CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

INTER STERILE: TRE PUNTI SU UN RIMPALLO

Posted by ladycalcio su giovedì, novembre 25, 2010

Tre punti portati a casa su un rimpallo favorevole, che danno la sicurezza della qualificazione agli ottavi di Champions League e – così si spera – un po’ di tranquillità a Benitez. Sul campo, motivazione, buona volontà e spirito di squadra. Per i miei gusti, gli spunti positivi di Inter-Twente finiscono qui, contrariamente all’ottimismo di stampa e commentatori TV.

Quanto è scarso Pandev, quanto è scarso Biabiany…”  sugli spalti, un gruppo  di tifosi nerazzurri esasperati  intona questa canzoncina ironica per difendersi dal freddo e per divertirsi un po’, dato che la partita non lo consente.  A mio avviso, il peggiore in campo della serata è l’attaccante macedone. “Pandev per farlo segnare devi bendarlo!” sento urlare dalle gradinate. Quanto a Biabiany, si sfiata sulla fascia senza che né lui né i compagni al centro riescano a concretizzare una conclusione decente.

INTER STERILE

Ho detto tutto. È inutile dilungarsi su moduli e tattiche: l’Inter proprio non riesce a metterla dentro.  I suoi attaccanti rimangono invischiati nella difesa olandese, non riescono a smarcarsi, si impantanano da soli, sbagliano, ciccano da pochi metri o addirittura a porta semivuota. Sneijder è scentrato,  Eto’o non riesce a sfondare, di Biabiany ho già detto….  quando sbagli venti volte solo davanti al portiere, non è una questione tattica o di modulo: significa che sei fuori condizione. Significa che sei appannato nel fisico e nella mente: in parole povere, “scoppiato”.

L’Inter è in ritardo nella corsa come il suo pullman, che arriva a San Siro alle 19.30. Ma Ladycalcio è già sul posto molto prima 😉 , per tastare il polso alla serata. Gli addetti alle biglietterie si guardano in faccia (altro che code per acquistare i tagliandi!), e lo stadio è tutt’altro che gremito.

LA PROTESTA DEI TIFOSI

Sarà il freddo, sarà il brutto gioco… soprattutto, sarà il costo spropositato dei biglietti in tempo di crisi. Secondo la Curva Nord, la colpa è anche del Governo. Tradotto in italiano, lo striscione in inglese casereccio esposto nel 2° tempo suona così: “Il Governo italiano sta svuotando gli stadi e uccidendo la passione della gente. UEFA: i tifosi italiani ti chiedono aiuto”. In Curva Sud, la Banda Bagaj protesta per lo spostamento al 3° anello blu in occasione del derby: “Derby al 3° blu sopra di LORO spostati lassù… Società perché non ci vai tu?”. Alla faccia degli appelli ai tifosi… 😦

D’ACCORDO CON ANTONIO BARTOLOMUCCI

Dalle parole ai fatti o, se preferite, dalle parole al goal di  Cambiasso”, afferma Bartolomucci a StudioSport (Italia 1). Il giornalista parla poi di un “Rafa Benitez un po’ alla Indiana Jones, per intenderci , alla ricerca del gioco perduto” , che “fra mille peripezie alla fine lo trova”… chissà se grazie all’abbandono della sua cravatta viola…. Poi, Bartolomucci parla di “3 punti che servono a risolvere la pratica Champions” , di un Moratti che “ringrazia tecnico, giocatori e Padreterno” e di “una squadra un po’ strana per alcune scelte,  che senza quel goal del Cuchu sarebbero diventate imbarazzanti”. 😉 D’accordissimo, soprattutto su quest’ultimo aspetto.

RIECCO UN MATERAZZI DA OSCAR 😀

A incocciare contro un avversario ci riprova negli ultimi minuti della partita 🙂 , ma rivedendo le immagini Sky scopro che…. 😯 ma no, non è possibile! Mentre Matrix si rigira a terra, la regia stacca e va  per prati e boschi, mostrandoci il pubblico e la moviola. Ma quando mai, regia??????? Do al “messaggio” un’interpretazione inequivocabile: le mie osservazioni su Materazzi che si divincola a terra dopo gli scontri con gli avversari hanno fatto pieno centro 😉 . È uno stimolo forte ad approfondire.

Materazzi, Oscar”! sento gridare da dietro da un tifoso irritato. Mi giro e gli domando quale Oscar. “Per il miglior attore, no?” 😀 mi risponde  lo spettatore esasperato da come Matrix batte ritmicamente il piedino sull’erba dopo il colpo ricevuto mentre la regia ci mostra un simpatico spettatore con la coppola in testa 😯 e il replay di un’azione precedente. Volete dire che su certi episodi possiedo immagini esclusive che non ha neppure Sky? 😯

Sono passati 3 anni esatti da quel 24 novembre 2007 in cui ero lì presente ad osservare l’atteso rientro di Matrix in Inter-Atalanta dopo la sindrome compartimentale 😀 😀 😀 . Rifletto su quanto è cambiato da allora Materazzi. Mi sembra addirittura di vedere un altro giocatore.

Ma come si è comportato sul campo, “il nostro”? Stretching da urlo: chissà perché quando i compagni divaricano le gambe e si piegano in avanti lui rimane fermo in posizione eretta…. 😯 Mah. Brusca l’esecuzione dei movimenti durante il riscaldamento. Per la prossima volta, vi invito ad osservare come si muove Matrix, a fare il confronto con Lucio o Zanetti e … a farvi liberamente la vostra idea. Ci mancherebbe! 😉

Chissà  poi perché, al termine del riscaldamento, oltre a mandare saluti e baci 8) in tribuna rossa Materazzi vi scaraventa pure il pallone…  Tornerò sul tema riscaldamento, poiché quello che svolge la squadra non mi convince…

La prestazione di Materazzi

Bene nei lanci lunghi, al contrario di quanto fatto vedere nel derby (siamo sinceri: la lunga inattività non giova a nessuno). Sul mio personale taccuino ho segnato tre suoi assist pregevoli rispettivamente per Sneijder, Pandev ed Eto’o, contro un solo cross completamente fuori bersaglio a metà del 1° tempo.

Una soluzione di fortuna, per contro, il suo impiego difensivo. Due premesse tattiche:  gli attaccanti del Twente sono modesti e l’azione si sviluppa pochissimo dalla sua parte. Ma quando questo accade, Materazzi sembra essere lì per  “chiudere le traiettorie” in quella zona: punto e basta. Ad eccezione di una buona scivolata con cui libera l’area attorno alla metà del primo tempo, Marco non va sull’uomo. È lento. Quando il pericolo arriva nella sua zona, accorrono regolarmente i compagni: si accentra Zanetti, si fionda Lucio, rinforza Cambiasso… Suppongo che queste siano state le consegne di Benitez dopo il disastro nel derby 😦 . Del resto, negli inevitabili contatti fisici, ho osservato da parte di Matrix qualche spintone, “appoggio” sull’avversario e trattenuta di troppo… Per la verità, non sono la sola.

Alcuni siti esteri riprendono le dichiarazioni di Janko, che lamenta “numerose gomitate impunite di Materazzi” (“dello ‘scarpone’ Materazzi 😀 , si precisa su worldfootball.net):

http://ita.worldfootball.net/entry/_81051_cl-janko-nur-von-materazzis-elle/#redirect

http://diepresse.com/home/sport/fussball/613327/Champions-League-ist-zu-100-Prozent-oesterreicherfrei?_vl_backlink=/home/sport/index.do

Sul finale, Matrix abbassa i calzettoni, abbozza dei movimenti di allungamento dei polpacci, si piega in due… stanchezza o un principio di crampi? La difesa, già di fortuna, è in affanno, tanto più che  Cordoba mi è sembrato sofferente sin dall’inizio del match (non sta bene o ha dolore?).  Zanetti e Lucio non possono correre per quattro; dunque, Benitez rafforza la retroguardia inserendo “Davìde  Sànton” 😀 (così lo pronuncia la speaker olandese), per arginare il pressing del Twente che sfiora il pareggio.

Materazzi accorre ad ogni calcio piazzato sperando che, prima o poi, per la legge dei grandi numeri 😀 la dea bendata gli metta sul cabezon un pallone-goal che lo faccia risentire eroe.

Al fischio finale, saluta la claque 😀 , pardon, la Curva Nord, che in ogni partita inserisce almeno una volta  lo spot 😀 …  pardon, il coro, “Tutti pazzi per Materazzi”.  Lo stesso striscione che la Banda Bagaj espone da qualche tempo in Curva Sud 😯.

Matrix offrirà  loro un caffè a fine stagione? 😀

Annunci

13 Risposte to “INTER STERILE: TRE PUNTI SU UN RIMPALLO”

  1. […] This post was mentioned on Twitter by Monica Morandi, Monica Morandi. Monica Morandi said: Inter sterile contro il Twente http://bit.ly/hDZL3I […]

  2. Gigi said

    Adesso vediamo quando recuperiamo gli infortunati, se torna Motta migliora il centrocampo e quindi anche le punte vengono rifornite meglio.

  3. The Night Rider said

    Da quanto mi sembra di capire, lo spettacolo l’hanno fatto più i tifosi degli atleti in campo… trovo giuste le loro rivendicazioni, anche se l’Uefa non mi sembra un organismo tanto sensibile alle richieste dei tifosi, soprattutto se italiani… Sullo stretching di Materazzi in riscaldamento e sul suo tracollo fisico rispetto a un paio d’anni fa confermo ciò che hai scritto. L’avevo visto con i miei occhi nel derby.

  4. Cicciobombo_77 said

    Sono d’accordo sull’analisi della (non) condizione atletica.
    È inutile che Moratti taccia i guai combinati da Mourinho: sono sotto gli occhi di tutti.
    Quanto a quella frase su Pandev (bisogna bendarlo per farlo segnare) è l’emblema dell’Inter sprecona che abbiamo visto in questa partita e nelle precedenti. Ci è andata bene grazie a un rimpallo.

  5. Lapidario said

    Quella difesa è inguardabile.

  6. Baghera said

    Ehi, Sulley, come stai? Il centrocampo ha bisogno di te, uomo tosto! Torna presto, dai!

  7. Lenticchia di Castelluccio said

    Ha i braccini corti, Matrix, l’hai visto bene anche tu, no? 😦

  8. Stefano del 2° anello blu said

    Dal terzo anello non si vede un tubo, hanno tutte le ragioni di protestare!

  9. Dissacrante said

    Al posto di Materazzi avrebbero potuto piantare un palo, avrebbe chiuso altrettanto bene le traiettorie.

  10. Pia Nerazzurra said

    Secondo me invece un miglioramento nel gioco si è visto eccome. C’è stata più grinta, il centrocampo ha spinto un po’ di più. Credo che sia solo questione di recuperare gli infortunati, poi rivedremo il bel gioco di prima.

  11. Jack lo Squartatore said

    Ah ah ah! Anche all’estero danno dello “sacrpone” a Materazzi? Fortissima la cosa! Ma dove li peschi certi link?

  12. Oscar91 said

    Purtroppo adesso si aggiungerà il guaio delle partite che salteranno per il Mondiale per club, che dovranno essere recuperate in un calendario che già non dà tregua così com’è. Se nel frattempo il Milan e le squadre davanti vinceranno, il distacco si dilaterà e diventerà incolmabile sia per le troppe partite ravvicinate da recuperare, sia dal punto di vista psicologico.

  13. Savio said

    Gli appelli ai tifosi li hanno fatti anche per Inter – Parma. Col freddo che farà, voglio vedere in quanti risponderanno per vedere un gioco così…

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: