CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Bentornato, Cristian!

Posted by ladycalcio su giovedì, marzo 25, 2010

Con il numero 26 è tornato… Cristian Chivu!” All’annuncio delle formazioni è un’ovazione, seguita dal lungo applauso del Meazza.

Ed ecco entrare in campo Cristian con il caschetto protettivo, a soli 77 giorni dalla frattura della scatola cranica rimediata il 6 gennaio scorso contro il Chievo. Lo accolgono l’abbraccio dei compagni e quello del pubblico. La lunga cicatrice sul capo è visibile persino dagli anelli alti di San Siro, ma Chivu ricomincia a colpire i palloni di testa.  Per alleggerirlo in questo “battesimo di fuoco”, Mourinho gli affianca la torre Materazzi.

L’entusiasmo del giocatore rumeno si percepisce nell’aria. Il pubblico del Meazza lo segue con affetto e con un po’ d’apprensione. Difficile non trasalire quando, nel primo tempo, finisce a terra dopo un contrasto di gioco. Ladycalcio è felicissima di rivederlo in azione dopo quel terribile incidente che ne aveva messo a rischio non soltanto la carriera, ma addirittura la vita e incrocia le dita che non si siano bruciate le tappe.

Sulla Gazzetta dello Sport di oggi, Luca Taidelli fa notare che il 7 febbraio scorso, in occasione dell’ultima vittoria  casalinga dell’Inter (contro il Cagliari), Chivuera ancora costretto sul divano di casa”. Per usare un eufemismo, passare in sole sei settimane dal riposo assoluto conseguente a un intervento al cranio all’agonismo in uno sport di contatto, non  mi sembra il massimo della prudenza.  Non nascondo quindi di essere stata un po’ in apprensione per lui…

Se Chivu è  carico, non direi altrettanto dell’Inter. Non sto a ripetermi, ma al di là dei tre goal, l’ho vista svuotata; nelle fasi iniziali, persino in difficoltà a contenere l’ultima in classifica. Spiccano, come al solito, le sgroppate dell’eterno Capitan Zanetti.

Chiudono il discorso le due reti spettacolari di Eto’o e quella di Maicon. Per il resto, il reparto avanzato nerazzurro mette in mostra un Pandev decisamente spento e un Quaresma distintosi più che altro per il cambio delle sgargianti scarpette nell’intervallo: verdi nel primo tempo, rosse nella ripresa.

La Curva Nord rompe con Mario Balotelli, alla quarta non convocazione, con un eloquente striscione: “Uno spogliatoio unito, inattaccabile come non mai… Nient’altro da fare che allontanare chi porta zizzania e guai”.

La partita di Chivu termina fra gli applausi al 32’ del secondo tempo. Cristian rimane seduto su una poltroncina a bordocampo con una vistosa fasciatura al polpaccio sinistro, su cui i media glissano inspiegabilmente. La serata si chiude con il botto del goal del Parma al Milan, che fa esplodere San Siro in un boato. L’Inter riallunga a + 4 sui cugini, affiancati dalla Roma, che sabato attende la capolista….

Annunci

15 Risposte to “Bentornato, Cristian!”

  1. The Hacker said

    Adesso il Milan piange e reclama due mancati rigori…. 😀 😀

    FORZA CHIVU!!!

  2. Ghost said

    Non l’avevo notato che dopo l’uscita Chivu aveva quella fasciatura…
    Comunque grande Cristian, speriamo che continui sempre bene!

  3. Nerazzurro a vita said

    ED ORA, LA MARCIA SU ROMAAAAAA!!!

    Grande Inter, grande Chivu!

  4. Stefano del 2° anello blu said

    Troppa fatica all’inizio, Inter stanca e distratta. Bravo Cristian

  5. Voyager said

    Buona prova di Chivu, forse sarà un affaticamento muscolare…. dopo l’inattività succede…

  6. Sandro da Vigevano said

    Con il rientro di Chivu abbiamo superato l’emergenza difesa. Adesso però mi preoccupa Santon. Forza a tutti e due e a tutta la squadra domani a Roma!

  7. Diossina said

    Fasciatura al polpaccio ignorata dai media? Ci risiamo con i misteri del Pulcinella, FC Internazionale?

  8. Dado nerazzurro81 said

    Ragazzi, ora undici leoni a Roma!

    W Chivu

  9. Zebra said

    Felice sportivamente per Chivu, ma questa squadra campa sull’incapacità degli avversari e da domani in poi avrà parecchio da temere….

  10. The Night Rider said

    Bravo Chivu, che barba Balotelli. Mario ormai si è montato irrimediabilmente la testa e cerca lo scontro. Se ne vada pure, non è degno dell’Inter.

  11. Pippo said

    Bene Chivu… sono già proietttato alla Roma…. forza ragazzi!

  12. Figo Forever said

    Da dov’ero non avevo notato la fasciatura alla gamba di Chivu. Spero che non si tratti di nulla di grave e che Cristian possa giocare di nuovo stasera contro la Roma.

  13. Lancillotto said

    Spiacente, ma al di là della gioia di aver rivisto in campo un ragazzo reduce da un guaio così grosso, credo che il rientro di Chivu sia stato prematuro. D’accordo lo sport professionistico e tutti gli interessi legati ai calciatori, ma una scatola cranica sfondata è una scatola cranica sfondata. Per riuscito che possa essere l’intervento, non venitemela a raccontare: due mesi e mezzo e rotti sono un’inezia. Pensate solo a quando si corre dopo la devitalizzazione di un dente:ad ogni appoggio, il dente fa male per il contraccolpo. Fate le debite proporzioni e immaginate di correre, saltare e colpire palloni di testa dopo che la testa è stata aperta e ricucita da poche settimane, per giunta dopo aver svolto così poco lavoro… per me è semplicemente pazzesco.

  14. Nerazzurro a vita said

    Acc… ho parlato troppo presto, raga…. dopo la disdetta di stasera si ricomincia a tremare… Ladycalcio ti confesso che ero già andato a dormire, ma non riuscivo a prendere sonno e allora mi sono fatto un giretto in Internet e sono ricapitato qui… Ho riletto quello che avevo scritto gasatissimo dopo il Livorno, ma stasera gira storta e domani il Milan gioca in casa contro la Lazio… non voglio neanche pensarci … meglio cercare di chiudere gli occhi e sperare che la notte porti consiglio a Mourinho e un po’ di tregua a noi, che purtroppo dobbiamo affrontare il solito finale di stagione di sofferenza…. comunque sempre forza Inter, domani è un altro giorno….

  15. Vincenzo da Civitavecchia said

    GRAZIE ROMA

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: