CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Archive for febbraio 2017

INTERVISTA A PIERLUIGI AVANZI, AUTORE DI “BIOGRAFIE NERAZZURRE – LA STORIA DELL’INTER ATTRAVERSO I SUOI PROTAGONISTI”

Posted by ladycalcio su giovedì, febbraio 16, 2017

 1-copertina2-pierluigi-avanzi

 

 

 

 

 

 

 

 

L’avevamo già conosciuto e apprezzato per il suo primo libro “Giacinto Facchetti – Una bandiera in mezzo alla battaglia” (Urbone Publishing) http://bit.ly/2ksSj5j  http://bit.ly/2ksNk4F

Ora, l’appassionato blogger nerazzurro Pierluigi Avanzi replica con “Biografie Nerazzurre – La storia dell’Inter attraverso i suoi protagonisti” (stesso Editore). L’opera, che raccoglie in formato cartaceo tutti gli articoli dell’omonimo blog (www.biografienerazzurre.blogspot.com), è arricchita dalla prefazione dell’Avv. Luigi Maria Prisco, figlio dell’indimenticabile Peppino.

Da Virgilio Fossati a Javier Zanetti, da Helenio Herrera  a José Mourinho, Pierluigi ripercorre oltre un secolo di appassionante storia nerazzurra in quarantasei ritratti “scelti sull’onda emozionale del momento”, traboccanti di tifo, orgoglio e passione viscerale per i colori della Beneamata.

Nelle 158 pagine del libro esplodono ricordi ed emozioni, ma soprattutto una fede.

In questa intervista esclusiva, “Calcio e Parole” vi offre una presentazione di primissima mano dell’autore e del libro.

Ladycalcio: Raccontaci chi sei…

PIERLUIGI AVANZI: Mi definirei scrittore di calcio per diletto, “interologo” per vocazione e impiegato commerciale per necessità. Sono nato e risiedo attualmente in provincia di Mantova – fortunatamente una città ancora a misura d’uomo – ma sono cresciuto in un quartiere della periferia ovest di Milano.

Di tutta la storia dell’Inter, qual è il nerazzurro che più ti è rimasto nel cuore?

Doverosa premessa: scegliere un solo personaggio fra quelli che ho avuto modo di ammirare in quasi trent’anni di tifo interista, o fra quelli di cui ho soltanto letto o visto delle immagini, non è assolutamente facile. Fra questi personaggi sono molti quelli che hanno regalato emozioni e rappresentato degnamente la Società nerazzurra, ognuno a suo modo.

Ciò premesso, ritengo che il biglietto da visita più confacente e luminoso della storia dell’Inter sia Giacinto Facchetti, il personaggio che meglio ha saputo sintetizzare tale storia. Questo per i suoi valori morali, l’irremovibile volontà di vincere senza mai prevaricare le regole e l’ammirevole fedeltà alla maglia e a determinati ideali; oltre che, naturalmente, per le fantastiche virtù tecniche e agonistiche. Alla sua memoria ho dedicato il mio primo libro, dal titolo “Giacinto Facchetti – Una bandiera in mezzo alla battaglia” (2011), anch’esso edito da Urbone Publishing. Come infatti affermava lo scrittore britannico George Orwell, “Arrivati a una certa età ognuno ha la faccia che si merita” e l’Inter ha la fortuna e l’orgoglio di avere quella di Facchetti.

Qual è il campione nerazzurro che più amavi da bambino, quello di cui indossavi la maglietta quando giocavi a pallone?

I primissimi ricordi della mia grande passione per l’Inter risalgono alla compagine del trio tedesco Brehme-Klinsmann-Matthäus allenata da Giovanni Trapattoni: avevo 6-7 anni (fra pochi giorni ne compirò 34), abitavo in un quartiere milanese a pochi chilometri da San Siro e ogniqualvolta scendevo in strada per giocare a calcio con gli amici non perdevo l’occasione di indossare la maglietta nerazzurra sponsorizzata “Misura”. La maglietta in questione aveva sulle spalle un numero 11 (allora appartenente ad Aldo Serena) fatto da mia mamma con delle fettucce elastiche bianche; probabilmente, solo perché era il numero più semplice da fabbricare e/o da applicare. Le altre maglie dell’Inter che nel tempo hanno riempito il mio armadio sono state la numero 3 di Giacinto Facchetti, la numero 8 di Nicola Berti (forse il mio primo “idolo”), la numero 4 di Javier Zanetti e la numero 19 di Esteban Cambiasso. Dall’epoca di mister Trapattoni, dunque, ho iniziato a seguire assiduamente le gesta della mia squadra del cuore, nei momenti belli e in quelli decisamente meno belli, in tutti i possibili modi: alla radio, davanti alla tv, sulla carta stampata, via web e, naturalmente, allo stadio.

Tanti dei giocatori che hai ritratto nel tuo libro non li hai mai visti giocare; eppure hai scritto su di loro e non su altri campioni che ti hanno accompagnato nella tua vita di tifoso. Perché?

In queste mie 158 pagine di sentimento e di evidente orgoglio ho avuto il piacere di sintetizzare tre delle mie più grandi passioni: la scrittura, l’Inter e la sua storia. Attraverso le gesta di chi l’ha scritta (giocatori, allenatori, dirigenti e presidenti) ho cercato di raccontare oltre un secolo di emozionante storia nerazzurra (anche se all’interno del libro non mancano richiami all’attualità): quarantasei biografie di altrettanti protagonisti della gloriosa leggenda interista scelti sull’onda emozionale del momento (dunque, senza un criterio preciso), non necessariamente tutti i più grandi o i più vincenti. Quarantasei protagonisti di epoche diverse che per le loro imprese, o semplicemente per i loro atteggiamenti o la loro passione, hanno saputo rendersi meritevoli interpreti di un’inebriante saga che il 9 marzo 2016 ha compiuto 108 anni.

Quali personaggi hai incontrato fra quelli del tuo libro? C’è un aneddoto che ti lega a uno di loro?

Nel tempo, fra i quarantasei personaggi di cui ho scritto ho avuto il piacere di scattare una foto con Giacinto Facchetti, Roberto Boninsegna, Gigi Simoni, Roberto Mancini, Nicola Berti ed Esteban Cambiasso. L’incontro con Facchetti è minuziosamente descritto nel libro che gli ho dedicato: un signore disponibile, pacato e cortese che aveva regalato ad un allora ragazzino di quattordici anni l’enorme gioia d’essere immortalato per la prima volta con un personaggio dell’universo nerazzurro. Una gioia che avrei poi raccontato a tutti nei minimi dettagli.

Qualcuno dei personaggi del libro ti ha fatto pervenire un apprezzamento per il tuo lavoro?

Sì: il gentilissimo Avvocato Luigi Maria Prisco (figlio del mitico e indimenticato vicepresidente Peppino), che su mia espressa richiesta ha impreziosito questo mio secondo libro firmandone la prefazione.

Come hai conosciuto l’Avv. Luigi Maria Prisco?

Lo contattai per la prima volta alcuni anni fa, domandandogli se potesse inserire all’interno del sito http://www.peppinoprisco.it un articolo in ricordo di suo padre che avevo scritto nel dicembre 2010. Dopo pochi giorni, oltre a ringraziarmi, l’Avvocato lo pubblicò sul sito.

Perché hai chiuso il tuo blog rinunciando a scrivere biografie di giocatori più vicini al tuo tempo?

Il mio libro “Biografie Nerazzurre – La storia dell’Inter attraverso i suoi protagonisti” non è altro che la raccolta di tutti gli articoli sulla storia e i personaggi dell’Inter che ho scritto e pubblicato negli ultimi dieci anni sull’omonimo blog (www.biografienerazzurre.blogspot.com).

Trasformato il blog in un libro cartaceo (pochi mesi fa), complice il fatto che purtroppo ho sempre meno tempo da dedicargli, ho pensato fosse giusto chiuderlo.

Come vedi l’Inter di Stefano Pioli?

Finalmente l’Inter si esprime da squadra, e non è più soltanto un insieme di buoni singoli. Questo anche grazie a uno schema di gioco pressoché definitivo e a uno “zoccolo duro” di titolari a cui si è dato finalmente continuità. Il merito è di Pioli, con il quale i giocatori paiono interagire bene. Lo ritengo un tecnico tatticamente preparato e un profondo conoscitore dell’insidiosissima Serie A, oltre che una persona seria, concreta ed efficace negli atteggiamenti. Non da ultimo, ha nelle vene il sangue nerazzurro ereditato dal padre, il che non guasta di certo…. Considerato il buon organico a disposizione, il mister parmense sembra quindi l’uomo giusto per lasciarsi alle spalle il turbolento 2016 e puntare a un 2017 che restituisca fierezza all’appassionato popolo della Beneamata, oltre che stabilità tecnica.

Qual è il tuo giocatore preferito dell’attuale rosa?

Non ne ho uno in particolare. Quando i giocatori della tua squadra del cuore iniziano ad essere più giovani di te significa che è finito il tempo di avere dei beniamini come accade quando si è ragazzini o adolescenti… Sono tutto per i colori della mia amata Inter: irrequieta e blasonata, disegnata nel 1908 dalla mano del pittore Giorgio Muggiani e come tale raffinata, geniale, imprevedibile, pazza. Prendendo in prestito la politica, l’Inter è l’unica grande del calcio italiano che, da sempre, è all’opposizione anziché al governo. Con buona pace dell’ineffabile censore Marotta e compagnia.

Vai sempre allo stadio?

Meno che in passato. Per diverse stagioni sono stato abbonato, ma anche ora, comunque, almeno una/due partite all’anno dal vivo cerco di non farmele mancare.

Hai qualcosa da aggiungere a questa intervista?

Un caloroso saluto a tutti i veri tifosi nerazzurri: quelli che in nome della passione viscerale per la loro squadra arrivano a sottrarre tempo prezioso alle persone che amano. Magari scrivendo sui blog o su qualche testata (spesso gratis e sempre nei ritagli di tempo, come il sottoscritto), oppure abbonandosi alle pay-tv (non certo a prezzi economici), o ancora affrontando centinaia di chilometri per recarsi allo stadio, non importa se in condizioni climatiche proibitive. In definitiva, saluto tutti quelli che anche nei momenti più bui restano “militanti” e orgogliosi di essere interisti.

 

Nelle foto: la copertina del libro e l’autore

 

Link alla presentazione online del libro: http://www.urbone.eu/obchod/biografie-nerazzurre-la-storia-dell-inter-attraverso-i-suoi-protagonisti

Posted in Calcio italiano, Inter, Media | Contrassegnato da tag: , , , , | 11 Comments »

JUVE-INTER, SIAMO DACCAPO

Posted by ladycalcio su sabato, febbraio 11, 2017

rizzoli

L’espressione del viso dell’arbitro Rizzoli all’uscita dallo Juventus Stadium domenica sera parlava da sola: era l’espressione stravolta e allampanata di chi sa di averla fatta grossa.

Da dopo Calciopoli, il Derby d’Italia non è mai più stato lo stesso, né mai potrà più esserlo. Se fra Juve ed Inter l’agonismo più acceso rispetto a un tempo è “fisiologico” e se qualche malcelato rancore fra le due contendenti può starci, ciò che è inaccettabile è la ricaduta nel buco nero arbitrale del passato.

I prodromi si sono visti tutti domenica scorsa. A riportarci ai tempi bui non sono stati soltanto il rigore negato all’Inter per il fallo di Mandzukic su Icardi e i due rossi comminati a Peresic e allo stesso argentino conditi dagli atteggiamenti pagliacceschi dell’arbitro Rizzoli. È vero che, per le due espulsioni, nessuna delle quali per fallo, trasparenza vorrebbe che venissero rese note le presunte frasi ingiuriose rivolte dai rispettivi nerazzurri al direttore di gara. Ma si sa, parlare di “trasparenza” in riferimento alla Juve è una parola enorme.

Ciò che più sconcerta sono le immagini inedite di un clamoroso inspiegabile episodio mandate in onda martedì da Inter Channel: calcio piazzato per la Juve, Chiellini fa per passare indietro a Buffon ma Icardi scatta in avanti, intercetta il pallone e si lancia a rete solo davanti al portiere. Non c’è fuorigioco, poiché Icardi era scattato da molto dietro. Ma Rizzoli fischia e fa ribattere. Perché?

E perché nella diretta TV l’episodio non era stato mostrato e al suo posto le telecamere avevano svariato su Di Bala a colloquio con Allegri? La risposta, temo, è da ricercarsi nello sguardo allampanato del fischietto mirandolese, che ironia della sorte, proprio lunedì ha annunciato che rinuncerà ai Mondiali 2018.

Il comunicato stampa ufficiale dell’Inter sull’accaduto: (…) “Abbiamo, nei toni corretti e nelle sedi appropriate, cercato un confronto su quelle che riteniamo decisioni arbitrali discutibili in una partita importante per noi e per la Serie A. Il nostro pensiero oggi va però solo al futuro (…)”.

Ma quando si parla di Juve, il passato riemerge prepotentemente da sé.

PS

Ho scritto tante volte che, dopo Calciopoli, la Juve avrebbe dovuto essere retrocessa in Serie C.

Ecco i link ad alcuni miei post su precedenti poco edificanti:

 

https://calcioparole.wordpress.com/2009/04/19/la-juve-non-si-smentisce-mai/

https://calcioparole.wordpress.com/2008/03/23/inter-juve-uovo-di-pasqua-bianconero/

https://calcioparole.wordpress.com/2008/02/26/juventus-oscar-per-la-peggior-sceneggiatura/

https://calcioparole.wordpress.com/2008/02/07/juve-carnevale-bianconero/

Posted in Calcio italiano, Inter, Juventus, Media | Contrassegnato da tag: , , , , | 8 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: