CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

RIVINCITA INTER-BAYERN, PER NON DIMENTICARE

Posted by ladycalcio su martedì, febbraio 22, 2011

Era il 7 ottobre scorso. Strano che la provocatoria dichiarazione resa quella sera da Louis Van Gaal, tecnico del Bayern Monaco, non abbia trovato eco nei nostri media.  Come vedete, quando parlo di improvvisazione e di scarsa conoscenza del calcio tedesco da parte dei nostri esimi giornalisti, ho i miei buoni motivi…

Das Aktuelle Sportstudio” (ZDF),  la rassegna calcistica del sabato sera seguitissima dai tedeschi.  La scenografia si apre in penombra su Van Gaal seduto davanti a un caminetto, con gli occhiali calati sul naso, intento a leggere alcuni stralci della sua autobiografia in procinto di uscire nelle librerie.

In quel momento, dopo 7 partite nella Bundesliga, il Bayern è 12° in classifica, staccato di 13 punti dall’allora capolista Mainz: il peggior inizio di stagione nella storia societaria. 5 reti in 7 partite sono il magro bilancio di un attacco che non vuole saperne di metterla dentro. Ironia della sorte, nel celeberrimo gioco dei “tiri alla parete” che da decenni chiude la trasmissione (ultimamente, nel tentativo di centrare i due fori a forma di pallone l’ospite sfida un concorrente preso dal pubblico) non riesce a metterla dentro neppure lui, Van Gaal, che chiude con zero centri facendosi surclassare da un 15enne tifoso del Werder Brema.

Ma quale la provocazione del tecnico olandese in questo desolante contesto? L’Inter, sì, d’accordo, ha vinto la Champions League. MA NESSUNO SE NE RICORDERA’.  L’impresa, secondo il mister dei bavaresi, è destinata a cadere presto nel dimenticatoio, eclissata dalla vittoria dell’Ajax nel ’95. Guarda caso, con Van Gaal in campo.

Scandalizzati? Beh, non dimentichiamo che abbiamo a che fare con il maestro di Mourinho! Con piglio mourinhiano Van Gaal si racconta vita e miracoli: gioventù, calcio, famiglia… il piglio arrogante è rotto da un’incrinatura della voce soltanto al ricordo della prima moglie Fernanda, morta di cancro a soli 39 anni.

Questo il biglietto da visita del personaggio che oggi, nella conferenza stampa alla vigilia di Inter-Bayern, non ha mancato di prodursi in spunti polemici alimentati da una sconfitta non ancora digerita: l’Inter ha un modo di giocare che non gli piace, è troppo difensivista e finisce spesso in difficoltà, proprio come accaduto sabato scorso in Inter-Cagliàri, rigorosamente con l’accento sulla seconda “a”.

Il tedesco del mister lascia a desiderare, l’interprete ci mette del suo facendo quello che può.  I colleghi tedeschi hanno ormai fatto il callo sia alle sgrammaticature, sia al fare arrogante dell’olandese e non ci fanno più caso. Al limite, ammiccano appena.

Il Bayern, reduce da una vittoria per 3-1 a Magonza, è attualmente 3° nella Bundesliga dietro al Borussia Dortmund e al Bayer Leverkusen, ma con un distacco di 13 punti dalla capolista. Punta sulla motivazione e sulla voglia di riscatto.  Il Sito Ufficiale della Società, che in questi giorni propone eccezionalmente una sezione in lingua italiana a beneficio dei nostri connazionali, riferisce anche della presenza a San Siro della “spia” Marcel Bout in occasione di Inter-Cagliari, con l’incarico, da parte di Van Gaal, di redigere una dettagliata relazione tecnica sul gioco dei nerazzurri.

E per alimentare la speranza e la voglia di rivincita, il Sito ricorda i momenti più gloriosi vissuti dal Bayern nel “mitico” stadio di San Siro: la conquista della Champions League 2001 (ai rigori contro il Valencia) e il “Miracolo di Milano” del dicembre ’88, allorché i bavaresi, reduci da una sconfitta casalinga di 0-2 contro l’Inter all’andata degli ottavi di Coppa Uefa, ribaltarono il risultato vincendo 3-1 sul campo della Beneamata, qualificandosi per le semifinali.

Domani sera, esaurito lo scontro a parole, la sfida si rinnova sul campo. Per non essere dimenticata.

Annunci

8 Risposte to “RIVINCITA INTER-BAYERN, PER NON DIMENTICARE”

  1. Ulk said

    Rosicone d’un Val Gaal!

  2. Annamaria said

    Ma perché questa protervia? Perché mai la coppa dell’Inter dovrebbe essere dimenticata? Anzi, dopo essere stata attesa e desiderata così a lungo, questa bellissima vittoria verrà ricordata più che mai non solo dai tifosi interisti, ma da tutti i veri sportivi! Credo che Van Gaal dovrebbe fare un bagno d’umiltà e ammettere che l’Inter è stata superiore alla sua squadra.

  3. Evinrude said

    Uno che dice queste cose si squalifica da solo.

  4. Irriducibile said

    Attenzione, il Bayern è sempre una squadra pericolosa. Poi i tedeschi sono sempre assetati di rivincite, sanno prendere la carica giusta, stiamo attenti a non concedere troppo.

  5. Pippo said

    Van Gaal, non sai perdere!

  6. Lancillotto said

    Non fai mai mancare la stoccatina ai media, cara Lady, ma hai ragione. Come mai non hanno ripreso una dichiarazione così bislacca e provocatoria? La stupidaggine che ha detto Van Gaal si commenta da sola ed è un brutto biglietto da visita del personaggio.

  7. Zebra said

    Interisti, pensatela come volete, intanto stasera ve le ha suonate 😀 .

  8. Mario said

    Si l’inter le ha prese …..ma qualcuno giocava a Rosico…..

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: