CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

ITALIA-URUGUAY: IL VAMPIRO SUAREZ MORDE CHIELLINI – E ALTRE STORIE DI ANTI-CALCIO

Posted by ladycalcio su mercoledì, giugno 25, 2014

Che non fossimo la compagine più affiatata del torneo lo si era capito sin dall’Inno di Mameli: il coro degli Azzurri non era sincronizzato neppure fra compagni di club – vedi i primi piani di Buffon e Chiellini.
Al di là del dato di fatto scontato, la 2^ eliminazione Azzurra di fila ai gironi in un Mondiale disgusta più per il vergognoso corollario che per il fallimento sportivo in sé.

Abbiamo visto il peggio del calcio dentro e fuori dal campo, tale da farci disamorare del mondo dello sport nel volgere di una sera.
Mentre scrivo si susseguono gli SMS di un caro amico straniero, addolorato e al tempo stesso attonito per l’eliminazione della “tua Italia”: “Che scandalo quell’arbitro messicano!” “Vogliono una finale tutta sudamericana”!, e via dicendo. Vero o meno che sia, è indubbio che questo Mondiale ha ormai perso ogni credibilità.

Italia-Uruguay (0-1) è stata una partita nervosa, fallosa ed esasperante nella ripetitività di due scene: Chiellini falciato a terra che si tiene la faccia e il piagnone Balotelli che si tiene la testa.
Per Balo arrivano il giallo, la sostituzione precauzionale per non rimanere in dieci e la bocciatura finale da parte di Prandelli, che dovrebbe sancire una volta per tutte che Supermario non è né un uomo da grandi partite, né un giocatore da Nazionale e tantomeno un campione; casomai, è una zavorra.

Rimaniamo ugualmente in dieci per il rosso assurdo a Marchisio da parte dell’arbitro Rodriguez Moreno (il cognome è tutto un programma). Precipita così il nostro Mondiale, perso per ammissione di Prandelli contro Costarica. Beninteso, il ct ci ha messo pesantemente del suo sbagliando le convocazioni, gli schemi, le sostituzioni e quant’altro si potesse sbagliare.

Si tocca il fondo con il 3° morso a un avversario da parte del plurirecidivo Suarez – vittima Chiellini – non sanzionato da Moreno (altro fischietto da cacciare). Sky ci fa sapere che l’attaccante del Liverpool sarebbe in cura da uno psicologo. L’auspicio è che previa una squalifica il più lunga possibile, il numero 9 uruguayano venga inviato d’urgenza da uno psichiatra che lo convinca di non essere Dracula. In alternativa, allo zoo…

“Cuore caldo e mente fredda”, aveva auspicato Gigi Buffon alla vigilia. Invece, per ironia della sorte, fedelmente a un noto detto milanese Natal 🙂 sancisce che Prandelli non mangerà il panettone. Chiude l’annata calcistica il gran finale pirotecnico: immemore del detto napoletano “Adda passà a’ nuttata”, il Cesare Nazionale si dimette a botta calda in diretta TV durante la conferenza stampa del post-partita, autoassimilandosi a un non meglio identificato partito politico che campa a carico dei contribuenti. Gli fa eco il presidente Abete, in un grottesco siparietto sulle dimissioni irrevocabili.

Il sipario vero e proprio non fa in tempo a calare sull’era Prandelli che già si vocifera il nome del prossimo ct: Massimiliano Allegri. Un buon uomo da Federazione, forgiato dalle traversie del Milan di Berlusconi e avvezzo persino a sentirsi dettare la formazione al telefono alla vigilia degli incontri. La serata se ne va fra le feroci polemiche e le voci di una cacciata di Balotelli dallo spogliatoio per eccesso di “balotellate” mondiali.

Stavolta, “c’è poco da stare Allegri” è qualcosa di più di una battuta.

Annunci

12 Risposte to “ITALIA-URUGUAY: IL VAMPIRO SUAREZ MORDE CHIELLINI – E ALTRE STORIE DI ANTI-CALCIO”

  1. Pippo said

    Un finale veramente inglorioso.

  2. Diossina said

    Bene così: tutti a casa e si ricomincia da zero.

  3. Angelillo said

    Un giocatore che morde? Ma stiamo scherzando! Prima ancora del Mondiale si è perso il senso dello sport e della lealtà. Suarez è plurirecidivo e questo dimostra che le squalifiche non sono una punizione sufficiente o che comunque, non bastano per correggerlo. Che sia un caso da psichiatra o no, quel che è certo è che un giocatore del genere non puà stare in campo, poiché costituisce un pericolo per gli altri.
    Spendo una parola anche su Balotelli, incorreggibile da un altro punto di vista. Mario non matura come uomo ed è inutile – addirittura dannoso – che si continui a costruire su di lui. Non ha la stoffa del campione, punto e basta.

  4. Lapidario said

    Come volevasi dimostrare 😦

  5. Bordon1971 said

    Con la conferenza stampa di ieri sera, Prandelli ha dimostrato di non esserci lui per primo. D’accordo dimettersi per il fallimento del progetto tecnico, ma cosa c’entravano i discorsi sulla politica e sulle tasse? Sia lui sia Abete avrebbero fatto meglio a consultarsi a mente fredda e a rimandare le rispettive dichiarazioni al giorno dopo. La notte avrebbe portato consiglio…

  6. Spiritoso said

    Basta che al prossimo Mondiale non ci sia un terzo arbitro che si chiama Moreno… 🙂

  7. Helenio said

    Secondo me Prandelli aveva già premeditato la mossa in caso di fallimento. Troppo repentino il tutto!

  8. Filippo Marcolino said

    E bravo il Cesarone nazionale! Lui se ne va e noi a chi diciamo grazie?

  9. Caffè Colombia said

    TROPPO COMODO!

  10. La redazione said

    “Mod.730 e convocazioni in Nazionale” http://goo.gl/z5cHQZ
    La nuova procedura di selezione dei giocatori da portare in nazionale

  11. Spillo70 said

    Davvero la partita ha offerto tutti gli ingredienti che fanno disamorare del calcio.Non è mancato proprio nulla!

  12. Pepe said

    Vergogna a tutti quanti: ai giocatori, a Prandelli, a Suarez, all’arbitro…. che schifo!

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: