CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Balotelli “perdonato” (si fa per dire…)

Posted by ladycalcio su domenica, aprile 4, 2010

Marioooo! Mariooo! Mariooo! Mario, alza la testa!” A gridare a squarciagola  dalla balconata della tribuna rossa del Meazza è un bel bambino biondo infatuato di Balotelli. Il suo beniamino ha appena terminato il riscaldamento e sta per infilarsi nell'”oblò” presso la panchina che conduce al tunnel degli spogliatoi. Prima di lui sono già rientrati Toldo, Orlandoni, Motta e Chivu: chi con un gesto, chi con un sorriso, hanno salutato cordialmente i tifosi che inneggiavano ai loro nomi. Supermario incede truce, sussiegoso, con lo sguardo inchiodato a terra, come se ce l’avesse con il mondo intero. Il capoccione anziché alzarlo lo china, quasi a lasciare intendere di non rompergli le scatole. Scende con distacco la scaletta, snobbando il piccolo fan: neanche uno sguardo, neanche un sorriso o un gesto della mano. Quando con nulla si potrebbe far felice una persona… (ahimé, così piccola e ingenua).

Simpatico di questo passo non lo diventerà mai. Né potrà continuare ad imputare i cori a lui ostili al colore della pelle. È una vecchia storia che non regge più…. “Balo” non cambierà, ne sono convinta. Come dubito che cambieranno i suoi rapporti con l’Inter (e forse, con gli stessi compagni). La “riabilitazione” e la relativa convocazione dopo il lungo digiuno punitivo mi sanno tanto di perdono “politico”, dettato da interessi sportivi ed economici.

Non credo che Mario abbia davanti a sé un lungo futuro in nerazzurro, ma lasciandolo marcire in tribuna è chiaro che si svaluterebbe. Non c’è bisogno di approfondire i temi degli sponsor, della convenienza ad avere in campo una forza giovane e fresca nel momento decisivo del campionato, ecc.

Il suo ingresso sul terreno di gioco per il riscaldamento suscita il boato del pubblico interista. Contro il Bologna è autore di un goal, di un palo e di una buona prestazione. È veloce e fantasioso, tanto che i difensori avversari sono chiamati al raddoppio di marcatura per buona parte dell’incontro. Raggi e Buscé lo chiudono, fino a che Mourinho non lo sposta sulla destra. Al 7′ del secondo tempo, “Balo” raccoglie un pallone di Milito e festeggia il ritorno in squadra con un bel goal.

Ma non è questo il punto. Se l’Inter ha vinto, hanno perso ancora una volta i veri valori.  L'”attaccamento” del giocatore alla maglia della squadra che lo ha reso ricco e famoso è stato tristemente dimostrato a “Striscia la Notizia” e al “Chiambretti Night“. Dopo i due penosi interventi, lo stesso Presidente Moratti, solito metterci sempre una buona parola per i suoi giocatori, era apparso seccato come poche volte. Ebbene: sul tormentone mediatico è stato passato un colpo di spugna sotto forma di due scarne righe di scuse da parte del giocatore sul Sito Ufficiale dell’Inter, che lasciano intatti tutti i dubbi. Non mi meraviglio: il concetto di trasparenza non mi pare andare esattamente a braccetto con i comunicati ufficiali di FC Internazionale...

È mancato il chiarimento (almeno “di facciata”) su quanto realmente accaduto, è mancata una presa di posizione comune del giocatore e della Società, è mancata soprattutto la voce di Mario, che così com’era disinvoltamente apparso nelle trasmissioni sopra citate, avrebbe potuto metterci la faccia anche per chiedere pubblicamente scusa: non solo alla Società e ai compagni, ma anche ai tifosi.

Prova a metterci una parola di incoraggiamento anche la Curva Nord, con uno striscione che recita: “Cuore, testa, muscoli… da anni sognavamo un gruppo così. Forza ragazzi (nessuno escluso)”. Ma quanto a lungo credete che Mario filerà dritto?

La pioggia che cade storta e che filtra copiosa attraverso la copertura del Meazza infradicia gli spettatori, ma lo spettacolo vale la bordata di umidità nelle ossa. Se c’è un neo, è che il volume di gioco prodotto dai nerazzurri non corrisponde al numero di goal messi a segno, anche se oggi sono stati 3, contro un Bologna di caratura decisamente modesta. Ottimo l’apporto di Motta al centrocampo, bene la difesa nel reggere all’emergenza cartellini. A proposito di difesa: povero Santon! Il ragazzo è visibilmente zoppo. Lo si nota dalla corsa, dai movimenti e dagli stacchi, per eseguire i quali salta addirittura  su una gamba sola: la sinistra.  Alla faccia delle belle parole sul sacrificio per la squadra, trovo pazzesco mandare in campo un ragazzo in quelle condizioni – e ancor di più lasciarcelo per 90 minuti. Non fatemi aggiungere altro.

Nulla di fatto sul fronte classifica. La Roma vince a Bari, il Milan a Cagliari. Martedì, a Mosca, per l’Inter sarà di nuovo Champions League. Chissà cosa ci riserverà l’uovo di Pasqua…

Buona Pasqua a tutti i lettori!

Annunci

10 Risposte to “Balotelli “perdonato” (si fa per dire…)”

  1. The Night Rider said

    Speriamo che prima o poi anche Balo maturi. Buona Pasqua a tutti!

  2. Mario said

    Buona PASQUA anche te LADYcalcio

  3. Kobra91 said

    Meno male che non c’è stato il crollo post Champions. Mario, la prossima volta fai ciao al bimbo…

    Buona Paasqua a tutti!

  4. Lancillotto said

    I giocatori che sarebbero tanto teneri con i bambini … hai ragione Lady, sono quelli che razzolano peggio.

    Buona Pasqua da Lancillotto

  5. Caffè Colombia said

    Finalmente ho rivisto in campo Ivan Ramiro! Non per insistere ragazzi, ma quelle continue panchine mi stavano incattivendo…. oggi mi sento doppiamente contento. Ha vinto l’Inter e ha giocato il mitico numero due! Auguri di buona Pasqua a tutti e in particolare a CORDOBA! (CHISSà MAI CHE NON MI LEGGA 🙂 )

  6. Bordon 1971 said

    Bravissima, hai fatto benissimo a scrivere di quel bambino! È giusto riportare i comportamenti così indifferenti non ripresi dalle telecamere o ignorati dalla stampa di parte!

  7. Lapidario said

    Rimandate Balotelli al suo paese, non è uomo da Inter

  8. Leo said

    Balotelli ha infilato una serie di gaffes paurose…speriamo sparisca per un po’ dalla circolazione e pensi solo ad allenarsi e a giocare. Perché quando parla (che sia lui, la sorella o uno dei suoi familiari) si ascoltano solo sciocchezze gigantesche. Per non parlare del suo procuratore, che a malapena riesce ad esprimersi in italiano.

  9. Jack90 said

    Auguriamoci che Mario fili dritto almeno per un po’. È il momento chiave della stagione e non abbiamo bisogno di polemiche che dividano l’ambiente.

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: