, luglio 1, 2007

Pippo 2

Pippo 1

clicca sulle foto per ingrandirle

27 maggio 2007

Nel calcio vince chi la mette dentro, scrivevo pochi giorni fa – non importa se di piede, di braccio pieno o di mano. Con buona pace dei nostri mass media, che in stile “Tele Kabul” si sono persi le immagini che lo dimostrano (nonostante fossero state previste telecamere aggiuntive per le riprese personalizzate), il primo goal di Inzaghi nella finale di Champions League contro il Liverpool è quasi di mano e in spinta volontaria, come si è visto alla moviola della TV tedesca DSF e come mostra chiaramente il fotogramma Leggi il seguito di questo post »

Posted in Calcio italiano, Milan | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | 20 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: