CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

AUF WIEDERSEHEN, DEUTSCHLAND!

Posted by ladycalcio su venerdì, giugno 29, 2012

Oliver Kahn, Lothar Matthäus e Thomas Strunz ci avevano  visto giusto:  l’Italia è – e rimane – la bestia nera della Germania.  Nell’ennesimo rovinoso Day After calcistico, tuttavia, nella terra di Angela Merkel regnano soprattutto costernazione e incredulità. Infatti, al di là degli opinionisti più quotati, l’intera legione teutonica  era fermamente convinta non soltanto di avere già eliminato l’Italia, ma addirittura, di avere già in mano il titolo e la coppa di Campioni d’Europa.

Affrontare le partite credendo di averle già vinte:  si tratta di un bacillo di tifo inestirpabile e galoppante che, da qualche tempo, affligge la Germania in occasione delle più importanti manifestazioni calcistiche. Si manifesta, in sintesi, con un delirio di onnipotenza nazionale a decorso fulminante, tale da alterare la corretta valutazione delle potenzialità degli avversari. In brevissimo tempo, dai tifosi l’epidemia  si diffonde a macchia d’olio all’intero universo mediatico e, quel che è peggio, alla squadra. Lo stadio finale della “malattia”, che interviene dopo la sconfitta, è un fulmineo crollo psicofisico, accompagnato da depressione e senso di prostrazione.

Era già accaduto a Barcellona ’99 prima della Finale di Champions League fra Bayern e Manchester United,  a Berlino 2006, e più recentemente, prima delle finali di Champions  2010 (Inter-Bayern) e 2012 (Bayern-Chelsea).

Arrivederci Italia”, si era congedato lo studio  ARD in perfetto italiano prima di cedere la linea ai suoi telecronisti.

Apocalittico, per contro, lo scenario del dopo partita, con la regia tedesca che si sofferma su un affranto Thomas Müller,  rimasto a piangere in panchina con la testa nascosta sotto un asciugamano.  L’immagine-simbolo della disfatta tedesca è subito ripresa da bild.online, che riportando le dichiarazioni del ct Joachim Löw titola: “Lacrime negli spogliatoi. L’Italia ci butta fuori”.

Il voto peggiore (6, corrispondente al nostro 4), viene assegnato a Schweinsteiger, Podolski e Gomez.

I commenti del post-partita sono improntati alle lodi all’eccellente tattica messa in atto dall’Italia e all’operato della “sorpresa” Cesàre Prandelli, rigorosamente con l’accento sulla “a”.

Il Capitano tedesco Philipp Lahm recrimina sugli errori dei compagni e sul precoce svantaggio che, dal suo punto di vista, ha compromesso la partita.

L’opinionista ARD Mehmet Scholl, ex-Bayern, si cala nei panni dello psicologo, facendo notare con quale trasporto e passione i giocatori italiani abbiano cantato l’Inno Nazionale. Nessuno, in casa tedesca, si fa l’esame di coscienza sul bacillo d’onnipotenza di cui sopra e sul relativo modo di affrontare gli avversari.

Nella consueta tavola rotonda del post partita, ARD pensa bene di sdrammatizzare la serata storta proponendo il cabarettista Matze Knop, che qualcuno ricorderà come autore della scherzosa canzone “Numero uno” su Luca Toni. Stavolta, Knop è nei panni di Franz Beckenbauer, con tanto di travestimento, occhiali e parrucca bianca.  L’imitazione è perfetta, l’accento e la cadenza anche. Se non fosse per le stupidaggini che spara nelle sue analisi, a non guardarlo diresti che a parlare è il vero “Kaiser” Franz”. E comunque, complimenti a Montolivo, che “parla tedesco meglio di Podolski!

Ladycalcio invia il seguente commento in tedesco a bild.online: “Nessuno ha detto che gli italiani, dopo essere andati ai supplementari contro l’Inghilterra, avevano 120 minuti in più nelle gambe e 2 giorni in meno di riposo alle spalle prima della semifinale”.  Il commento viene ripetutamente inviato, ma inspiegabilmente, non compare online. Troppo scomodo?

Aufwiedersehen, Deutschland!

I pronostici di Kahn, Matthäus e Strunz

http://bit.ly/OfC1bD

La canzone di Matze Knop su Luca Toni

http://www.youtube.com/watch?v=htqaaM_UIg4

Matze Knop imita il Kaiser Franz

http://www.youtube.com/watch?v=baowwpRv3kk

Annunci

9 Risposte to “AUF WIEDERSEHEN, DEUTSCHLAND!”

  1. Pia Nerazzurra said

    FORZA AZZURRI! E ADESSO, VINCIAMO LA FINALE!

  2. Luca said

    Abbiamo dominato e strameritato.

  3. Attilio said

    Vecchio vizio, quello dei tedeschi.

  4. Lapidario said

    Spocchia punita

  5. Spiritoso said

    Come dicono Stanlio e Ollio in quel famoso film: ARRIVEDOOOORCI! 😆

  6. Cucciolo said

    Un grazie a Prandelli per aver creato questo bellissimo gruppo dalle rovine dell’Italia di Lippi

  7. Lancillotto said

    Mi hanno commosso i terremotati dell’Emilia che dalle tende hanno seguito con partecipazione la partita. Ragazzi, vincete la finale anche per loro!

  8. Ulk said

    Ah questi tedeschi! Neanche un pizzico di scaramanzia… vaglielo a spiegare che dicendo “Arrivederci Italia” si menano gramo da soli! 🙂

  9. Mimmo said

    Meno male che qualcuno rimane immune dal bacillo! Non per niente, 3 grandi ex-giocatori.

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: