CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

MORATTI: IL FUTURO E’ UN’IPOTESI CHE SI CHIAMA MAZZARRI

Posted by ladycalcio su giovedì, maggio 23, 2013

“Il futuro è un’ipotesi, forse il prossimo alibi se vuoi

il futuro è una scusa per ripensarci poi”….


Oggi, Massimo Moratti ha fatto sue le parole del cantautore di fede nerazzurra Enrico Ruggeri: “È tutto un’ipotesi”, ha dichiarato a proposito della questione allenatore.

Il “prossimo alibi”, l’ultimo della serie a cui si è attaccato il Presidentissimo, è l’improbabile indisposizione di Andrea Stramaccioni, che ha ceduto la guida dell’allenamento odierno al suo vice Beppe Baresi.

Il voltagabbana Moratti, che fino a pochi giorni fa aveva spergiurato di voler proseguire il  progetto con Stramaccioni, ci ha invece ripensato, adducendo come pretesto il bene dell’Inter.

Delle due l’una: o l’Inter è il teatro di Pulcinella, o Moratti ha cambiato radicalmente idea e programma dopo Inter-Udinese (2-5), quando la prestazione dei nerazzurri è stata talmente imbarazzante da far sospettare che i giocatori remassero contro il loro tecnico o che, comunque, questi non avesse più in pugno né lo spogliatoio, né le scelte di squadra.

Dunque, come dalle anticipazioni choc che si rincorrono da giorni su Twitter, Moratti starebbe prendendo altre vie. Anzi, le ha già prese e attende soltanto il rompete le righe per annunciare il divorzio da Strama e presentare ufficialmente il nuovo allenatore, in modo da evitare il fuoco di fila delle domande ai giocatori e all’ormai ex-tecnico. La conferenza stampa di domani a mezzogiorno, ufficialmente convocata per fare il punto sul raduno pre-campionato di Pinzolo, potrebbe già mettere fine al segreto di Pulcinella.

Se è vero che una squadra si vede nel momento della crisi, l’Inter non si è vista neppure in questa ennesima circostanza: né sul campo, né tantomeno dal punto di vista della coerenza a livello dirigenziale.

 

Annunci

14 Risposte to “MORATTI: IL FUTURO E’ UN’IPOTESI CHE SI CHIAMA MAZZARRI”

  1. Anima Nerazzurra said

    Così avrà l’ennesimo allenatore esonerato da pagare 😦

  2. Luca said

    Avanti il prossimo mister. Che desolazione.

  3. Pocho said

    Beh, Mazzarri a Napoli ha lavorato bene, sarebbe un ottimo allenatore.

  4. Diossina said

    Non è il fatto di cambiare o no allenatore. Moratti ha tutti i diritti di esonerare un tecnico se non è convinto del suo operato. Il punto è il modo. Fino a ieri aveva giurato sul progetto con a capo Strama, ora lo toglie poco elegantemente di mezzo ricorrendo al mezzuccio di darlo malato… Ma Moratti è un presidente?

  5. Caterina said

    Ormai si sa già quello che fanno ancor prima che lo facciano, come in un pessimo film già visto.

  6. Rossonero Forever said

    La coerenza, Moratti non sa nemmeno dove stia di casa.

  7. Dado Nerazzurro81 said

    Grande Enrico Ruggeri!

  8. Bordon 1971 said

    Forse, a far cambiare idea a Moratti è stata una serie di ragioni e di coincidenze. Senz’altro il crollo della squadra nelle ultime giornate, e poi, l’occasione di vedersi liberare sulla piazza un allenatore d’esperienza come Mazzarri. Non voglio togliere nulla a Stramaccioni, ma forse, affidare i veterani incalliti dello spogliatoio nerazzurro a un ragazzo che sta ancora facendo il corso d’allenatore a Coverciano, è stata una mossa un po’azzardata…

  9. Luca said

    Ci becchiamo ufficialmente Mazzarri!

  10. Luisito27 said

    Strama è stato vittima dello spogliatoio, soprattutto degli argentini. Notoriamente sono loro a decidere tutto e non è certo difendendoli ad oltranza che le cose possono andare bene.

  11. Dissacrante said

    Mancini bis. I giovani allenatori di Moratti finiscono tutti così. 😦

  12. TrendyMandy said

    Adesso voglio proprio vedere quanto resiste Mazzarri in quella gazzarra di Società che è l’Inter. Mi risulta che a Moratti già piaccia poco ancor prima di cominciare. Mi chiese allora: perché l’ha ingaggiato? Soprattutto, perché fino all’ultimo ha finto di avere intatta tutta la sua stima per Stramaccioni?
    Altra domanda: Mazzarri gioca con tutt’altro modulo rispetto a Strama. Quindi, immagino ci sarà bisogno di giocatori diversi rispetto a quelli a disposizione. Ma se l’Inter è a bolletta, come può permettersi una campagna acquisti ancora più onerosa di quella prospettata da Stramaccioni?

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: