CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

DE BOER E IL PANETTONE

Posted by ladycalcio su martedì, agosto 9, 2016

Presentazione De Boer

Conferenza stampa in inglese, presentazione di un tecnico olandese, Proprietà cinese.  Ti domandi se sia l’Inter, se stai sognando o  se sei desto.

Appare un po’ spaesato anche Frank de Boer, neoallenatore nerazzurro alla prima panchina fuori dal calcio d’Olanda, contattato (sua affermazione) quindici giorni fa e con soli 12 giorni a disposizione prima dell’esordio in Serie A contro il Chievo.

“Ovviamente non è la situazione ideale”, ammette. Gli domandano se sia già venuto in vacanza in Italia e se conosca la cultura italiana e il nostro Paese. Risposta: “È un posto diverso da Barcellona”🙂 , ma non è così tanto diverso dopotutto, la cultura è diversa ma comunque si gioca 11 contro 11″.

Soprattutto, l’ex-difensore punta sulla sua filosofia e sulla professionalità dei giocatori🙂 . Sul secondo aspetto, i migliori auguri a nome del suo predecessore Roberto Mancini! 🙂

Il resto è un déjà entendu alle presentazioni di tutti i suoi predecessori. De Boer è emozionato, ha voglia di cominciare, si prefigge di lavorare duramente e di raggiungere gli obiettivi. L’Inter è un grandissimo club, ha giocatori di grande talento ed esperienza ed egli è onorato di esserne l’allenatore.

De Boer ha analizzato la rosa con grande attenzione, ha visto dei video🙂 . Ha formato molti giovani giocatori ma è convinto di essere in grado di allenare anche i giocatori con più esperienza (“a volte è più semplice perché capiscono molto più velocemente le cose”😯 )

La sua filosofia è l’aspetto più importante e la squadra deve crederci. Da parte sua è convinto di raggiungere gli obiettivi proponendosi diversi moduli (5-3-2, 4-3-3, 4-3-1-2), certo “che i numerosi talenti che ci sono in questo gruppo impareranno molto rapidamente”. “Basta che tutti credano in ciò che facciamo”.

Nessuno è imbattibile (riferimento alla Juve). “Ovviamente ci sono giocatori di diverse nazionalità nella squadra, ma tutti si capiranno e tutti sanno cosa vuol dire essere un professionista”. “La cosa che dobbiamo fare è vincere le partite e questo è quello che faremo”.

L’ottimista con gli occhiali rosa De Boer non conosce il nostro calcio, non sa una parola d’italiano, e tantomeno conosce le usanze milanesi. Un modo di dire che presto imparerà, e che è già sulla bocca di tutti i tifosi interisti, è: “mangerà il panettone?”

 

7 Risposte to “DE BOER E IL PANETTONE”

  1. Gromly said

    Io avrei preferito Leonardo, perché sa benissimo l’italiano, conosce il calcio italiano e l’ambiente dell’Inter.

  2. Lothar said

    Mah, han preso all’ultimo momento quel che c’era in giro …

  3. Angelillo said

    Mi sembra un po’ troppo ottimista. Speriamo in bene.

  4. Spiritoso said

    Ma fa il filosofo o l’allenatore?🙂

  5. Diossina said

    Sì, ma per giocare con quei moduli ci vogliono gli uomini giusti!

  6. Diegomilitofacciungol said

    Uffa, è l’ennesimo punto di domanda!

  7. Kobra91 said

    Anche a me sembra troppo ottimista e ingenuo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: