CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

L’Inter dei musi duri fugge sul pullman

Posted by ladycalcio su giovedì, novembre 11, 2010

Escono dall’albergo senza espressione, distaccati, completamente indifferenti verso i tifosi assiepati da chissà quanto davanti al loro hotel per sostenerli ed acclamarli.

Chi con le cuffie in testa, chi guardando nel vuoto, chi con lo sguardo fisso a terra per il solo “timore” di dover firmare un autografo o concedere una foto, si precipitano sul pullman che li condurrà allo Stadio Via del Mare di Lecce.  Fossero così veloci sul campo, i giocatori nerazzurri!

Com’è andata Lecce-Inter (1-1) lo sapete già; sulle critiche al gioco e alla condizione atletica scadentissima dei Campioni d’Europa di indifferenza non sto a ripetermi.

Mi limito a una riflessione sull’antipatico episodio, colto nel bellissimo pre-partita di Inter Channel. Splendide – è doveroso sottolinearlo -le  immagini della città pugliese mandate in onda dal canale tematico nerazzurro: architetture sacre, scorci artistici, spunti di vita, suggestive atmosfere….  quando si dice “complimenti alla regia“…

Non altrettanto dicasi del modo vergognoso in cui i satolli professionisti nerazzurri hanno ignorato i sostenitori lì in piedi da ore: posso immaginare persone con tanti chilometri alle spalle per sostenere la squadra, residenti in Puglia con un’unica, attesissima occasione all’anno per salutare la squadra del cuore… che quasi quasi scappa!

Comodo fare gli appelli ai tifosi quando servono, vero?

Distinguo i “veterani” 😀 Biabiany e Coutinho (già assuefatti all’affetto dei tifosi?), poi Obi, Nwankwo, Castellazzi... peggio che mai i Primavera Natalino e Gallinetta – pivelli che non hanno nemmeno incominciato ad assaporare questi momenti – e Chivu – che pure ha rischiato di non assaporarli mai più.  Stessa scena per i membri dello staff tecnico Baresi e Valero…. Arriva Rafa Benitez, che finalmente sorride e fa un paio di cenni di saluto con la mano… Poi, di nuovo i volti di pietra di Cordoba, Stankovic, Milito e Materazzi, che ignorano letteralmente chi li circonda. Cosa riuscirebbero a fare nella vita gli dei della pedata se non esistessero i tifosi? I fattorini? I magazzinieri?

Eto’o, che si era cortesemente fermato a firmare un paio d’autografi sulla porta dell’hotel, viene scortato con sollecitudine” 😦 alla porta del pullman da uno zelante addetto vestito di nero  “scorbatto” (come si dice a Milano), con il tesserino al collo e l’aria da protagonista. Salito sul pullman l’ultimo giocatore, Eto’o appunto, l'”italiano con il tesserino al collo” (ci piacerebbe sapere agli ordini di chi) completa il suo momento di gloria strizzando l’occhio e facendo il gesto del pollice in su in direzione della porta.

Nessuno ha gridato “andate a nascondervi”?

PS

Per la cronaca, come dall’ “Agenda allenamenti” pubblicata sul Sito Ufficiale di FC Internazionale, anche domani l’Inter riposa 😀 . Dall’11 al 16 novembre, questi esausti signori 😀 RIPOSERANNO 3 GIORNI SU 6 😯 . Nei restanti 3 giorni di “lavoro” 😀 , giocheranno il derby un giorno, mentre negli altri 2 si alleneranno un paio d’orette al mattino e avranno la restante mezza giornata libera.

Annunci

12 Risposte to “L’Inter dei musi duri fugge sul pullman”

  1. The Night Rider said

    E stiamo ancora a chiederci perché non corrono e non sono allenati?

  2. Alpha89 said

    Andate a lavorare, lazzaroni!

  3. Helenio said

    Vederli così tronfi e assuefatti, soprattutto i giovanissimi, mi fa proprio schifo. Una vergogna!

  4. El Gamba de Legn said

    Scorbatton!

  5. Luca said

    Sul Sito dell’Inter Cordoba viene così citato dopo la partita: “Aspettiamo tantissima gente allo stadio e che si facciano sentire: questo stimola tantissimo, tante volte basta un boato dei tuoi tifosi e tutto può essere diverso”.

    NO COMMENT.

  6. Lucio il Brasilero said

    Lucio però non si è visto così…..

  7. Marino72 said

    Si credono dei padreterni

  8. Evinrude said

    Come si comportano loro quando partono e come si comportano gli addetti alla sorveglianza si era già visto la scorsa stagione alla partenza del treno Frecciarossa per Firenze…

  9. Zibibbo said

    Complimenti a Eto’o, che almeno si è fermato un attimo a firmare autografi… anche se con la cuffia… senza sarebbe stato troppo…

  10. Franco said

    A proposito del treno Frecciarossa per Firenze,trovandomi in Centrale, mi sono recato al binario ove stazionava il convoglio con i giocatori a bordo.
    Ebbene, udite udite: i signorini per non essere disturbati dai tifosi avevano abbassato tutte le tendine dei finestrini.
    La situazione nella quale mi sono trovato, mi ha fortemente amareggiato.
    Ma la dirigenza come può permettere atteggiamenti del genere? Sono suggerite dalle alte sfere?
    Se fosse così, molti complimenti!

    • ladycalcio said

      La Dirigenza permette questo e altro, vedi i silenzi stampa di mesi di Mourinho e il suo trattare i giornalisti come pezze, i tifosi che devono dormmire in strada due notti per acquistare i biglietti per Madrid, Balotelli che getta a terra la maglia, Chivu che apostrofa Benitez, Materazzi “esentato” dai doveri delle interviste, e l’elenco richiederebbe un post intero. Quanto alle alte sfere,non ci metterei la mano sul fuoco. Comunque sia, il manico di Moratti lascia parecchio a desiderare, così come il suo “stile” (si fa per dire) nello scegliere gli pseudogorilla da affiancare alla squadra – vedi appunto il mio articolo sul treno Frecciarossa.

      https://calcioparole.wordpress.com/2010/04/19/linter-va-fuori-binario/

  11. Lapidario said

    Basta non andarli più a vedere.

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: