CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Archive for dicembre 2011

IL RICCO 2011 DI “CALCIO E PAROLE”

Posted by ladycalcio su sabato, dicembre 31, 2011

Cari lettori,

“Calcio e Parole” vive il quarto anno di vita e si avvia verso il primo lustro.

Anche in questo 2011, ha confermato la sua identità di alto profilo, volutamente “di nicchia”, distinguendosi per la ricchezza e la serietà dei contenuti.  E il più delle volte, per le sue scomodissime denunce.

La vignetta con il vulcano pubblicata in occasione del 4° compleanno  è il duplice simbolo dell’esplosività del blog e dei molteplici progetti in cantiere. http://bit.ly/vdNhXC

In questi 12 mesi ho fatto importanti denunce, laddove “il gregge”, per dirla con Indro Montanelli, si è dimostrato cieco, sordo e indifferente. Nel “caso” dell’ubiquitaria  maglia indossata da Javier Zanetti  nella Finale di Madrid, persino smemorato (la maglia, pubblicizzata come “pezzo unico” dal Sito Ufficiale dell’Inter nel maggio 2010 e battuta all’asta per circa 8.000 Euro a favore della Fondazione Pupi, ricompariva misteriosamente come dono del Capitano nerazzurro sulla bara di un ragazzo di vent’anni, senza che il “grande uomo” Zanetti trovasse le parole per rispondere alla lettera aperta con cui gli chiedevo spiegazioni) http://bit.ly/hpX1SN   http://bit.ly/fOzHhY  http://bit.ly/hghipZ

Fra gli altri casi di cui mi sono occupata, ricordo anche quello dell’Arcore-girl Marysthell  Polanco, ingaggiata per un mensile di 2500 euro da Milan Channel a fronte di 35 cassintegrati fra i dipendenti del canale tematico rossonero. http://bit.ly/vzR5nv

E  come dimenticare le imbarazzanti lettere aperte al Prof Francesco Benazzo e alla Direzione Generale e Sanitaria del Policlinico S. Matteo di Pavia in merito alla marziana tecnica chirurgica con cui nel 2007 avrebbero risolto la sindrome compartimentale acuta 😆 di Marco Materazziper via endoscopica 😆 e con un’incisione di soli 2 cm? 😆 http://bit.ly/lZ8Oio  http://bit.ly/jTL0OG

CONTROCORRENTE

Questo blog ha proseguito nella sua linea contro la Tessera del Tifoso, ha segnalato disservizi ed eccessi da parte delle Autorità e dei “servizi d’ordine”. Ha affrontato e interpretato controcorrente rispetto alla massa casi delicati quali la “cassanata” del forame ovale pervio interatriale http://bit.ly/u4CKZy  e la follia del ritorno-lampo di Abidal dopo l’asportazione di un tumore al fegato.

Punti forti di  Ladycalcio, oltre agli argomenti di natura medica, sono stati come sempre la parte atletica e gli approfondimenti sul calcio tedesco, proposti di primissima mano sia come attualità, sia in chiave storica (si vedano il nostalgico revival della “lattina di Boninsegna” a 40 anni di distanza dalla notte del Bökelberg) http://bit.ly/uOaaHU e la tradizione dello Schalke 04 di scendere in miniera, individuata come drastica“cura” contro gli eccessi dei nostri eroi della pedata  http://bit.ly/uMMR1j . A prescindere dagli argomenti trattati, infatti, mi sono fatta paladina dei veri valori, sempre più calpestati in nome del dio denaro e della gara a chi più accumula metallo in bacheca. Da qui,  l’auspicio di punizioni esemplari  per certi comportamenti inaccettabili dentro e fuori dai campi.

“Calcio e Parole” ha infranto anche un tabù, occupandosi dei casi di depressione e dei disturbi mentali sempre più frequenti nel falso e degenerato mondo del calcio, riprendendo la tragedia del suicidio del portiere tedesco Robert Enke http://bit.ly/sfYZGa e il dramma dell’arbitro Babak Rafati  http://bit.ly/unmJXt

TRA IL SERIO E IL FACETO

Tuttavia, per evitare di assumere uno standard eccessivamente pesante per un blog di calcio, ho inframmezzato i contenuti impegnativi con argomenti più leggeri, nonché con spunti spassosi: con la caccia alla bufala innanzitutto, dove Materazzi ha fatto la parte del leone (ma che dire dell’annunciato ritorno di Eto’o all’Inter a gennaio “fabbricato” 😀  da Fabbrica Inter?)  http://bit.ly/ut2u16 . Ho poi disegnato di mia mano alcune scherzose caricature http://bit.ly/dRkDBX , fino ad arrivare al riuscitissimo “pesce” http://bit.ly/sYcHhO dello scorso primo aprile.

Mi sono poi presa gioco di certe esilaranti “diagnosi mediche”, in primis del “risentimento di primo grado” coniato da inter.it , così come del labiale o della grammatica zoppicante di certi esimi personaggi. In una fusione di intenti fra ilarità e reportage, ho lanciato nella Rete le foto degli stracci che sventolano al posto delle bandiere all’ingresso del Centro Sportivo Angelo Moratti. http://bit.ly/tPPzTi

IMMAGINI ESCLUSIVE

“Calcio e Parole” si è distinto dagli altri blog anche per alcuni apprezzatissimi servizi fotografici, proponendo ai suoi lettori  immagini esclusive del gioco e del tifo in occasione di alcune importanti partite (vedi Inter-Bayern del febbraio scorso) http://bit.ly/f38wRw e  di un allenamento aperto dei nerazzurri alla Pinetinahttp://bit.ly/nfNDbr , con foto esclusive dell’infortunio di Emiliano Viviano (a proposito, in bocca al lupo per una perfetta ripresa!), che nemmeno il Sito ufficiale di FC Internazionale aveva mostrato.

NON SOLO CRITICHE

Se da una parte ho criticato i comportamenti di personaggi “intoccabili” come Javier Zanetti, José Mourinho e Massimo Moratti http://bit.ly/s80rD0 , dall’altra ho difeso Giacinto Facchetti, bersaglio di vergognose calunnie http://bit.ly/t8PO2i  http://bit.ly/rMIKh7 , segnalandovi peraltro  l’e-book di Pierluigi Avanzi  “Giacinto Facchetti, una bandiera in mezzo alla battaglia” , di recente uscita http://bit.ly/ukVLIR

UN CONTO APERTISSIMO

Avrete già indovinato di chi sto parlando. Sviscerare l’intrigante  “caso Materazzi“, che potete rileggere nell’omonima cartella della homepage, rimane il mio obiettivo numero uno.  Nei tempi prestabiliti.

Se negli ultimi mesi ho spostato il baricentro della mia analisi pubblica sulla strana estate di Matrix, prodiga di conferme alle certezze anticipatevi http://bit.ly/uiahm7 , ciò non significa che il fulcro della questione non rimangano le tecniche chirurgiche per la risoluzione della sindrome compartimentale acuta.

E proprio il periodo in cui non ho trattato dell’argomento si è rivelato decisivo per permettermi di sollecitare pubblicamente al Prof. Benazzo e al San Matteo di Pavia, forte delle necessarie certezze, le risposte  a cui  si illudono di potersi allegramente sottrarre.

Così, fra caccia alle bufale, caricature e un’estate tutta stranezze, la tattica di Ladycalcio può essere paragonata a una gara di mezzofondo prolungato su pista in cui l’atleta si fa strada con qualche sapiente gomitata e sfianca l’avversario con strappi e cambi di ritmo. Prima di tirargli il collo nella volata finale.

NUOVI TREND E PROGETTI

Proprio in tema di Materazzi, Ladycalcio ha intensificato i suoi interventi su altri spazi online, con un esordio-scoop in lingua inglese sul futuro di Matrix  http://bit.ly/rDtDM3 che potrebbe preludere ad altre pirotecniche sorprese.

Come ogni anno, di tanto in tanto c’è scappata la “censura “, regolarmente neutralizzata pubblicando i contenuti “oscurati” su questo spazio a vergogna del censore di turno.

Anche per il nuovo anno, ho in serbo nuove idee e battaglie, da condurre con il consueto coraggio e, soprattutto, con l’onestà intellettuale che da sempre mi prefiggo.

Il riconoscimento più bello e più vero, cari affezionati lettori,  è il vostro apprezzamento per il mio lavoro. La soddisfazione più grande, è sentirmi ripetere da tutti voi che ciò che scrivo in questo spazio, “non si legge  da nessun’altra parte”.

Insomma, che “Calcio e Parole” è un blog unico.

Per fortuna di molti.

Arrivederci al 2012!

Annunci

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | 30 Comments »

MATERAZZI A TUTTA BUFALA, DAGLI USA ALLA PROMOZIONE LOMBARDIA (+ un commento censurato a Ladycalcio)

Posted by ladycalcio su mercoledì, dicembre 28, 2011


Avevo previsto anche questo: che per far parlare di sé, l’”impegnativo” Materazzi si sarebbe affidato ai siti minori

In data 17 dicembre, manco a dirlo, ecco uscire su TuttoLegaPro.com un’improbabile “esclusiva”  a firma Nicolò Schira, dal titolo: “Monza, se salta Motta c’è un Campione del Mondo”. Nel post, udite udite, si afferma che la Proprietà del club brianzolo, delusa dai risultati sportivi ottenuti sotto la guida del tecnico Motta,  starebbe pensando “  – da indiscrezioni raccolte in esclusiva da TuttoLegaPro.com – ad un’idea clamorosa:  affidare la panchina all’ex Campione del Mondo a Germania 2006 Marco Materazzi. L’ex-difensore dell’Inter attualmente sta collaborando con un club di Promozione lombarda (quale, per la precisione? 😀  ndr) e sarebbe pronto, nonostante non disponga del patentino (e dite niente! 😀  ndr), ad intraprendere con un tutor l’avventura alla guida dei brianzoli” . Dopo che per una vita aveva spergiurato di non voler fare l’allenatore.

Se l’ipotesi di Matrix senza patentino sulla panca del Monza mi fa ridere 😆 (la liquido come bufala ancor prima di incominciare), trovo ancor più divertente  la voce di un suo ruolo in Promozione e per saperne di più, in data  18 dicembre, decido di scrivere al Direttore Responsabile del Sito Andrea Zalamena, domandandogli, per completezza di informazione, con quale club Matrix stia collaborando e con quali mansioni.

Zalamena risponde glissando sulla mia domanda, obiettando che la news era improntata all’eventuale passaggio di Marco alla guida del Monza e non sul nome del club con il quale starebbe collaborando – vattalapesca con quali mansioni.

Ribatto in sostanza che:

1) Da una “testata giornalistica” quale TuttoLegaPro.com si vanta di essere, ci si aspetterebbe la cosiddetta completezza dell’informazione, più che mai nel proporre un’”esclusiva” 🙂 . “Un club di Promozione lombarda” è un’affermazione vaga,  buttata lì come peggio non si sarebbe potuto.  Ha il sapore o di una bufala senza il minimo fondamento, o peggio, di un segreto di Pulcinella. Di tutto, insomma, fuorché di un’esclusiva circostanziata.

2) Se l’affermazione corrispondesse al vero, non vedo quale difficoltà sussisterebbe nel fare il nome del club che avrebbe ingaggiato Matrix come collaboratore.  Perbacco, neanche Marco … si stesse nascondendo…  😉

3) Senza contare che l’ipotetico club dovrebbe farsi un vanto di avere fra i suoi collaboratori un Campione del Mondo – non certo nasconderlo. A meno che… 🙄

Rinnovo dunque a Zalamena la cortese richiesta di conoscere il nome del club di Promozione con cui collaborerebbe Matrix e il ruolo che vi rivestirebbe, riservandomi opportuni approfondimenti in altre sedi. Non gli nascondo che la questione sta per essere trattata a livello di “Calcio e Parole“, che ha fra i suoi punti forti la caccia alle bufale su Materazzi . Anzi, a scanso di equivoci, lo invito a dare un’occhiata alla cartella “Caso Materazzi”

Zalamena risponde che il club dilettantistico lombardo in oggetto ha espressamente chiesto di NON fare uscire il proprio nome. 😯

Perbacco: per quale ragione?

Si affretta poi a deviare l’attenzione sulla “notizia bomba” 😆 di Materazzi primo candidato alla panchina del Monza” – quella che non ci interessae conclude che il nome del club con cui collaborerebbe potrà essere reso noto solo successivamente, non ora. Neanche gli scoop si annunciassero a puntate ❗ .

Diamine, che cosa starebbe preparando in gran segreto Marcone, protetto dall’anonimato di un piccolo club di provincia? E per quale ragione, stando a Zalamena, solo in seguito si potrà fare senza problemi il nome della piccola società che – contro ogni apparente logica –  lo starebbe tenendo ben  nascosto da occhi indiscreti?

COSI’ SI LAVORA SUL WEB

 L’”esclusiva” viene ripresa “a macchinetta” da altri spazi Web, fra i quali NTR24, a cui invio la medesima richiesta avanzata a Zalamena tramite un correttissimo ma scomodo  commento censuratomi dal moderatore. Informo della censura, tramite email, il Direttore Editoriale di NTR24 Geppino Grande, che se ne guarda bene dal rispondermi.

COSI’, TANTO PER MOSTRARE LA SCOMODA VERITA’ NASCOSTA, PUBBLICO LA FOTO DEL MIO COMMENTO-RICHIESTA CENSURATO, A VERGOGNA DI GEPPINO 😀 E DEL SUO MODERATORE-CENSORE. CON TANTI COMPLIMENTI PER LA DEMOCRATICITA’ E PER LA CONDUZIONE DEL SITO!

E per rendere ancor meglio l’idea di come si lavora nell’ambiente online, ecco il tam tam mediatico moltiplicare di botto i club con cui collaborerebbe Materazzi:  secondo Soccer Magazine, ad esempio, “l’ex 23 nerazzurro attualmente collabora con alcuni club della Promozione lombarda”! 😯

 PROMOZIONE O… BOCCIATURA? 😳

Dunque: Matrix sarebbe passato dal sogno dell’American Soccer League alla … Promozione? Alla faccia della “promozione”!

TuttoLegaPro.com accenna ad “un club di Promozione lombarda”. A beneficio dei lettori, sintetizziamo la suddivisione di massima delle categorie calcistiche minori citate in questo articolo: la Lega Pro è strutturata in 2 divisioni: la 1^ divisione (l’ex-Serie C1), in cui milita tra l’altro l’AC Monza Brianza, e  la 2^ divisione (l’ex-C2). Scendendo via via di categoria, si arriva alla Promozione Lombardia,  la 2^ categoria regionale dopo l‘Eccellenza. La Promozione Lombardia, di livello dilettantistico,  consta di 7 gironi a 16 squadre. Se nonostante le indicazioni quanto mai vaghe forniteci da TuttoLegaPro.com e dal suo Direttore siamo riusciti a recepire correttamente il  messaggio, Materazzi starebbe lavorando di nascosto al 2° livello regionale e al 7° livello del calcio italiano. 😯 Abbiamo capito bene?

COSA CI RISULTA

Non ci risulta che Materazzi sia in predicato di occupare la panca del Monza, né che rivesta un ruolo dirigenziale in una squadra di Promozione. Del resto, non vi sembra strano che nessuno abbia fatto parola di tale incarico?  Naturalmente, Calcio e Parole è uno spazio democratico, pronto a dar voce a chiunque fosse in grado di fornire informazioni circostanziate – e sottolineo circostanziate – che dimostrino il contrario. Ci mancherebbe!

Ci risulta, piuttosto, che Matrix non abbia rescisso il contratto con l’Inter e che con la porta di Moratti ancora aperta, si sia semplicemente preso uno stacco rigenerante e di riflessione dal calcio a tempo indeterminato i cui frutti si starebbero rivelando al di sotto delle aspettative.  Ci risulta un Materazzi troppo “impegnativo” (definizione di Leonardo) per rimanere nel calcio e in crisi nera fuori da esso. Ci risulta l’illusione di un ritorno.

Link:

L'”esclusiva” di TuttoLegaPro.com:

http://www.tuttolegapro.com/?action=read&idnotizia=39456

Su NTR24, il commento di Ladycalcio è stato censurato:

http://www.ntr24.tv/it/news/25636

La “moltiplicazione dei club” di Soccer Magazine:

http://www.soccermagazine.it/inter/a-volte-ritornano-matrix-vicino-alla-panchina-del-monza-38194/

Posted in "CASO" MATERAZZI | Contrassegnato da tag: , , | 20 Comments »

BUON NATALE E FELICE 2012

Posted by ladycalcio su domenica, dicembre 25, 2011

Ladycalcio porge a tutti i suoi lettori un augurio di Buon Natale e di un felice e prospero 2012.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | 23 Comments »

MORATTI, PORRA’ E L’ELOGIO DEL “VAFFA”

Posted by ladycalcio su sabato, dicembre 24, 2011


Ci aspettavamo che qualcuno si premurasse di convincerci che nell’esultanza per il goal del pareggio di Pazzini contro il Lecce, Massimo Moratti avesse esclamatogargiùlo!” 😆

Evidentemente, i tempi sono cambiati. Al  punto che sul sito di Sky Sport, Giorgio Porrà si  è prodigato in una parossistica esaltazione del  morattiano “vaffa” .

Ora: non intendo fare del moralismo. È vero che centrare finalmente la porta dopo l’ invidiabile record di 4 legni in 9 minuti genera uno sfogo liberatorio che mette a durissima prova anche il più collaudato autocontrollo.

Il fatto è che dall’avvento dell’ era tecnologica, i tempi sono cambiati anche sotto il profilo mediatico e che per le telecamere speciali puntate verso la tribuna, un presidente che perde l’aplomb costituisce una preda prelibata.

A questo punto, se sei a capo di un club  di fama mondiale campione di tutto, devi semplicemente decidere quale immagine intendi dare di te stesso.

Se ti sprechi a predicare come esempi la correttezza di Facchetti e la classe di Prisco e a proporti come modello e punto di riferimento per i bimbi, dovresti ricordartene al di là dei proclami. In particolare, se in passato con il gesto dell’ombrello hai già fatto la gioia – e la sigla –  dell’“Osteria del Lunedì”, dovresti starci un momentino più attento.

Al di là di questo, l’aspetto più deleterio dello scivolone verbale del Presidentissimo è l’ interpretazione esaltativa  che ne fa (o che è chiamato a farne ❓ ) Porrà.

Moratti e quel ‘vaffa, l’urlo di una passione risorta, è il titolo dell’analisi, nel cui sottotitolo si afferma che “il “vaffa” di Moratti ad Eupalla lassù è stato il più sentito spettacolo prenatalizio 😯 , oltre che ilsegno di una nuova energia che torna a circolare in casa nerazzurra”.

Porrà si sbizzarrisce: “Un “vaffa” in allegria, con moglie e figlio in contemporanea estasi compiaciuta. Un vaffa spartiacque, almeno così sembra.(…) Dentro quel pirotecnico vaffa, non bofonchiato alla Zoff, ma bello rotondo, alla Pierino della celebre saga, tornava a risplendere il mondo fatto a palla di un presidente che cominciava ad averne abbastanza di macumbe ed ingratitudini assortite”.
Segue un paragone infelice: “Piace pensare che ieri (Massimo Moratti, ndr) abbia festeggiato il raggiungimento del quinto posto alla maniera del padre Angelo. (…) Massimo ne segue con tenacia le orme, da sempre dolcemente sedotto dalla genialità paterna”.

Pirotecnico – per dirla con Porrà -, diventa “il gran finale”, in cui il giornalista Sky si lancia nell’apoteosi dell’”imprecazione liberatoria”: “Ecco perché quel vaffa va considerato qualcosa di più potente di un semplice sfogo da tribuna. E’ l’urlo antisfiga di una passione prepotentemente risorta. E’ il segnale che nuova energia torna a circolare nelle vene della famiglia. E’ l'”avanti popolo” 😀 lanciato con gioia alla tifoseria più esigente del campionato”.

Mancano soltanto “Bandiera Rossa” 😆  e  la classe del padre Angelo.

 

 

(La foto di Massimo Moratti è tratta dal Sito Ufficiale di FC Internazionale, inter.it)

Posted in Inter | Contrassegnato da tag: , , | 11 Comments »

CARO BABBO NATALE, PORTA DELLE BANDIERE NUOVE ALLA PINETINA…

Posted by ladycalcio su martedì, dicembre 20, 2011

 

Caro Babbo Natale,  ti prego, portami una bandiera dell’Inter…”

Potrebbe suonare come la letterina prenatalizia di un bambino povero, ma a guardare queste foto, la supplica sembrerebbe piuttosto provenire dai tifosi interisti in visita alla Pinetina

No, non sono vecchie gloriose bandiere quelle che sventolano (si fa per dire) fuori dal Centro Sportivo Angelo Moratti di Appiano Gentile: verrebbe da definirle stracci, logori e sfibrati come i muscoli reduci dalla cura Mourinho.

Più che da  Campioni del Mondo  – parlano le immagini -, sembrano da Terzo Mondo, per il quale, ironia della sorte, FC Internazionale si prodiga in disinteressata 🙂 beneficenza a quattro mani.

Aste da capogiro con gloriosi cimeli, alloggi principeschi negli States e nel Dubai, eleganti temporary shop nel centro di Milano e un merchandising –  bandiere comprese – esteso all’intero pianeta;  cocktail natalizi itineranti nelle boutiques di Versace tra via Montenapoleone e via Borgospesso, per onorare l’omonimo prestigioso marchio che veste i giocatori nerazzurri con abiti realizzati su misura; la squadra in  posa a Pechino sulla piattaforma dell’eliporto sopra l’80° piano del lussuoso hotel del ritiro pre-Supercoppa 2011, per presentare a tutto il globo, dalla grande Cina, le nuove maglie d’alta sartoria realizzate da Nike in tessuti tecnologici. Maglie che, per somma ironia della sorte, vantano la bandiera 😆 di Milano riprodotta internamente al collo.

Più che un’apoteosi, tuttavia, le foto che vedete sembrano un tonfo dall’81° piano. 😦 . Meticolosamente ambientate, non lasciano spazio a dubbi: sullo sfondo, si riconoscono chiaramente il vialone della Pinetina, l’entrata al Centro Sportivo Angelo Moratti, la tensostruttura al suo interno, la segnaletica stradale.

Le bandiere si presentano così da mesi. Immaginate come sgranerebbero gli occhi, davanti a tanta trasandatezza, gli sceicchi del Dubai, tifosissimi nerazzurri  soliti ospitare l’Inter in grande spolvero nelle loro dorate dimore!

Ora, affinché “la classifica che risale” faccia rima con “Natale”,  il Presidente Moratti faccia un regalo di buon auspicio per l’anno nuovo agli irriducibili che si recano in pellegrinaggio alla Pinetina: metta in preventivo, nel budget del mercato di riparazione, un set di bandiere nuove.

Sulle bancarelle fuori da San Siro, partite “clou” escluse, una bandiera nerazzurra viene venduta a 10 euro, ma per il Presidentissimo –  ci mancherebbe – uno sconto è d’obbligo…

Dopotutto, per rifondere la modica spesa basta vendere una polo grigia di rappresentanza da 55 Euro come quella su store.inter.it. Se poi si vende una maglia da gara da 79 Euro, rimane persino qualche spicciolo per il caffè.

Lanciamo dunque pubblicamente un accorato appello a sostituire i logori scoloriti stracci all’ingresso della Pinetina con nuove bandiere nerazzurre.  In caso contrario, saremo costretti a organizzare una colletta fra i piccoli fan del Terzo Mondo.

PS Un ringraziamento a Mirko, autore delle foto

Posted in Inter | Contrassegnato da tag: , | 23 Comments »

I commenti di Ladycalcio su “Transfer Tavern”: la traduzione

Posted by ladycalcio su sabato, dicembre 17, 2011

A beneficio di Marcone Materazzi e di tutti coloro che, come lui, sono debolucci in inglese 😳 , ecco la traduzione dei miei due commenti al post “Warnock’s Luring A World Cup Superstar To QPR(Warnock sta cercando di attirare una Superstar del Mondiale al QPR), apparso su “Transfer Tavern” nel giugno scorso. Riproposti qualche giorno fa e disponibili in lingua originale al link  sopra citato, i commenti sono l’ennesimo attestato della lungimiranza di Ladycalcio 😉 .

Nel post in oggetto, l’autore JamieNSiddall aveva ripreso una voce apparsa sul “Daily Fail” 😆 (“Daily Mail”, ndr, il gioco di parole era già tutto un programma!), che voleva Neil Warnock, tecnico del Queens Park Rangers, interessato al “sensazionale” 😀  trasferimento del “veterano” Marco Materazzi al QPR in qualità di uomo d’esperienza.

Seguiva un breve profilo della carriera del “nostro”e un accenno alla sua unica stagione in terra britannica all’Everton, “dove aveva collezionato 27 presenze e QUATTRO cartellini rossi” 😳 .

Matrix, si diceva, sarebbe stato in predicato di lasciare l’Inter con un anno d’anticipo e di giocare una stagione in un club inglese o della Major Soccer League americana, per poi far ritorno a Milano, appendere le scarpe al chiodo e affiancare Marco Branca in un ruolo al di fuori del calcio giocato.

Mi chiedo se (Materazzi, ndr) abbia mai sentito parlare del Queens Park Rangers 😆 , era l’eloquente conclusione di JamieNSiddall, che liquidava così l’ipotesi di Matrix al QPR: “Scusate, ma proprio non la vedo…”. Come dargli torto?

Tralasciando il colorito intercalare, il primo utente commentava: “Spero proprio di no. Non lo vogliamo”.

COSI’ COMMENTAVA LADYCALCIO:

 9 giugno 2011

Caro Jamie,
L’articolo che hai citato è giornalismo-fantasia. Le voci di mercato su Materazzi sono state lanciate da “La Gazzetta dello Sport”, dove il giocatore può contare su un paio di buoni amici.
La triste realtà è che “Matrix” – come viene soprannominato da noi – non è che un disperato panchinaro, che ha passato la data di scadenza. Al termine di ogni stagione inscena la stessa commedia, vantando offerte immaginarie da tutto il mondo – in particolare dall’Inghilterra (Tottenham, City, ecc).
Non andrà in Inghilterra, non andrà in America. Giocò un anno all’Everton, ma non è neppure in grado di comprendere le domande che gli vengono poste dai reporter inglesi.
Nella sua autobiografia (“Una vita da Guerriero”, ndr) si lamenta che all’Everton si sentiva escluso dalla squadra e che a Liverpool, lui e sua moglie si sentivano soli; per questo fece ritorno in Italia dopo una sola stagione!

Credimi, è soltanto una pietosa bugia.
Saluti dall’Italia!

Monica “Ladycalcio”, Milano

30 ottobre 2011

Jamie, avevo ragione. Materazzi ha solo fatto  autopromozione a suon di chiacchiere.

Ma c’è di più in questa storia farsesca: benché il suo contratto con l’Inter sia stato dato per rescisso, il Sito Ufficiale di FC Internazionale non ha mai menzionato l’avvenuta rescissione, né l’Inter ha pubblicamente ringraziato Marco per aver vestito per 10 anni la maglia nerazzurra. Come se “Matrix” si stesse semplicemente concedendo un lungo rigenerante stacco dal calcio 😉 …

Leggi anche il post precedente: “Ladycalcio aveva ragione: Materazzi non andrà da nessuna parte”:

https://calcioparole.wordpress.com/2011/12/08/ladycalcio-was-right-materazzi-will-go-nowhere/

Posted in "CASO" MATERAZZI | Contrassegnato da tag: , , , , | 14 Comments »

Un regalo a Peppino

Posted by ladycalcio su sabato, dicembre 10, 2011


Il ritorno alla vittoria dell’Inter (2-0 alla Fiorentina), cade nel giorno in cui l’indimenticato Avvocato Prisco avrebbe compiuto 90 anni.  O per meglio dire,  nel giorno del suo 90°compleanno, se è vero che, come recitava stasera il bellissimo striscione della Curva Nord, Peppino è “sempre qui tra noi”, fiero e irriducibile interista”.

Quale regalo più bello? TANTI AUGURI, PEPPINO!

(La foto è tratta dal Sito Ufficiale di FC Internazionale, inter.it)

Posted in Inter | Contrassegnato da tag: , , , , | 14 Comments »

LADYCALCIO WAS RIGHT: “MATERAZZI WILL GO NOWHERE”

Posted by ladycalcio su giovedì, dicembre 8, 2011

Era l’inizio di giugno quando, in seguito alle prime voci di un’improbabile rescissione con l’Inter, attorno a Marco Materazzi era fiorita una girandola di ancor più improbabili offerte estere, finite, come previsto, nel buco nero del nulla.

Era l’inizio di giugno quando Ladycalcio, per valorizzare su più vasta scala la propria lucida chiave di lettura degli avvenimenti attorno a Matrix,  aveva deciso di darsi un tocco di internazionalità con un intervento in lingua inglese su “Transfer Tavern“, un sito di mercato britannico che va per la maggiore.

Infatti, se durante l’estate – complice il tam tam della Rete – i  siti esteri avevano abboccato alle bufale dei nostri media, questo blog era andato decisamente controcorrente: macché QPR, macché USA, Bologna, Stoccarda e Anzhi, dove Matrix non l’avrebbero preso neppure come portaborse di Eto’o. Evidentemente a ragione, da subito avevo liquidato queste “sirene di mercato” come voci infondate messe in giro da fonti amiche di Materazzi, già consapevoli che Matrix non sarebbe andato da nessunissima parte.

Questo avevo sostenuto – potete leggerlo al link in calce – e questo avevo reiterato lo scorso 30 ottobre, giorno in cui, per riempire il vuoto sportivo attorno al Materazzi turista balneare e affezionato frequentatore di concerti, Sky aveva mandato in onda un’imbarazzante intervista in cui Marcone l”impegnativo”, fra “boutades” sempre più assurde che non sto neppure più a riprendere, aveva affermato che stava studiando per prendere il patentino da allenatore…  😆 chissà mai, per allenare un giorno l‘Inter 😆 . Il fatto che sul proprio sito Sky abbia drasticamente tagliato la mega-intervista a soli 51 secondi (peraltro, i più insignificanti), mi autorizza seriamente a pensare che abbia voluto stendere un pietoso velo su tutto il resto.

In questi giorni, dopo il world tour delle offerte fantasma e l’improbabile spostamento di qualche sedile sull’affezionata panca nerazzurra, l'”impegnativo” viene mediaticamente dirottato verso un futuro ruolo dirigenziale presso la Beneamata.

Avremo da divertirci. Ma prima che i fuochi d’artificio di S. Silvestro inneschino nuove pirotecniche sparate in suo sostegno durante il mercato di riparazione, è tempo di fare il punto sul nulla finora combinato dal Materazzi sportivo e di sottolineare la lungimiranza di Ladycalcio. È anche una simpatica occasione – cari lettori – per  mettere alla prova il vostro inglese.  I miei due pepati commenti, si trovano alla fine del post di Jamie Nield-Siddall.

ENJOY YOURSELF 😆 !

http://www.footballtransfertavern.com/2011/06/premiership/warnocks-luring-a-world-cup-superstar-to-qpr#comment-43328

(La foto pubblicata è tratta dal Sito Ufficiale di FC Internazionale, inter.it)

Leggi anche: “Perché non credo più alla sindrome compartimentale di Materazzi”:

https://calcioparole.wordpress.com/2008/11/24/perche-non-credo-piu-alla-sindrome-compartimentale-di-materazzi/

Posted in "CASO" MATERAZZI | Contrassegnato da tag: , , , | 18 Comments »

Il rigore di Pazzini e quello alla Juve: la domenica calcistica nei commenti dei tifosi

Posted by ladycalcio su lunedì, dicembre 5, 2011

Sono reduce dal pranzo pre-natalizio di un noto sodalizio sportivo, durante il quale, come sempre avviene in queste occasioni, tifosi di opposte fazioni si sono prodotti in analisi,  sfottò e vivaci scambi di opinione.

Interisti,  milanisti e juventini  l’hanno fatta da padroni, in una giornata calcistica prodiga di polemiche e di spunti di dibattito.  I commenti non sono quelli degli opinionisti Sky, bensì i pensieri di tifosi di diversa fede che lascerò anonimi. Rappresentano tuttavia lo spirito genuino  degli appassionati e lo specchio di quanto, con parole più tecniche,  viene commentato da stampa e TV.

Ve li ripropongo così come li ho sentiti,  in tutta la loro semplicità. Ma soprattutto,  con il loro fondo di verità.

” Io se il rigorista è insicuro lo capisco immediatamente dallo sguardo. Ieri sera, Pazzini aveva paura”.

“Mourinho li ha spremuti tutti e se n’è andato, sapendo che con avrebbe più vinto nulla”.

“Per almeno dieci anni, la scivolata di Pazzini farà la gioia di Paperissima e rimarrà in testa alla classifica del “Pippero” della Gialappa’s. Vai col liscio!”

“Chissà come se la ride Gasperini“.

“Zarate e Alvarez in discoteca fino alle 5 del mattino dopo la sconfitta (fonte QSVS, TL, ndr.): la dice tutta sulla professionalità dei giocatori e sul manico di Moratti”.

 “L’espulsione di Capitan Zanetti ci fa capire che il nervosismo all’interno della squadra è giunto alle stelle”.

“Le critiche in pubblico ad Alvarez da parte di Ranieri denotano una situazione “calda”. Ancora una sconfitta e all’Inter scoppia il caos”.

“Faraoni , a vent’anni non finisce la partita per crampi. Ma che preparazione atletica gli fanno fare a questi?”

“Quando si vendono Eto’o e Balotelli e si acquistano Forlan e Castaignos,  la logica fine è questa”.

“Ufficialmente non restituiscono alla Juve lo Scudetto 2006, ma in compenso, le fanno vincere quello 2012″.

“D’accordo ammorbidire il terreno, ma perché a San Siro si ostinano a bagnare il campo di gioco immediatamente prima della partita, con il risultato di trasformarlo in una saponetta?”

Posted in Calcio italiano, Inter, Juventus, Milan | Contrassegnato da tag: , , , | 14 Comments »

GIACINTO FACCHETTI, UNA BANDIERA IN MEZZO ALLA BATTAGLIA

Posted by ladycalcio su giovedì, dicembre 1, 2011

“Giacinto Facchetti – Una bandiera in mezzo alla battaglia: è questo il titolo del primo e-book di Pierluigi Avanzi, ventottenne titolare del blog “Biografie Nerazzurre” (www.biografienerazzurre.blogspot.com), recentemente pubblicato dalla Casa Editrice Urbone Publishing.

Nerazzurro nell’anima, sul suo blog Pierluigi propone periodicamente ritratti dei protagonisti del passato legati alla Beneamata e appassionati revival dei tanti momenti storici vissuti al seguito della “sua” Inter, ai cui colori si sente indissolubilmente legato: “M’innamorai dell’Inter come mi sarei poi innamorato di poche ragazze”, confessa raccontando la sua storia di tifoso. E il suo spazio online, manco a dirlo, si apre con 18 dediche: tante quanti gli Scudetti vinti dalla sua squadra del cuore.

L’e-book su Facchetti nasce dal profondo desiderio di rendere giustizia alla figura del grande “Cipe” dopo “un’estate stomachevolmente utilizzata da determinati media per ribaltare la realtà dei fatti e dipingere ingiustamente Facchetti alla stregua di un Moggi qualunque”, ci racconta.

Il libro, in cui l’autore narra sinteticamente anche dell’unico incontro avvenuto con Giacinto, si articola in 5 capitoli, ognuno dei quali corrisponde a una determinata fase temporale della carriera di Facchetti. In essi, si analizza la vita del Facchetti calciatore, del Facchetti dirigente e del Facchetti uomo esemplare. Sullo sfondo, non mancano i richiami ad alcuni personaggi della storia nerazzurra inscindibilmente legati a lui.

Nella presentazione pubblicata sul sito della Urbone Publishing (vedi link in calce), Pierluigi sottolinea che, dopo le falsità e le storture ideologiche fabbricate con livore per gettare fango sul grande campione scomparso,“pareva quasi doveroso tornare a spiegare alla gente chi fosse Giacinto Facchetti”: “un uomo perbene che ha fatto dell’animo elegante il principale segno distintivo”,“un talentuoso calciatore tutto classe e correttezza”,“un autorevole dirigente stimato in ogni sede”, “il biglietto da visita più confacente e luminoso” avuto da FC Internazionale.

La storia, sempre citando dalla presentazione online, è quella di “un indimenticabile mito del calcio mondiale scomparso ormai cinque anni fa, ma che sventola costantemente nei cuori delle persone che l’hanno frequentato o semplicemente ammirato. Sventola come una bandiera, una bandiera in mezzo alla battaglia”.

Il link a cui acquistare l’e-book di Pierluigi Avanzi, disponibile in formato PDF al prezzo di 4,99 Euro, è il seguente:

http://www.urbone.eu/obchod/giacinto-facchetti-una-bandiera-in-mezzo-alla-battaglia

(La foto di Facchetti pubblicata in questo post è tratta dal Sito Ufficiale di FC Internazionale, inter.it)

Posted in Calcio italiano, Inter | Contrassegnato da tag: , , , , , , | 12 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: