CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Archive for maggio 2019

MESSI NULLO: “LA BARÇA” AFFONDA, LIVERPOOL IN FINALE!

Posted by ladycalcio su mercoledì, maggio 8, 2019

Quattro splendide reti per una storica rimonta sul Barcellona “già in finale”. E ogni volta Sky inquadra… Lionel Messi. Sarà un vizio, sarà una fissazione, chissà.

Sta di fatto che, ancora una volta, l’argentino è stato nullo, come gli capita troppe volte a dispetto della collezione di Palloni d’Oro e dei toni trionfalistici al suo indirizzo.

La serata di ieri, oltre a una grande lezione di calcio agli spagnoli, ha offerto una lezione agli opinionisti a senso unico infatuati dell’incostante numero 10 blaugrana: le doppiette di Origi e Wijnaldum dovrebbero aver dimostrato anche alle cervici più ostinate che al di là di Messi e Cristiano Ronaldo esistono altri giocatori: tatticamente migliori, fisicamente più costanti e mentalmente più forti, in grado di emergere – non di soccombere – quando la barca sta per affondare.

Leggi anche:

https://calcioparole.wordpress.com/2019/05/03/cari-opinionisti-sky-messi-non-e-il-messia/

Da “Repubblica”:

https://www.repubblica.it/sport/calcio/2019/05/08/news/champions_rimonta_psg_barcellona_liverpool-225750622/

Mediaset:

https://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/championsleague/alisson-mister-rimonta-e-l-incubo-del-barcellona_1274537-201902a.shtml

SkySport:

https://sport.sky.it/calcio/champions-league/2019/05/07/liverpool-barcellona-risultato-gol.html

IL VIDEO DEI GOAL SU SKY.IT

https://video.sky.it/sport/calcio/champions-league/video-liverpool-barcellona-4-0-gol-e-highlights/v509363.vid

Posted in Calcio inglese, Media, PALLONI SGONFIATI | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

CARI OPINIONISTI SKY, MESSI NON È IL MESSIA

Posted by ladycalcio su venerdì, maggio 3, 2019

D’accordo la doppietta e il 600° goal, ma sul campo aveva giocato Messi, non il Messia.

Eppure, dall’inascoltabile postpartita Sky di Barcellona-Liverpool (3-0), si sarebbe potuto evincere il contrario.

Ridotto a una trionfale apologia dell’attaccante argentino degna di una compagine di tifosi blaugrana (o se preferite, di bambini dell’asilo che non hanno mai visto un attaccante in azione), per lodi sperticate e zero senso della misura il programma è da annoverare fra quelli che invitano a spegnere il televisore domandandosi perché si stia pagando l’abbonamento.

Protagonisti in studio opinionisti solitamente di prim’ordine, che in questa occasione si sono lasciati prendere un po’ troppo la mano: Billy Costacurta, Paolo Condò e Fabio Capello, più l’inevitabile Ilaria d’Amico a “squittire” complimenti giulivi all’indirizzo del barbuto superman in maglia rossoblu.

A dire il vero, già durante la telecronaca (della coppia Riccardo Trevisan-Lele Adani) era emersa una malcelata partigianeria pro Barça, ma nulla in confronto all’infantile celebrazione dello pseudodio della pedata andata in scena nel postpartita, che ha privato i telespettatori paganti di un’analisi tecnico-tattica completa dell’incontro e degli altri suoi protagonisti, come se non ve ne fossero stati.

La D’Amico esordisce parlando della “perfezione delle giocate di un campione”, ma interviene Capello: “Genio, genio, per piacere”. Costacurta: “Non è più un campione: è Federer è Michael Jordan , è Tiger Woods, non è più un campione”.

In un’escalation di aggettivi iperbolici si celebra la “divina maestà” pedatoria del numero 10 argentino: per Ilaria D’amico una “figura trascendentale nel calcio”, mentre Condò la mettra tra il serio e il faceto: “Quando hanno chiesto a Papa Francesco se Messi fosse Dio, lui ha detto di no ma non ha scomunicato chi l’aveva chiesto… quindi c’è un dubbio”

La conduttrice avverte che “Stiamo per raggiungere la blasfemia”, mentre la partigianeria l’aveva già tradita poco prima: “Chi non è tifoso di Messi questa sera’? Non lo so! (Forse i tifosi del Liverpool, Ilaria, ndr) La domanda appare assolutamente pleonasica e non adeguata alla classe, perche la classe si applaude sempre”.

Ora: d’accordo l’ottima partita di Messi (in altre occasioni completamente nullo), d’accordo la matematica esaltante, ma chi sta seduto negli studi Sky, al di là della necessità di fare audience, non dovrebbe mai perdere di vista la professionalità, l’imparzialità e il senso della misura.

In caso contrario infatti, si trascende e si diventa fastidiosamente di parte.

Sarà che siamo nell’era delle mode, del piove sempre sul bagnato, dei social media che esaltano e distruggono i personaggi, delle opinioni costruite sulle chat e sul numero dei follower, degli influencer ideologici, della fissa collettiva di Messi e Cristiano Ronaldo monopolizzatori del Pallone d’Oro insieme ai loro sponsor dorati, ma uno show come quello dell’altra sera non è commento tecnico, ma tifo smaccato e idolatria della persona.

Degno di un bar del Camp Nou, non certo dello Studio Sky.

 

idolRIA DELLA PERSONA

Posted in Calcio italiano, Media | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | 7 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: