CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

SUGLI HOOLIGAN OLANDESI, LA BARCACCIA, LA BANANA A GERVINHO E LA TESSERA DEL TIFOSO

Posted by ladycalcio su sabato, febbraio 28, 2015

I fatti di Roma prima e di Rotterdam poi, ci forniscono due drammatiche conferme: l’incapacità da parte della Giustizia di avere ragione degli hooligan e l’ipocrisia imperante di chi, in assenza di soluzioni al fenomeno, continua a propinarci la Tessera del Tifoso, i tornelli, i biglietti nominali, le telecamere negli stadi e i divieti più assurdi (si vedano alcuni luminosi esempi ai link in calce).

Sempre più vigliaccamente, le Autorità fanno la voce grossa con i veri sportivi e dietrofront dinanzi alle orde di vandali.
“Altrimenti, ci scappava il morto”, si è sentito dire dei disordini nella Capitale prima di Roma Feyenoord. E allora, lasciamo che gli hooligan olandesi prendano a bottigliate la Barcaccia e trasformino Roma in un cumulo di macerie e immondizie (soltanto dalla fontana del Bernini sono stati estratti ca. 20 metri cubi di detriti e 20 sacchi di vetri e immondizie) e mettano a repentaglio l’incolumità e la vita degli abitanti e dei passanti.

Giovedì sera si è replicato con la banana a Gervinho e con il lancio di bottigliette di plastica, monete e persino di un ombrello sul campo di Rotterdam, con tanto di interruzione della partita.

Siamo ancora qui a chiederci perché a Roma gli ultras olandesi non siano stati intruppati e scortati dalla Polizia, dove fossero le forze dell’ordine, perché i “pizzardoni” abbiano marcato visita, ecc. Siamo ancora qui a fare gli spot e i dibattivi TV sul razzismo.

Quanto ai fatti di Roma, ci sentiamo presi in giro su tutta la linea: dallo scaricabarile fra il Ministro degli Interni Alfano, il Sindaco di Roma Marino, il prefetto Giuseppe Pecoraro e il questore Nicolò D’Angelo; dal rifiuto, da parte olandese, di risarcire i danni e persino di organizzare un’amichevole Italia-Olanda devolvendo gli introiti per ripagare in parte gli ingenti danni al patrimonio artistico, quelli ai commercianti e le spese di pulizia e smaltimento dei rifiuti; dal sentirci regolarmente sciorinare come esempio la “cultura sportiva” di Paesi dove l’hooliganismo (abbinato all’alcolismo) è peggiore che da noi; dai ridicoli palliativi partoriti dai soloni che ci governano, Tessera del Tifoso in primis.

Il Ministro Alfano riterrebbe già un successo che a Roma non vi siano stati morti. Si sbaglia. È morta la civiltà, è stato distrutto il cuore della nostra storia e della nostra cultura e quel che è peggio, l’italica Nazione si è dimostrata incapace di preservarli e di difenderli.

Di questo passo, seguendo il ragionamento di Alfano, dopo i fatti di Genova e Roma ci saremmo autoproclamati vittime predestinate di tutta la feccia che varca le Alpi in direzione dei nostri stadi e delle nostre città. E se stavolta nessun innocente ci ha lasciato le penne (vedi passanti, veri sportivi o commercianti romani), è giocoforza che non potrà essere sempre così.

Qualcuno è ancora dell’idea che si possano “educare” orde di vandali sbronzi quando non siamo neppure riusciti a sensibilizzare le autorità olandesi sui danni al nostro patrimono artistico? Prego, si faccia avanti, vada loro incontro e ci dimostri quanto è bravo.

Per quel che mi riguarda, non cesso di riproporre il modello tedesco, con il carcere sotto lo stadio, la Polizia ai quattro angoli delle piazze, gli agenti a cavallo che caricano gli hooligan a bastonate e se necessario con gli idranti. E se proprio fra i vandali dovesse “scapparci il morto”, la prossima volta il morto stia a casa sua.

Scale invase in Inter-Fiorentina del 3.2.10:

https://calcioparole.wordpress.com/2010/04/16/tessera/

Bar 3° Anello Blu preso d’assalto nell’ottobre 2007:

https://calcioparole.wordpress.com/2007/10/25/al-meazza-il-bar-e-gratis/#more-51

Supercoppa Italiana agasto 2010

https://calcioparole.wordpress.com/2010/09/12/tessera-del-tifoso-rendeteci-prima-conto-di-queste-vergogne/

7 Risposte to “SUGLI HOOLIGAN OLANDESI, LA BARCACCIA, LA BANANA A GERVINHO E LA TESSERA DEL TIFOSO”

  1. Alpha89 said

    Ben detto

  2. Gullit84 said

    L’Olanda ha perso una grande occasione per dimostrarsi un Paese civile. Dopo il macello combinato dai loro “tifosi”, le autorità olandesi avrebbero avuto il dovere morale di rimediare e di risarcire almeno in parte i danni al nostro patrimonio artistico danneggiato. L’idea dell’amichevole sarebbe stata perfetta, perché anziché tiar fuori i soldi di tasca propria, il governo olandese avrebbe potuto contare sugli introiti della partita.

  3. Lapidario said

    Olanda, vergogna!

  4. Evinrude said

    Tutto il mondo è paese

  5. Luisito27 said

    Ogni volta ci si scandalizza. Si sentono gli stessi commenti triti e ritriti e poi, passata l’onda emozionale del momento, tutto torna a tacere fino al prossimo fattaccio. Sarò pessimista, ma io personalmente dispero che ne usciremo.

  6. Sissi_1989 said

    L’aspetto peggiore è che si sono dimostrate insensibili anche le autorità olandesi. Passi che anche da loro possano esserci dei facinorosi (dove non ce ne sono, ormai?), ma sarebbe stato dovere delle autorità offrire perlomeno un aiuto per pagare i danni, magari anche in forma di un’amichevole.

  7. Lancillotto said

    Il punto è che gente così non sarebbe dovuta neppure entrare in Italia. Che ne è della tanto sbandierata DASPO?

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: