CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Archive for the ‘Milan’ Category

INTER- MILAN, EFFETTO ISTANBUL 2005

Posted by ladycalcio su domenica, febbraio 9, 2020

 

Ricordate la storica rimonta del Liverpool contro il Milan nella finale di Champions League 2005 a Istanbul? Da un vantaggio di 3-0, nel giro di soli 6 minuti i rossoneri si fecero rimontare 3 reti dagli inglesi, finendo per perdere la coppa ai rigori.

Milan-Liverpool 3-3. Sei minuti di follia e addio Champions!

Questa sera, dopo essere andati in vantaggio per 2-0 con goal di Rebic (40′) e Ibrahimovic (45′), nel giro di 10 minuti gli uomini di Pioli si sono visti ribaltare il risultato per 3-2 ad opera di Brozovic (50′), Vecino (52′) e De Vrij (60′), finendo per perdere il derby 4-2 ai minuti di recupero grazie alla strepitosa incornata di Lukaku (92′).

https://sport.sky.it/calcio/serie-a/2020/02/09/inter-milan-risultato-gol

https://www.inter.it/it/news/2020/02/09/inter-milan-serie-a-2019-2020.html

Ricorsi storici 🙂 . Intanto, grazie alla sconfitta della Juve ieri a Verona (2-1), l’Inter si porta in vetta alla classifica di Serie A a 54 punti, a pari merito con i bianconeri.

 

 

Sul Milan e sulla finale di Istanbul 2007 leggi anche il pezzo profetico di Ladycalcio:

https://calcioparole.wordpress.com/2007/07/01/milan-campione-d%e2%80%99europa-2007-fu-vera-gloria-2/

Posted in Calcio inglese, Inter, Milan | Contrassegnato da tag: , , , | 7 Comments »

BUON 2020

Posted by ladycalcio su martedì, dicembre 31, 2019

Cari lettori,

Anche il 2019 sta per lasciarci, dopo averci regalato un carico di emozioni calcistiche che, come sempre, questo blog ha cercato di riproporre e di commentare.

 

SORPASSO AI BIANCONERI!

A fare da contraltare ai tanti “ricorsi storici”, la novità di questo Natale da tanti anni a questa parte è il secondo posto della Juventus nella classifica di Serie A, seppur ex-aequo con la capolista Inter. Beninteso, si tratta di un traguardo fittizio, dato che al termine del girone d’andata (e al platonico titolo di “campione d’inverno) mancano ancora 180 minuti.

Come abbiamo avuto modo di constatare anche quest’anno, non cambia invece lo “stile Juve”:

https://calcioparole.wordpress.com/2019/04/28/allegri-contro-adani-stile-juventus-a-sky/

 

INTER, OCCHIO ALLA “SINDROME DEL NATALE”

Chi si ricorda più di Maurito Icardi? A quanto pare nessuno, tanto più che la coppia Lautaro-Lukaku ha fatto breccia nei cuori dei tifosi interisti a suon di goal (11 ciascuno), catapultando la Beneamata al vertice della Serie A.

https://calcioparole.wordpress.com/2019/08/31/siamo-al-pazzesco-icardi-fa-causa-allinter/

https://calcioparole.wordpress.com/2019/08/24/telenovela-icardi-come-mettere-fuori-causa-wanda-nara/

https://calcioparole.wordpress.com/2019/09/22/inter-trionfo-nel-primo-derby-senza-icardi/

https://www.corriere.it/sport/19_novembre_28/lukaku-lautaro-ecco-tutti-segreti-coppia-che-rende-felice-l-inter-4f9ed626-11b8-11ea-934f-a2282c2d0229.shtml

Ma occhio ad un allarmante ricorso storico: la “sindrome del Natale”, che negli ultimi campionati ha fatto registrare dei repentini crolli dei nerazzurri dopo la pausa natalizia.

https://calcioparole.wordpress.com/2019/01/31/linter-di-gennaio/

Per scongiurare il ripetersi del guaio, Conte chiede disperatamente rinforzi…

 

CHAMPIONS LEAGUE, NOT FOR EVERYONE

L’ho ripetuto molte volte: i proclami roboanti non portano bene all’Inter. Lo scorso anno, anziché le stelle la squadra rivide le “stalle” di una brutta eliminazione dalla competizione europea, e anche quest’anno, il motto “Not For Everyone” le si è ritorto contro traducendosi in un doloroso out contro il Dortmund.

https://calcioparole.wordpress.com/2019/03/15/linter-torna-a-riveder-le-stalle/

https://calcioparole.wordpress.com/2019/10/25/inter-dortmund-troppi-proclami-per-la-vittoria/

 

 

DISASTRO MILAN

Ebbene sì, non mi stancherò mai di ripeterlo: il mio pezzo profetico del 2007 è divenuto amara realtà per il Milan.

https://calcioparole.wordpress.com/2007/07/01/milan-campione-d%e2%80%99europa-2007-fu-vera-gloria-2/

L’ex-corazzata berlusconiana “più forte dell’invidia, più forte dell’ingiustizia, più forte della sfortuna”, è naufragata all’undicesimo posto in classifica dopo un cammino costellato di magre figure, culminato con le 5 pappine incassate dall’Atalanta.

https://www.pianetamilan.it/focus/milan-le-10-frasi-celebri-sul-presidente-berlusconi/7/

https://calcioparole.wordpress.com/2019/03/31/da-kessie-a-paperumma-le-due-settimane-da-incubo-del-milan/

https://calcioparole.wordpress.com/2019/09/30/milan-quintultimo-dopo-6-giornate/

https://www.pianetamilan.it/video/atalanta-milan-5-0-gol-e-highlights-della-manita-bergamasca/

https://www.youtube.com/watch?v=cpBPcVLpTjE

Dulcis in fundo, con l’ennesima operazione commerciale, i rossoneri si sono aggiudicati un Ibra di decima mano che ritorna a Milano “per cambiare il corso” della stagione rossonera. Auguri! 🙂

https://www.ilmilanista.it/video/calciomercato-milan-ibra-porta-un-altro-gigante-colpaccio-a-costo-zero/

https://www.calciomercato.com/news/ufficiale-ibrahimovic-torna-al-milan-77593

 

 

TOTTI, EPOCALE ADDIO ALLA ROMA

Fra i numerosi “casi” andati in scena nel 2019, ne ricorderò uno solo: l’addio della bandiera giallorossa Francesco Totti alla sua Roma, motivato in una toccante conferenza stampa:

https://calcioparole.wordpress.com/2019/06/17/totti-lascia-la-roma-era-meglio-morire/

 

ALL’ESTERO: KLOPP ÜBER ALLES

Gli inglesi del Liverpool l’hanno fatta da padroni vincendo la Champions League, la Supercoppa Europea e la Coppa Intercontinentale

https://calcioparole.wordpress.com/2019/06/04/trionfo-europeo-liverpool-le-immagini-di-lfc-tv/

I Reds allenati da Jürgen Klopp hanno nelle loro file individualità di spicco come Van Dijk, Salah e Firmino, eppure….

 

…IL PALLONE D’ORO È ANDATO ANCORA A MESSI

Una parola sola: imbarazzante!

https://calcioparole.wordpress.com/2019/05/08/messi-nullo-la-barca-affonda-liverpool-in-finale/

https://calcioparole.wordpress.com/2019/05/03/cari-opinionisti-sky-messi-non-e-il-messia/

 

LARGO ALLE DONNE!

Il 2019 ha visto un’importante affermazione del calcio femminile non soltanto a livello sportivo, ma anche a livello mediatico. I Mondiali di France 2019 hanno messo in luce la superiorità delle americane guidate da Jillian Ellis e la buona prova delle Azzurre di Milena Bertolini, eliminate ai quarti di finale dalle olandesi.

https://calcioparole.wordpress.com/2019/06/26/litalia-femminile-e-ai-quarti-del-mondiale/

https://www.ilpost.it/2019/06/29/italia-olanda-risultato/

https://calcioparole.wordpress.com/2019/07/08/mondiale-femminile-trionfano-le-americane/

Ha fatto notizia anche Stéphanie Frappart, primo arbitro donna ad arbitrare una finale internazionale maschile, quella di Supercoppa Europea fra Liverpool e Chelsea dello scorso agosto:

https://ecointernazionale.com/2019/08/11/stephanie-frappart-il-primo-arbitro-donna-in-una-finale-europea-maschile/

https://sport.virgilio.it/ecco-chi-e-stephanie-frappart-larbitro-donna-che-ha-stupito-il-mondo-603724

 

 

POTEVA MANCARE… IL BUON FULVIO?

A conclusione dell’anno, poteva mancare una stoccatina a qualche vecchia conoscenza di questo blog? No di certo!

Nel mirino il censuratore Fulvio Collovati, dalla cui censura nacque questo blog. Era il 2007:

https://calcioparole.wordpress.com/la-vergogna-della-censura/

https://calcioparole.wordpress.com/2007/07/01/15/

I fatti hanno dato ragione a Ladycalcio, tanto più che il blasonato Campione del Mondo 1982, ora stimato opinionista Rai 🙂 , non smette di deliziarci con le sue chicche, l’ultima delle quali gli è valsa una sospensione dalla trasmissione “Quelli che il calcio” (Rai2).

La sua esternazione: “Quando sento una donna parlare di tattica, mi si rivolta lo stomaco”. 😯

Il consiglio è di cambiare canale e di ascoltare, su Sky, le telecronache e il commento tecnico di Gaia Brunelli e Martina Angelini, che come scritto lo scorso luglio, “per stile, competenza e qualità del commento tecnico non hanno nulla da invidiare alla storica coppia Caressa-Bergomi”.

https://calcioparole.wordpress.com/2019/02/19/collovati-sospeso-dalla-rai-quando-sento-una-donna-parlare-di-tattica-mi-si-rivolta-lo-stomaco/

 

 

W LA ROSSA!

Chiudo l’anno con le stupende immagini di un avvenimento sportivo extracalcistico che ha coinvolto tutti gli italiani al di là dei campanilismi del pallone: la splendida vittoria di Charles Leclerc sulla “Rossa” di Maranello al GP di Formula 1 di Monza dello scorso settembre:

https://video.sky.it/sport/formula1/video-leclerc-vince-monza-ferrari/v536037.vid

https://www.corriere.it/sport/formula-1/notizie/gp-monza-2019-leclerc-vince-una-gara-fantastica-secondo-bottas-3-hamilton-1f34f0a4-d245-11e9-a7da-cb5047918faa.shtml

https://www.ultimouomo.com/leclerc-monza-vittoria-ferrari/

L’auspicio per il nuovo anno è quello di poter ancora vivere e condividere con voi momenti così intensi ed emozionanti di sport.

 

 

BUON 2020 DA LADYCALCIO!

Posted in Calcio e parole, Calcio femminile, Calcio inglese, Calcio italiano, Inter, Juventus, Media, Milan, Roma, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , , | 13 Comments »

MILAN QUINT’ULTIMO DOPO 6 GIORNATE

Posted by ladycalcio su lunedì, settembre 30, 2019

Quarta sconfitta in sei giornate, quint’ultimo in classifica a 6 punti (contro i 18 dell’Inter) a pari merito con Sassuolo, Verona, Brescia e Lecce. Questo il disastroso bilancio provvisorio del Milan di Giampaolo, che ieri sera, reduce dalla scopola nel derby, è naufragato anche nell’incontro casalingo contro la Fiorentina (1-3), facendo grande il “reduce” di Germania Franck Ribéry.

Scarsa come individualità, con poca personalità e mal amalgamata: questi i tre concetti che, al di là dei fiumi di parole spesi dagli opinionisti del calcio, sintetizzano l’identikit della squadra rossonera.

Nel dopopartita Sky Giampaolo è un cane bastonato, mentre Paolo Maldini si attacca all’agitazione che lo stadio di San Siro potrebbe aver provocato ai neomilanisti non abituati a giocarvi. Come se i rispettivi nuovi arrivi dei cugini nerazzurri a punteggio pieno fossero nati sull’erba del Meazza.

Queste dichiarazioni, e “un Milan che sembra un po’ un Milanello” (parole di Valerio Staffelli), sono valsi oggi al DT rossonero il Tapiro d’Oro di Striscia la Notizia. Non pago della serie di figuracce, Paolino è sgommato per le vie di Milano tentando di seminare la moto di Staffelli, ma è stato inseguito e ripreso in zona fiera per la consegna del “trofeo”.

“Devo andare a lavorare adesso, no?” ha tentato di liberarsi visibilmente a zero di concetti.

“Ce n’è da fare, sor Maldini”, ha sorriso Staffelli.

 

Qui il video: https://bit.ly/2nbd4YU

L’articolo di Gazzetta dello Sport: https://bit.ly/2mntvkv

 

PS

“Son tanti anni che non siamo ai livelli di una volta”, ha detto Maldini. A proposito, leggete il  pezzo profetico censurato alla sottoscritta da Fulvio Collovati nel 2007

https://calcioparole.wordpress.com/2007/07/01/milan-campione-d%e2%80%99europa-2007-fu-vera-gloria-2/

https://calcioparole.wordpress.com/2019/06/30/12-compleanno/

Post recenti di questo blog sulla crisi del Milan:

https://calcioparole.wordpress.com/2019/03/31/da-kessie-a-paperumma-le-due-settimane-da-incubo-del-milan/

https://calcioparole.wordpress.com/2018/10/31/a-quando-una-pesciata-a-mauro-suma/

https://calcioparole.wordpress.com/2018/10/22/icardi-beffa-il-milan-al-92/

Posted in Milan | Contrassegnato da tag: , , , , , | 4 Comments »

INTER, TRIONFO NEL PRIMO DERBY SENZA ICARDI

Posted by ladycalcio su domenica, settembre 22, 2019

Per favore Leo, prendilo al PSG e toglimelo dalle scatole”. Si potrebbe immaginare così la conversazione fra l’AD dell’Inter Giuseppe Marotta e Leonardo, Direttore Sportivo del Paris-Saint Germain, all’atto della cessione di Icardi sul filo di lana del Calciomercato.

Per la Società e la squadra nerazzurra una liberazione, che riporta la calma nello spogliatoio, il bel gioco e una serie di vittorie.

Tuttora non pago della sua figuraccia a Milano – e probabilmente ancora succube dei consigli sciagurati di Wanda Nara – l’attaccante argentino rilancia su Canal +: se ne sarebbe andato via dall’Inter perché … all’Inter non si vince mai.

https://bit.ly/2m4b97F

No comment. Meglio commentare il successo dei nerazzurri nel derby di ieri sera (2-0 sui cugini con reti di Brozovic e Lukako + pali a ripetizione), che per l’Inter segna la 4^ vittoria consecutiva in questo campionato, la 65^vittoria in Serie A nel derby della Madonnina e il 7° risultato utile consecutivo nella stracittadina.

Al di là delle statistiche si sono visti un bel gioco e l’impegno dei giocatori in campo.

Il Milan non vince un derby dal 31 gennaio 2016 (vittoria per 3-0)

 

Sul caso Icardi leggi anche:

https://calcioparole.wordpress.com/2019/08/24/telenovela-icardi-come-mettere-fuori-causa-wanda-nara/

https://calcioparole.wordpress.com/2019/08/31/siamo-al-pazzesco-icardi-fa-causa-allinter/

Posted in Inter, Milan | Contrassegnato da tag: , , , , , | 2 Comments »

DA KESSIÉ A PAPERUMMA, LE DUE SETTIMANE DA INCUBO DEL MILAN

Posted by ladycalcio su domenica, marzo 31, 2019

La cosa che fa male è l’immagine che si è vista del Milan”, aveva dichiarato due settimane fa “Ringhio” Gattuso a Sky dopo la sconfitta nel derby. Il riferimento era all’inglorioso siparietto inquadrato dalla regia dopo l’uscita dal campo di Kessié, che aveva preso male la sostituzione, e alle scintille con Biglia.

Una doppia sconfitta, sul campo e a livello comportamentale”, aveva commentato il mister rossonero riferendosi al tradimento dei valori del gruppo, della disciplina, del rispetto del Club e della maglia indossata.

Poco dopo i due erano comparsi sul teleschermo per chiedere scusa, con tutta l’aria di esserci stati mandati a stretto giro di posta dalla Società. Aria contrita e scuse di comodo ai tifosi: “È l’adrenalina della partita, sono uscito un po’ nervoso, chiedo scusa a lui (Biglia, ndr), ai tifosi e al mister”, aveva esordito Kessié. “Abbiamo fatto una figuraccia, non è una figura da fare”, gli aveva fatto eco Biglia.

Scuse che non hanno risparmiato ai due altrettante multe salate – 40.000 euro a Kessié e 20.000 a Biglia – e che Kessié si è già rimangiato per bocca del suo procuratore George Atangana, che in un’intervista alla Gazzetta dello Sport si è lamentato della scarsa riservatezza della Società nel gestire il caso. Ieri sera contro la Samp l’ivoriano è rimasto in panchina, mentre si vocifera il suo possibile divorzio dal Milan. Insomma, ognuno ha il suo Icardi.

Passa una settimana e sabato 23 marzo è la volta della “bella” contro il Liverpool nel glorioso stadio di Anfield, decantata come riedizione delle finali di Istanbul 2005 e Atene 2007, la prima delle quali vinta ai rigori dagli inglesi dopo la rimonta di 3 goal in 6 minuti https://bit.ly/2HOvkQz : Pippo Inzaghi non trova il goal di braccio di Istanbul, e così vincono le Liverpool Legends 3-2. Ironia del destino, la rete della vittoria la sigla Steven Gerrard all’ultimo minuto.

Chi non è abbonato a DAZN non si scoraggia, può seguire l’incontro in differita domenica sera su Rete 4 con la telecronaca di Pellegatti riciclata da Milan Channel: e vai con Baghera la pantera, Trilli Campanellino, Vicks Vaporub, Smoking Bianco e Vibrazioni dell’anima*, in un inascoltabile mix di milanismo e falsa cultura. Coraggio, Suma sarebbe stato peggio https://bit.ly/2uCH2oR

Ieri sera, per parafrasare Pellegatti, è stata la volta di Paperumma 🙂 , che dopo soli 33” ha regalato il pallone a Defrel e la vittoria alla Samp.

E se sulla telecronaca di Pellegatti è ancora concesso sorridere, sul Milan quarta forza del campionato italiano in lizza per l’Europa no.

* Soprannomi di Dida, Pirlo, Oddo, Kakà e Costacurta

* Il fermo immagine di Quagliarella che consola Donnarumma è di Gazzetta TV: https://bit.ly/2YFH4KG

Posted in Calcio italiano, Media, Milan | Contrassegnato da tag: , , , , , | 8 Comments »

A QUANDO UNA “PESCIATA” A MAURO SUMA?

Posted by ladycalcio su mercoledì, ottobre 31, 2018

“Voglio morire adesso, senza pietà”. “Questi cavano fuori goal dal nulla”. “Danno una pesciata (una pedata) al pallone e noi svolazziamo per niente”. “Sono inca**ato come una bestia rara”. “Loro hanno un c**o che è più grande di una casa e noi siamo fessi”

La reazione di quel fenomeno di Mauro Suma al goal di Icardi al 92′ del derby https://bit.ly/2yqq7s0  ha fatto il giro della Rete e dei Social Media, diventando virale.

Ve la ripropongo con una domanda che, probabilmente, anche molti di voi si sono posti:

QUANDO DARANNO FINALMENTE UNA “PESCIATA” A SUMA?

https://video.gazzetta.it/icardi-gol-suma-voglio-morire/cc72a4a8-d5c7-11e8-831d-a1a1c05937af?refresh_ce-cp

https://www.milanotoday.it/video/telecronaca-suma-inter-milan.html

Posted in Calcio italiano, Media, Milan | Contrassegnato da tag: , , , | 4 Comments »

ICARDI BEFFA IL MILAN AL 92′

Posted by ladycalcio su lunedì, ottobre 22, 2018

La beffa dell’incornata di testa al penultimo minuto di recupero, quando l’avversario è ormai certo di aver spuntato un pareggio: qual miglior modo di vincere il derby?

La soddisfazione se l’è presa Maurito Icardi, che ha fatto esplodere in un boato di gioia la San Siro nerazzurra lasciando ammutolita la fazione rossonera.

https://video.sky.it/sport/calcio/highlights-serie-a/inter-milan-1-0/v458182.vid

Non a caso, la svolta è venuta da un giocatore rappresentativo dei propri colori, uno dei pochissimi fra quelli in campo… e fuori.

Guardando la partita, inizialmente tesa e guardinga come quasi tutti i derby, saltava all’occhio, nelle rispettive file, la mancanza di figure rappresentative, aspetto che aveva sempre contraddistinto le stracittadine milanesi; insomma, l’estinzione di quei giocatori “storici” che, nonostante il passare del tempo, al solo nominarli riportano immediatamente ai colori nerazzurri o rossoneri: Mazzola, Corso, Boninsegna, fino a Zanetti e Julio Cesar per l’Inter; Rivera, Schnellinger, Benetti, fino a Gattuso e Sheva per il Milan.

Chi ricorderemo di questo derby? Credo il solo Icardi. Soprattutto il Milan, nonostante i progressi nel gioco ottenuti dal buon “Ringhio”, mi è parso una compagine anonima. Chi ricorderemo di essa fra dieci o vent’anni? Calabria e Musacchio? Suso e Calhanoglu? Al limite potremo ricordarci di Higuain: per ironia della sorte, un uomo-Juve.

Il pallone entra dopo 92 minuti di sterili tentativi e dopo un goal annullato per parte, permettendo all’Inter di recuperare due punti in classifica dalla Juventus, fermata sull’1-1 in casa dal Genoa.

Ma la vittoria ha i suoi risvolti. Nell’intervista del postpartita su Sky, Spalletti tradisce tutto il suo nervosismo scaldandosi per un’innocua domanda del giornalista Alessandro Alciato: “Ha vinto la squadra che ci ha provato di più?”

https://www.blitzquotidiano.it/sport/spalletti-alciato-inter-milan-video-sky-2945206/

Nervosismo forse acuito dalla preoccupazione per l’infortunio di Nainggolan in uno scontro con Biglia dopo mezz’ora di gioco. “È troncato” ha dichiarato il mister nerazzurro. Come i suoi calzettoni, aggiungiamo.

https://calcioparole.wordpress.com/2018/10/16/i-calettoni-tagliati-di-radja/

Ora sorge un dubbio: Radja soffre di una fragilità muscolare o tendineo-legamentosa e taglia i calzettoni per favorire l’afflusso di sangue e ossigeno ai polpacci e ai piedi?

https://sport.sky.it/calcio/serie-a/2018/10/21/inter-milan-nainggolan-infortunio-news.html

Posted in Calcio italiano, Calcio tedesco, Inter, Media, Milan | Contrassegnato da tag: , , , , | 5 Comments »

MILAN-INTER, LA “VENDETTA” DELLA GIORNATA ANNULLATA

Posted by ladycalcio su giovedì, aprile 5, 2018

Si erano fermati per il lutto di Davide Astori ed è arrivato quello di Ray Wilkins.

Avevano rinviato il derby in un giorno di sole e ieri sera hanno giocato sotto il diluvio.

L’Inter si era avvalsa del vantaggio di poter recuperare la carta vincente Icardi reduce da un infortunio e la carta vincente si è vista annullare uno splendido goal dalla VAR per la beffa di mezzo “scarpino” 🙂 al di là della linea del fuorigioco, per di più ciccando fior di occasioni nel prosieguo dell’incontro.

Per le due contendenti il risultato è un doppio zero, nel punteggio e nelle posizioni di classifica.

Forse, anche il destino ha voluto dire la sua sull’assurdo annullamento della giornata di campionato del 4 marzo scorso.

https://bit.ly/2I18Qc2

https://bit.ly/2ElBqSr

Ma dagli eroi di cartone del calcio, aspettiamoci uno zero tondo anche nella lettura degli eventi.

 

Posted in Calcio italiano, Inter, Milan | Contrassegnato da tag: , , , , , | 9 Comments »

DON ANTONIO MAZZI: PAROLACCIA AI MILANISTI IN DIRETTA SU INTER TV

Posted by ladycalcio su sabato, marzo 10, 2018

D’accordo essere un prete di strada, ma quando ti trovi alla serata di gala per i 110 anni di FC Internazionale intervistato in diretta su Inter TV dalla bella e distinta Francesca Migliavacca, il senso della situazione (e prima ancora la buona educazione, la sportività e il fatto di essere un sacerdote di Sancta Romana Ecclesia), dovrebbero suggerirti di non sbracare.

Non la pensa evidentemente così Don Antonio Mazzi, supertifoso nerazzurro che ieri sera, ospite della megafesta nerazzurra all’Hangar Pirelli di Milano Bicocca, ha esclamato al microfono: “(…) Purtroppo nella mia comunità al Parco Lambro son tutti MILANISTI STR***I, capito, comunque … e quindi c’è la battaglia ogni volta”.

Pressoché taciuto, l’episodio non poteva non essere ripreso da questo blog, sempre attento alle storture passate sotto silenzio.

La brutta figura, ovviamente, non la fa l’Inter, e nemmeno Inter TV che gli ha porto il microfono. La fa tutta intera lui, il “recidivo” Don.

Di seguito, un paio di altri scivoloni verbali del sacerdote tratti da YouTube.

https://www.youtube.com/watch?v=9tkc9UfOrn8

https://www.youtube.com/watch?v=0t3eF9Had6c

 

Posted in Inter, Media, Milan | 6 Comments »

MUORE ASTORI, IL CALCIO ITALIANO SI FERMA

Posted by ladycalcio su domenica, marzo 4, 2018

Stasera avremmo dovuto commentare insieme il derby di Milano       http://bit.ly/2oORer3 , ma purtroppo, questa domenica i campi di calcio italiani sono rimasti vuoti. La notte scorsa la morte si è portata via Davide Astori, Capitano della Fiorentina trovato senza vita nel letto dell’albergo di Udine in cui alloggiava con la squadra, in procinto di affrontare l’Udinese.

La prima diagnosi parla di arresto cardiaco a soli 31 anni, che lascia nella disperazione i genitori, la sua compagna e una bimba di due anni, ai quali va tutto l’affetto di chi scrive.

Quella di Davide Astori è l’ultima di una lunga lista di giovani vite di calciatori stroncate da malori improvvisi: Renato Curi, Piermario Morosini, Antonio Puerta… né sarà purtroppo l’ultimo caso.

Tuttavia, una cosa è il dolore, un’altra il rinvio dell’intera giornata di campionato.

Credo che la decisione di rinviare sia stata giusta perché il calcio che io penso e voglio è un calcio di valori, di ideali e di condivisione di emozioni. Di rispetto non solo dell’atleta”, ha dichiarato in una conferenza stampa il Presidente del CONI e commissario straordinario della Lega di Serie A Giovanni Malagò.

Una decisione che ad esclusione dell’incontro di Udine mi permetto di non condividere assolutamente. Giocare sarebbe stato “una sorta di picchetto d’onore” per Davide, come l’ha definito Marocchi su Sky. Insomma, sarebbe stato onorare il ragazzo scomparso. Certo sarebbe stato più difficile, ma nella storia dello sport gli esempi di coraggio e forza d’animo non mancano di certo: il primo che mi viene in mente è quello di Lampard, sceso in campo subito dopo la morte della madre.

D’accordo, molti calciatori di altre squadre erano emotivamente coinvolti nella perdita di un amico. Ma più probabilmente, Malagò ha voluto ostentare un’immagine umana del calcio italiano che evitasse alla Lega di sentirsi rimproverare che il calcio stesso ha perso ogni umanità e ruota unicamente attorno ai soldi.

Riflettiamo un attimo e convinciamoci che, al di là del dolore immenso per la perdita di una giovane vita, rimandare il derby di Milano piuttosto che Chievo-Sassuolo non ha senso, più che mai per rispetto ai tifosi in viaggio da lontano.

Quanto al coinvolgimento dei colleghi di Astori, l’esempio-principe del motto “The show must go on”, caposaldo del mondo dello spettacolo, è il Festival di Sanremo del 1987, durante il quale Pippo Baudo diede in diretta l’annuncio della morte di Claudio Villa, che di quel palco era stato fra i maggiori protagonisti. Immaginate il dolore e la forza d’animo dei colleghi e amici del cantante scomparso che dovettero esibirsi subito dopo? Fra loro Romina Power in stato di gravidanza: una bella lezione!

Ma torniamo al calcio. Malagò ha parlato di “rispetto non solo per l’atleta”.  Eppure, il giorno successivo agli attentati dell’11 settembre 2011, che causarono la morte di quasi 3.000 persone, le partite di Champions League vennero regolarmente disputate.

E allora, come la mettiamo?

“Rispetto non solo per l’atleta” significa anche e soprattutto rispetto per i tifosi, ma nel bombardamento dei commenti televisivi di oggi, non ho sentito nessuno esprimere questo concetto. Nessuno che si mettesse nei panni dei gruppi di tifosi in viaggio, ad esempio, da Bari a Milano per assistere a Milan-Inter.

Magari, al contrario dei calciatori milionari, da disoccupati o dopo aver faticosamente risparmiato i soldi del viaggio. Magari dopo aver sognato a lungo quella trasferta. Magari giungendo a Milano prima di aver appreso la notizia, dopo aver sfidato il maltempo e i disservizi degli italici trasporti. Nel numero, per qualcuno quella trasferta poteva essere intesa come una “medicina” contro un lutto, una separazione o un grande dolore.

Ma di tutto questo, ai superpagati calciatori non gliene frega nulla, tantomeno alle Società, salvo lanciare accorati appelli ai tifosi quando servono per far cassa o per sostenere la squadra.

Alla faccia dei “valori”, della “condivisione delle emozioni” e del “rispetto” di cui parla Malagò.

 

La foto è tratta dal Sito Ufficiale della Fiorentina

Posted in Calcio italiano, Inter, Media, Milan | Contrassegnato da tag: , , , | 12 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: