CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

ITALIA: ADESSO SONO URU-GUAY

Posted by ladycalcio su sabato, giugno 21, 2014

“Adesso sono Uruguay”, titolavano ieri sera a “Qui Studio a Voi Stadio” (Antenna 3). E già si sprecano i paragoni con Corea ’66.

Le certezze dell’Italia prandelliana si infrangono contro la Costa…Rica o “il” Costarica che dir si voglia – si decidano i nostri esimi giornalisti – al goal di Ruiz.

Facciamola breve: in difesa si salva solo Chiellini, che corre e marca per tutti. Il resto sono un Barzagli che non si è ancora alzato dal letto in cui si era fatto fotografare con i bambini, tante bugie sull’infortunio di De Sciglio e Ranocchia a casa per motivi “politici”.

In attacco l’imputato è Balotelli, inconcludente come tutte le volte in cui c’è da fare la differenza, e come tutto il reparto, con le punte sempre in fuorigioco. Il denominatore comune degli Azzurri è l’essere sconclusionati e il perder continuamente palla.

Eppure, secondo Fabio Caressa (telecronista Sky), all’inizio del 2° tempo tutto lo stadio grida “Pirlo, Pirlo” ❓ . Del resto, non solo si gioca, ma si commenta anche a temperature elevate 🙂 .

Poco prima, al ritorno in campo dopo l’intervallo, un principio di rissa nel tunnel degli spogliatoi per su un possibile rigore mancato su Chiellini denota la tensione che regna nel clan.

Il secondo tempo scorre piatto e monotono alla ricerca del pareggio che non arriva neppure con l’inserimento di Cassano.
Beppe Bergomi (Sky) invita a giocare “palla a terra”. Prandelli, specializzatosi nel relegare in panchina gli uomini validi, tenta tardivamente la carta Cerci con un 4-4-2 superoffensivo.

Emblematici dell’andamento della partita sono i commenti di Caressa: “Soffriamo”… “Il tempo passa”… “Mi sembra un po’ stanca, l’Italia”…
Prandelli si lamenta per la perdita di tempo dei costaricani e Caressa incalza: “Siamo tutti fermi (…) Sempre loro arrivano prima”… . E per poco, “loro” non fanno il 2-0.

Nelle interviste del post-partita, Insigne fa capire che siamo stati bravi a non prenderne altri. Dallo studio Sky, Giorgio Porrà mette impietosamente a nudo che il torello dei costaricani “ha sbertucciato il nostro centrocampo supertecnico”. Per Vialli, siamo stati “lenti, macchinosi, imprevedibili. Un vero disastro”. Paolo Rossi: “Note positive non riesco a trovarne”. Tutto il resto lo dice il primo piano della faccia di Prandelli.

Costarica – al maschile o al femminile che lo si voglia mettere – è la prima squadra a qualificarsi agli ottavi di Brasile 2014,mentre l’Italia fa i conticini sul pareggio che le basterebbe per superare il girone.

Ma il prossimo avversario è l’Uruguay di Suarez, il bomber del Liverpool reduce dall’aver rifilato due pappine all’Inghilterra.
Tutte le nostre speranze sono legate a un commento di Bergomi: “Se passiamo – lo dice la storia – diventiamo imprevedibili e fastidiosi per chiunque”.

E vai, puntando come sempre sul mitico italico “stellone”!

 

Annunci

10 Risposte to “ITALIA: ADESSO SONO URU-GUAY”

  1. Lapidario said

    Semplicemente penosi

  2. Pia Nerazzurra said

    Forza Azzurri, non può finire così!

  3. Lancillotto said

    Il gioco è piatto, scontato e povero di idee. Gli uomini sono quelli che sono. Quanto alla faccia di Prandelli, non lascia presagire nulla di buono. L’espressione è persa, impotente, a tratti sbigottita. I presupposti sono preoccupanti. Non resta che sperare che abbia ragione Bergomi …

  4. Alpha89 said

    Ahi ahi, come la vedo male contro l’Uruguay di Suarez!

  5. Aldo56 said

    Non possiamo che migliorare. Peggio di così non credo sia possibile.

  6. Patrizio said

    Detto brutalmente: se torniamo a casa è meglio, così evitiamo altre figuracce.

  7. Greasy said

    Balotelli andava lasciato a casa.

  8. Oscar91 said

    A parte Ranocchia, il convento non offre uomini migliori. Però il gioco può e deve essere migliorato e il modulo anche. In quel senso le colpe sono di Prandelli, perché schiera troppi giocatori fuori ruolo. E soprattutto, perché si ostina a giocare con una sola punta,

  9. Savio said

    Non sempre si può sperare nell’italico stellone.

  10. Guido said

    Personalmente dico che la Nazionale mi ha stufato.

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: