CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Archive for the ‘Calcio italiano’ Category

AUGURI, ACCHIAPPASOGNI!

Posted by ladycalcio su martedì, settembre 3, 2019

Compie oggi 40 anni Julio Cesar, il portierone nerazzurro soprannominato “l’Acchiappasogni” che dal 2005 al 2012 ha conquistato i cuori dei sostenitori interisti con le sue prodezze.

Ladycalcio si unisce agli auguri porti oggi a Julio dal Sito Ufficiale di FC Internazionale (inter.it, nella foto)

 

Posted in Inter | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

SIAMO AL PAZZESCO: ICARDI FA CAUSA ALL’INTER

Posted by ladycalcio su sabato, agosto 31, 2019

Non è chiaro da chi, ma quel che è certo, è che Mauro Icardi è pessimamente consigliato. È di ieri la notizia che l’attaccante argentino ha fatto causa a FC Internazionale, chiedendo un improbabile reintegro nei ranghi condito dalla richiesta della modica cifra di 1,5 milioni di euro di risarcimento per essere stato messo in cantina. https://bit.ly/2UiKxgk

Maurito e Wanda ce la stanno mettendo tutta – ma proprio tutta – per rovinare il poco che da rovinare era rimasto.

Il messaggio della Società era stato chiarissimo: Icardi non fa più parte del progetto nerazzurro. Escluso dal Summer Tour, dalle amichevoli, dagli allenamenti, dalle riunioni tecniche, dalla chat di squadra e dalle iniziative pubblicitarie, l’attaccante argentino era stato ripetutamente invitato a cercarsi un altro club.

Ma evidentemente, il ragazzo non ha ancora capito la lezione. Non ha ancora capito quanti danni abbia fatto Wanda Nara, non ha ancora capito di essere ormai irrimediabilmente fuori dall’Inter, e soprattutto, non ha capito che “facendo il cinema”, come si dice a Milano, sta facendo a pezzi la sua immagine e la sua carriera.

Giunto al punto di rottura, la decisione più saggia sarebbe stata quella di accettare l’offerta di un’altra squadra, possibilmente cambiando “agente”.

Invece, colpo di scena, Maurito fa causa all’Inter, ostinandosi a voler rimanere in un ambiente a lui ostile.

Pessimi i presupposti, https://bit.ly/32oyMYF  , ma ammesso e non concesso che il giocatore esca vincitore dalla causa, all’Inter lo aspetterebbe comunque l’inferno. Il rapporto con la Società, i compagni e i tifosi non si è soltanto rotto, si è disintegrato. Dopo la fascia di Capitano, l’Inter gli ha tolto anche il numero nove, l’ha sostituito con nuovi acquisti e relegato agli allenamenti con la giovanile. Quanto a Wanda Nara, è considerata all’unanimità la sua rovina.

L’immagine dell’ex-beniamino dei tifosi nerazzurri, ormai a pezzi, è quella di un ragazzo cocciuto e ostinato, vittima della moglie e dei suoi pessimi consiglieri, messo alla porta insieme alla bionda che si credeva irresistibile: una coppia di piantagrane, che di questo passo nessuno vorrà più.

Posted in Calcio italiano, Inter | Contrassegnato da tag: , , , | 8 Comments »

TELENOVELA ICARDI: COME METTERE FUORI CAUSA WANDA NARA

Posted by ladycalcio su sabato, agosto 24, 2019

“Non gioco più, me ne vado”, cantava Mina tanti anni fa.  https://www.youtube.com/watch?v=rj66fN-SZhQ

Icardi invece, anche se l’Inter gli ha detto chiaramente che non giocherà più, ad andarsene non ci pensa proprio.

La telenovela dell’attaccante argentino ha stancato tutti, forse ad eccezione dei giornali che beneficiano del “caso” per riempire le pagine estive.

Da acclamato bomber nerazzurro qual era, Maurito si è involuto fino a diventare piccino piccino, ignorato dai suoi stessi tifosi.

Qualcuno ha obiettato che la Società nerazzurra avrebbe fatto meglio a tenere nascosto il caso e a cedere il giocatore a fine stagione senza clamore, in modo da non svalutarlo. Trovo invece che l‘Inter abbia fatto bene a rendere pubblica la questione e a togliergli la fascia di Capitano; servono provvedimenti esemplari, soprattutto quando sono in gioco le intrusioni delle wags.

Peraltro, la decisione di esautorare Icardi dal ruolo di Capitano, presa all’unanimità, lascia intendere che nello spogliatoio nerazzurro la situazione fosse divenuta insostenibile e che occultarla fino a fine campionato avrebbe creato danni di gran lunga peggiori.

Maurito si è effettivamente svalutato, ai danni sì dell’Inter, ma soprattutto di se stesso e della sua carriera. E dopo aver perso la Nazionale e la fascia di Capitano (a meno di un ribaltone di fine mercato che squalificherebbe comunque FC Internazionale, che perderebbe la faccia trasformando la sua linea dura in pastafrolla) sta per perdere anche l’Inter.

Sull’accaduto non vi è che un muro di silenzio, anche se la vicenda, al punto in cui è, sembra esser legata soprattutto a questioni personali e di incompatibilità dell’attaccante con compagni e dirigenti.

Quel che è certo è che al centro di questo pasticcio c’è Wanda Nara, impreparata per il ruolo di procuratore, che con le sue mosse maldestre sta rovinando la carriera del marito. Se fosse stato un briciolo più furbo, Maurito avrebbe potuto fare un gesto di buona volontà rinunciando a farsi gestire dalla moglie e prendendosi un altro agente di gradimento della Società. La mossa non avrebbe potuto che giovargli.

Ma ormai la frittata è fatta e l’Inter insiste nel non volerlo più.

Il giocatore sembra poco convinto della pista Napoli e quanto alla Juve, qualche giorno fa Steven Zhang è intervenuto con un no deciso. Chissà che Marotta, allora uomo-Juve, non l’abbia informato di come finì il tentativo di scambio Guarin-Vucinic del gennaio 2014 al ristorante “Quattro Mori” di Milano, che suscitò la sommossa della Curva Nord.

https://calcioparole.wordpress.com/2014/01/22/linter-nelle-mani-degli-ultras/

Peraltro non si vede come la Juventus, società solidamente gestita, possa accollarsi una gatta da pelare ingestibile come Wanda Nara. Gli assurdi regolamenti vigenti non possono impedirle di twittare, postare commenti sui social media e partecipare alle trasmissioni TV: il raggio d’azione nel quale la “Wandissima”, unitamente alle sue richieste contrattuali esose, ha affossato Icardi. Davvero la Juventus crede di poterla gestire?

Ora, l’aumentato numero delle mogli dei calciatori malate di protagonismo imporrebbe di modificare la normativa contrattuale in modo da scongiurare, per il futuro, casi come questo. Casi che, innegabilmente, fanno davvero male al calcio.

Ma per evitare il caso Icardi ci sarebbe stato un modo molto più semplice ed efficace: ignorare completamente la bionda che si credeva irresistibile, i suoi tweet e le sue dichiarazioni, risparmiandoci le sue comparse in tv.

Nel suo piccolo questo blog dà una lezione: non riporta le esternazioni mediatiche delle wags, che vivono dell’attenzione dei media. Per chi scrive Wanda Nara rimane la mamma di cinque bambini. Né più né meno, una mamma come milioni di altre.

Posted in Calcio italiano, Inter, Juventus, Media, PALLONI SGONFIATI | Contrassegnato da tag: , , , , , | 8 Comments »

#ForzaSinisa

Posted by ladycalcio su domenica, luglio 14, 2019

 

 

Con grandissimo coraggio, da “duro” quale tutti lo conosciamo, nella conferenza stampa di ieri Sinisa Mihajlovic ha pubblicamente annunciato di avere la leucemia, che intende combattere e vincere al più presto.

Fra la miriade di messaggi di incoraggiamento riportati dai media, mi piace citare il tweet di Gene Gnocchi: “La leucemia ha incontrato Sinisa. Adesso sono c***i della leucemia

Un grossissimo in bocca al lupo da Ladycalcio.

Forza Sinisa!

 

 

Link:

 

https://sport.sky.it/calcio/serie-a/2019/07/13/mihajlovic-conferenza-bologna.html

https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/serie-a/bologna/2019/07/13-58888856/mihajlovic_choc_conferenza_ho_una_leucemia_/

https://sport.sky.it/calcio/serie-a/2019/07/13/leucemia-mihajlovic-dottore-bologna-si-puo-guarire.html

https://sport.sky.it/calcio/serie-a/2019/07/13/video-mihajlovic-tifosi-bologna-abbraccio-dopo-conferenza.html

https://sport.sky.it/calcio/serie-a/fotogallery/2019/07/13/sinisa-mihajlovic-conferenza-leucemia-reazioni-social.html

Sinisa Mihajlovic ha la leucemia: ecco il post di Gene Gnocchi. “Ora sono…”

Posted in Calcio italiano, Media | Contrassegnato da tag: , , , , | 13 Comments »

12° COMPLEANNO!!!

Posted by ladycalcio su domenica, giugno 30, 2019

 

Il 1° luglio 2007, da una censura di Fulvio Collovati, nasceva “Calcio e Parole”, da 12 anni con voi.

 

HAPPY BIRTHDAY!!!!! 🙂

 

Leggi com’è nato questo blog al link seguente:

https://calcioparole.wordpress.com/la-vergogna-della-censura/

Posted in Calcio italiano, Media, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | 16 Comments »

L’ITALIA FEMMINILE È AI QUARTI DEL MONDIALE

Posted by ladycalcio su mercoledì, giugno 26, 2019

Stanno dando la birra ai nostri maschietti, che per i Mondiali 2018 non si erano neppure qualificati.

Dopo la vittoria di ieri sulle cinesi (2-0), le Azzurre di Milena Bertolini sono giunte ai quarti di finale del Campionato del Mondo di Calcio femminile che si sta disputando in Francia e sabato affronteranno i Paesi Bassi.

Grinta da vendere, passione, coesione di squadra e bel gioco sono gli ingredienti di questa squadra, che assurge finalmente all’attenzione del grande pubblico.

Comunque vada il prosieguo della rassegna iridata, le nostre ragazze hanno già vinto. Oltre alle cinesi, hanno infatti battuto i pregiudizi, la diffidenza, talvolta persino il disprezzo di chi cercava di ridicolizzare le calciatrici considerandole l’ombra dei colleghi maschi.

Gli appassionati, inizialmente per pura curiosità ma in seguito con sincero apprezzamento, si stanno abituando a vedere le ragazze che giocano a calcio, sport che fino a poco fa veniva considerato per soli uomini. Le calciatrici hanno finalmente avuto l’attenzione di Sky, dei principali quotidiani sportivi di tutto il mondo e degli sponsor.

Nomi come Barbara Bonansea, Cristiana Girelli e Elisa Bartoli fanno notizia sui giornali e in TV, e scusate se tutto questo è poco.

Intanto, il sogno continua. Ad majora, Azzurre!

Posted in Calcio femminile, Calcio italiano | Contrassegnato da tag: , , , | 5 Comments »

TOTTI LASCIA LA ROMA: “ERA MEGLIO MORIRE”

Posted by ladycalcio su lunedì, giugno 17, 2019

Oggi potevo anche morire, era meglio”. Queste le parole di Francesco Totti, che dopo una vita in giallorosso, nell’odierna conferenza stampa al Salone d’Onore del CONI ha ufficializzato il suo addio alla Roma.

L’amarezza e la delusione della bandiera romanista traspaiono dal tono della voce, dal volto e dal racconto che man mano si dipana: un’ora e mezzo circa di esternazioni pacate nel tono ma quanto mai chiare e decise nel contenuto, a motivare, soprattutto ai tifosi, la sua rinuncia al ruolo di direttore dell’area tecnica giallorossa.

Una storia, secondo Totti, fatta di promesse mai mantenute, di mancanza di stima e fiducia nei suoi confronti da parte della Dirigenza, di detottizzazione e deromanizzazione del club, di non trasparenza verso i tifosi, di “troppi galli nella Società che fanno casini”, di un rapporto con Franco Baldini che “non c’è mai stato e mai ci sarà”, di un Totti “troppo ingombrante per questa società”.

Il Pupone di un tempo è cresciuto: giacca e cravatta, ottimo italiano, espressioni pertinenti e persino qualche ricercatezza linguistica rendono la sua apparizione vincente sotto il profilo umano e della comunicazione.

Il j’acccuse di Totti, espresso a chiare lettere, va all’indirizzo di tutta l’attuale Dirigenza della Roma senza degenerare in “casi personali” e disegna una situazione senza uscita senza scadere nel lavaggio dei panni sporchi in pubblico.

Un’apparizione ben preparata e ben condotta da cui esce l’uomo onesto e sincero tradito nel suo grande amore per la Roma.

Io per stupido nun ce passo”, sottolinea in uno dei pochi commenti in romanesco.

E dunque, Francesco ha deciso di parlare apertamente, a differenza dei tantissimi allenatori e dirigenti che minacciano di farlo durante il campionato, ma poi, dinanzi alla cospicua buonuscita (e agli obblighi di contratto), dichiarano di andarsene per il bene della disastrata società di turno e per cercare nuove sfide: “Io sono abituato a dire la verità, non posso stare qua dentro”.

Questa brutta vicenda è l’ennesimo esempio dell’inadeguatezza delle dirigenze straniere nel nostro campionato e del loro distacco dalle realtà locali italiane: presidenti d’oltreoceano alla ricerca di investimenti, boss con gli occhi a mandorla molto abili a far girare i soldi ma incapaci di spiaccicare due parole d’italiano, misteriose cordate che fanno capo a illustri prestanomi esteri, burattinai intrisi di grandeur che pretenderebbero di controllare una Società italiana dall’altro capo del mondo.

Con questi presupposti, da parte dei dirigenti va a farsi benedire la conoscenza dell’ambiente, fattore imprescindibile per gestire attività e persone.

“L’ultima parola spettava sempre a Londra, il resto era tempo perso”, ha affermato Totti.

Ora, fra le diverse proposte (una delle quali pervenutagli stamattina) Totti accetterà quella “che mi farà stare meglio”. La sua Roma andrà sempre a vederla, magari in Curva Sud insieme a De Rossi, altra bandiera storica sottratta ai tifosi.

“Hanno voluto questo e alla fine ci sono riusciti”, ha concluso malinconico l’ex-numero 10 giallorosso.

Un disastro di cui la Dirigenza dovrà rispondere, con il rischio di ritrovarsi i suoi stessi sostenitori alle barricate.

A 18 anni esatti dall’ultimo campionato vinto, l’Ottavo Re di Roma se ne va triste e sconsolato – e chissà se e quando i Pallotta si renderanno conto del disastro. Una Roma che tradisce Totti è inconcepibile per chi sta scrivendo questo post da Milano, figuriamoci per i tifosi delle borgate capitoline.

Ai tifosi Totti lascia una speranza: se cambia la Proprietà, è disposto a tornare.

Sin d’ora, qualcosa ci dice che lo rivedremo in giallorosso.

In bocca al lupo, Francé!

 

Nella foto: Totti durante la conferenza stampa, trasmessa da Sky

La conferenza di Totti:

https://sport.sky.it/calcio/serie-a/2019/06/17/totti-roma-conferenza.html

Leggi anche:

L’addio di De Rossi https://bit.ly/2ZtEDtZ

Posted in Calcio italiano, Roma | Contrassegnato da tag: , , , | 6 Comments »

CARI OPINIONISTI SKY, MESSI NON È IL MESSIA

Posted by ladycalcio su venerdì, Mag 3, 2019

D’accordo la doppietta e il 600° goal, ma sul campo aveva giocato Messi, non il Messia.

Eppure, dall’inascoltabile postpartita Sky di Barcellona-Liverpool (3-0), si sarebbe potuto evincere il contrario.

Ridotto a una trionfale apologia dell’attaccante argentino degna di una compagine di tifosi blaugrana (o se preferite, di bambini dell’asilo che non hanno mai visto un attaccante in azione), per lodi sperticate e zero senso della misura il programma è da annoverare fra quelli che invitano a spegnere il televisore domandandosi perché si stia pagando l’abbonamento.

Protagonisti in studio opinionisti solitamente di prim’ordine, che in questa occasione si sono lasciati prendere un po’ troppo la mano: Billy Costacurta, Paolo Condò e Fabio Capello, più l’inevitabile Ilaria d’Amico a “squittire” complimenti giulivi all’indirizzo del barbuto superman in maglia rossoblu.

A dire il vero, già durante la telecronaca (della coppia Riccardo Trevisan-Lele Adani) era emersa una malcelata partigianeria pro Barça, ma nulla in confronto all’infantile celebrazione dello pseudodio della pedata andata in scena nel postpartita, che ha privato i telespettatori paganti di un’analisi tecnico-tattica completa dell’incontro e degli altri suoi protagonisti, come se non ve ne fossero stati.

La D’Amico esordisce parlando della “perfezione delle giocate di un campione”, ma interviene Capello: “Genio, genio, per piacere”. Costacurta: “Non è più un campione: è Federer è Michael Jordan , è Tiger Woods, non è più un campione”.

In un’escalation di aggettivi iperbolici si celebra la “divina maestà” pedatoria del numero 10 argentino: per Ilaria D’amico una “figura trascendentale nel calcio”, mentre Condò la mettra tra il serio e il faceto: “Quando hanno chiesto a Papa Francesco se Messi fosse Dio, lui ha detto di no ma non ha scomunicato chi l’aveva chiesto… quindi c’è un dubbio”

La conduttrice avverte che “Stiamo per raggiungere la blasfemia”, mentre la partigianeria l’aveva già tradita poco prima: “Chi non è tifoso di Messi questa sera’? Non lo so! (Forse i tifosi del Liverpool, Ilaria, ndr) La domanda appare assolutamente pleonasica e non adeguata alla classe, perche la classe si applaude sempre”.

Ora: d’accordo l’ottima partita di Messi (in altre occasioni completamente nullo), d’accordo la matematica esaltante, ma chi sta seduto negli studi Sky, al di là della necessità di fare audience, non dovrebbe mai perdere di vista la professionalità, l’imparzialità e il senso della misura.

In caso contrario infatti, si trascende e si diventa fastidiosamente di parte.

Sarà che siamo nell’era delle mode, del piove sempre sul bagnato, dei social media che esaltano e distruggono i personaggi, delle opinioni costruite sulle chat e sul numero dei follower, degli influencer ideologici, della fissa collettiva di Messi e Cristiano Ronaldo monopolizzatori del Pallone d’Oro insieme ai loro sponsor dorati, ma uno show come quello dell’altra sera non è commento tecnico, ma tifo smaccato e idolatria della persona.

Degno di un bar del Camp Nou, non certo dello Studio Sky.

 

idolRIA DELLA PERSONA

Posted in Calcio italiano, Media | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | 7 Comments »

ALLEGRI CONTRO ADANI, “STILE JUVENTUS” A SKY

Posted by ladycalcio su domenica, aprile 28, 2019

Sei lì dietro e non sai niente”. “Ora parlo io – e stai zitto”. “Perché parli con un allenatore che ha vinto sei scudetti, e quindi stai zitto”. “Ora parlo io. Ora parlo io. Ora parlo io”.

Massimiliano Allegri sbrocca a Sky nel postpartita di Inter-Juventus prendendosela con Lele Adani, “reo” di aver interrotto una sua interminabile (e noiosissima) serie di disquisizioni e divagazioni dal tema della serata: “Siete dei teorici, anche te 🙂 sei il primo che legge i libri e di calcio non sai niente”.

Dulcis in fundo, come già un anno fa, il tecnico bianconero si toglie l’auricolare e tronca di netto l’intervista, piantando in asso lo studio e i telespettatori paganti, tifosi juventini e non. Davvero una cafonata doc, degna del miglior “stile Juve”.

Perché deve ridursi così?” Si domanda giustamente Adani.

Perché è l’atteggiamento tipico di chi non ha argomentazioni, è la risposta.

E mi sento di rincarare la dose:

Il postpartita Sky è sempre più spesso teatro di scene da circo da parte di allenatori spocchiosi e maleducati che sbroccano in diretta, proiettando le proprie frustrazioni sui malcapitati opinionisti in studio. Non sarebbe ora che l’emittente, d’accordo con le Società, si opponesse con decisione a questa mancanza di rispetto verso i propri collaboratori e verso gli abbonati?

Non sarebbe ora che le Società – e la Federcalcio – infliggessero multe salate ai palloni gonfiati plurivincitori che in diretta TV dimenticano i principi più elementari della buona educazione?

 

Rivediamo la scena al link seguente:

https://www.youtube.com/watch?v=Q4WAmLSjY2A

 

L’origine della lite un anno fa:

https://bit.ly/2XQXoH5

 

Sullo “STILE JUVE” leggi anche:

 

 

https://calcioparole.wordpress.com/2013/08/14/buffon-segua-gli-insegnamenti-di-papa-francesco/

 

https://calcioparole.wordpress.com/2013/05/06/juve-sono-29-con-troppi-aiutoni/

 

https://calcioparole.wordpress.com/2011/11/15/andrea-agnelli-e-%e2%80%9cil-brutto-del-calcio%e2%80%9d/

 

https://calcioparole.wordpress.com/2011/07/06/lasciate-lo-scudetto-2006-allinter-lasciate-in-pace-facchetti-2/

 

https://calcioparole.wordpress.com/2009/04/22/juventus-non-chiamatela-piu-signora/

 

https://calcioparole.wordpress.com/2009/04/19/la-juve-non-si-smentisce-mai/

 

https://calcioparole.wordpress.com/2008/03/23/inter-juve-uovo-di-pasqua-bianconero/

 

https://calcioparole.wordpress.com/2008/02/07/juve-carnevale-bianconero/

 

 

 

Posted in Calcio italiano, Inter, Juventus, Media | Contrassegnato da tag: , , , , , | 4 Comments »

BUONA PASQUA!

Posted by ladycalcio su sabato, aprile 20, 2019

Posted in Calcio italiano | 10 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: