CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

INTER-CHELSEA 2-1: VERSO LA BATTAGLIA DI LONDRA

Posted by ladycalcio su giovedì, febbraio 25, 2010

Lucio, l’ariete a tutto campo, e Milito, il folletto dell’area di rigore: potrebbero essere queste le keyword del match di ieri sera fra Inter e Chelsea (2-1). Milito e la freddezza del campione, che al 3’ del primo tempo ha sbloccato il risultato dando la piega giusta all’incontro. Cambi di ritmo, inserimenti repentini, senso della posizione: davvero un repertorio … principesco. Lucio è ormai sinonimo di gigante a tutto campo, di grinta, di impegno al limite in ogni situazione e su ogni avversario.

Al di là della vittoria, l’Inter è finalmente scesa in campo in un incontro europeo senza la paura di giocare. Volitiva e decisamente in palla, ha retto bene alle polemiche della settimana e alla notizia della vittoria del Milan a Firenze, ora a -4, maturata complice un inquietante rigore negato alla Fiorentina

Insomma, un approccio positivo, fatto di occasioni create e finalmente sfruttate, anche se è presto per illudersi. Al contrario, non mi aspettavo un Chelsea così sprecone. In perenne difficoltà a farsi strada verso la porta interista, gli inglesi hanno cercato il goal prevalentemente sui tiri dalla distanza, con cannonate clamorosamente fuori bersaglio : dalla traversa di collo pieno su punizione di Drogba nel primo tempo al clamoroso errore Lampard nella ripresa. Un limite dello schema di Carletto Ancelotti, partito con un arrembante 4-3-3, o tutto merito dell’ottima difesa dell’Inter?  La retroguardia nerazzurra mi è parsa ieri il punto di forza della squadra di Mourinho, anche nelle fasi in cui la squadra ha sofferto la pressione del Chelsea.

Bene, tutto sommato, l’incidentato Giulione Cesar (a parte l’indecisione sul goal subito); altrettanto dicasi della linea difensiva, che ha tenuto egregiamente il campo chiudendo gli spazi agli inglesi. Unico grosso errore al 51’ sul pareggio di Kalou, rimasto liberissimo in posizione strategica. I difensori nerazzurri, reduci dal pieno di cartellini contro la Samp, hanno fortunatamente evitato l’ammonizione, nonostante quell’intervento dubbio di Samuel su Kalou per il quale diversi commentatori hanno reclamato il calcio di rigore e addirittura il rosso a Samuel. Non credo che ci fossero né l’uno, né l’altro.  I diffidati saranno dunque presenti a Londra.

La rabbia del Cuchu Cambiasso ha regalato un 2-1 sì insidioso dal punto di vista del punteggio, ma che fa ben sperare. A patto che si rivedano alcuni aspetti. Innanzitutto, la prestazione di Eto’o, che continua a non sembrarmi all’altezza dei colleghi di reparto Milito e Pandev; in secondo luogo, mi lasciano un po’ perplessa i continui cambiamenti di modulo di Mourinho, partito con un 4-3-1-2 che ha via via cambiato volto nel corso della partita. È inoltre da vedere come l’Inter reggerà all’emergenza infortuni e squalifiche in campionato, dato che la gestione delle energie sarà fondamentale per presentarsi al match di ritorno al top della condizione. Inoltre, non dimentichiamoci che il confine fra entrate decise e cartellini è un soffio, legato al vento arbitrale che tira e che l’Inter, ahimé, ci ha da lungo abituati ai sogni ma anche ai bruschi risvegli….

A Stamford Bridge, il 16 marzo prossimo, si preannuncia una riedizione della battaglia di Londra!

EMERGENZA DIFESA A UDINE: IL DUALISMO MATERAZZIANO DI MOURINHO

Guardiamo avanti: domenica sarà di nuovo campionato. Soprattutto, dopo le squalifiche di Cordoba, Samuel e Cambiasso (e con Chivu indisponibile), sarà emergenza sparata in difesa. In settimana, gazzette e gazzettini hanno ventilato l’impiego del “re del risentimento” 😀 Materazzi in coppia con Lucio. Oggi, Sky Sport 24 Matrix per “recuperato”.

Ladycalcio ha due certezze:

1) L’infortunio di Parma era qualcosina più di un risentimento 😀 . I tempi danno più ragione a Mourinho, che aveva parlato di “stiramento grande” 😦 , la versione che questo blog aveva sostenuto sin dall’inizio.

2) I post pubblicati su “Calcio e Parole” fanno tremare Matrix e l’Inter 😯 . Dopo quello del 19 febbraio (“Matrix supina e fa suonare le trombe”), il numero 23 nerazzurro è stato fatto letteralmente “sparire” dalle telecamere 😯 . Ve la dice lunga… o no? Si è rivisto poco fa in una foto pubblicata su inter.it, con un vistoso cerottone sulla gamba sinistra. Nella relazione sull’odierna seduta d’allenamento, per Matrix il Sito Ufficiale nerazzurro parla di “ inizio di lavoro con il gruppo prima di proseguire il programma specifico di recupero individuale”. Dunque, a tre giorni dalla partita, il giocatore non starebbe ancora lavorando in gruppo. È indicativo che, stamattina, al gruppo dei titolari si siano aggregati i due Primavera Donati e Caldirola.

Ora, Ladycalcio è in febbrile attesa delle scelte di Mou per domenica. Perché in qualunque senso il mister deciderà, la sua decisione non sarà esente da rischi e contraddizioni. Le due ipotesi:

1)      Mou non fa giocare Materazzi: affianca a Lucio un giovane della Primavera o arretra un centrocampista. Sbugiarderebbe alla grande la tesi del “risentimento” 🙂  sostenuta dalla Società (del resto, già ampiamente sbugiardata dai tempi di recupero), poiché non schierare Materazzi in assenza di tutti gli altri titolari equivarrebbe a confermarne le precarie condizioni fisiche a 18 giorni dall’infortunio: tempi da probabile “stiramento grande”, come sfuggitogli di bocca subito dopo Parma-Inter. Al posto del mister, opterei per questa scelta. Darei al giocatore il tempo di guarire completamente (soprattutto, in vista del finale di stagione), opponendo alle veloci punte dell’Udinese un collega integro, in grado di garantire la tenuta per 90 minuti.

2)      Mou mette in campo un Materazzi comunque in forma precaria  😦 dopo l’ennesimo infortunio muscolare e il relativo stop (nel tentativo di dimostrare che è guarito?), con “zeru allenamento” all’attivo. Come pensare che Matrix, che già non è un fulmine di guerra, possa reggere 90 minuti in velocità in queste condizioni senza rischio di recidiva? Né credo avrebbe senso impiegarlo per un tempo ridotto: comporterebbe la sicurezza di dover rivoluzionare un assetto già precario nel corso della partita e, a mio avviso, un rischio per la salute di Marco 😦  Immaginate cosa si tirerebbe addosso Mourinho, dopo aver parlato di “stiramento grande” ed essere stato criticato dalla sottoscritta per aver lasciato in campo Materazzi rotto a Parma, se il muscolo leso facesse nuovamente crac? 😦 😦 😦

Al di là dei miei commenti pungenti, per spirito sportivo, spero solo che Marco non venga azzardato (o, peggio, mandato allo sbaraglio come l’uomo meno importante della compagnia 😦 ), con l’ennesima sbrodolata sul suo spirito di sacrificio e sull’efficienza dello staff medico…

Il punto è: Mourinho sarà completamente libero in questa decisione? Lasciatemi dire che non ci credo!

Del resto, Ladycalcio fa più paura del Chelsea!!!!!!!  😀 😀 😀

Annunci

23 Risposte to “INTER-CHELSEA 2-1: VERSO LA BATTAGLIA DI LONDRA”

  1. Anima nerazzurra said

    GRAZIE RAGAZZI, SIETE STATI STREPITOSI!

  2. Angelo Spreafico said

    Finalmente un mercoledì da Europa e un giovedì senza dover scansare ogni milanista che si incontra!

  3. Alpha89 said

    Sì, d’accordo, la prestazione è stata buona, ma il cammino è ancora lungo. Piuttosto, attenzione al campionato, la rimonta del Milan è sospetta e il pedaggio delle squalifiche dobbiamo ancora pagarlo.
    Occhio anche al rischio-squalifica in Champions. Speriamo che non ci costi troppo caro, aspetterei a illudermi. Su Materazzi mi chiedo anch’io come faccia a giocare domenica se non ha ancora recuperato completamente… sto alla finestra come te!

  4. Bordon 1971 said

    Milito e Lucio hanno fatto fare all’Inter un salto di qualità, sia dal punto di vista agonistico, sia da quello della mentalità. Con questi giocatori abbiamo una marcia in più, che ci avvicina alle grandi d’Europa. Sul rigore invece non sono d’accordo, secondo me l’Inter può ritenersi fortunata se l’arbitro ha deciso di non fischiarlo.

  5. Carlo da Castelleone said

    La vittoria è importantissima, ma è ancor più importante che l’Inter si sia sbloccata psicologicamente e che abbia preso coscienza di essere all’altezza dell’Europa.

  6. Lenticchia di Castelluccio said

    “se il muscolo facesse nuovamente crac”? Povero Matrix, come può fare gli scongiuri tipici del sesso forte (si fa per dire… 🙂 )dopo essersi comportato così con te?

  7. Il Principe Milito said

    ALTRO CHE IBRA…. MILITO È IL NOSTRO CAMPIONE!!!!!

  8. Spiritoso said

    La battaglia di Londra fu soprattutto un confronto aereo: che sia arrivata la partita di Materazzi? 😀

  9. Pia Nerazzurra said

    Splendidi ragazzi, ora andiamo a vincere anche a Londra!

  10. Evinrude said

    Comincio veramente a pensare che Eto’o sia stato un acquisto alla Quaresma e che sarebbe stato meglio non prenderlo. Pandev e Milito sono di un’altra classe e lo si è visto subito da come si sono inseriti nell’insieme della squadra (soprattutto Pandev che si è trovato in un gruppo già affiatato). Non credo invece che Eto’o sia l’uomo che fa la differenza in Europa, e nemmeno la meraviglia che ci avevano decantato.
    Sulla partita, finalmente un’Inter che gira, senza timori reverenziali per l’avversario.

  11. The Night Rider said

    Finalmente una notta europea degna di questo nome!

  12. Kobra91 said

    Basta che domenica a Udine non ci sia il crollo, come succede spesso dopo le superprestazioni dell’Inter!

  13. Spillo 70 said

    Fortuna che Gonzalez non ha fischiato quale rigore, altrimenti te lo racconto io il corso che avrebbe preso la partita.

  14. Nerazzurro a vita said

    GRANDIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII !!!!!!!!!

  15. Rossonero forever said

    Non gasatevi troppo, cugini, ricordatevi che dovete ancora andare a Londra….

  16. L'Acchiappasogni said

    Povero Julio, dev’essere stata dura giocare così ammaccato! A un certo punto della partita hanno detto che i compagni gli facevano coraggio! Forza grande acchiappasogni, hai dimostrato chi sei, e adesso vogliamo la Champions!

  17. Stefano del 2° anello blu said

    Niente da fare, con il ricorso non è cambiato niente, a parte la giornata di squalifica tolta a Muntari. Adesso saremo in emergenza per almeno 2-3 partite, speriamo che i ragazzi dimostrino lo stesso carattere di mercoledì sera.

  18. Pepe said

    Non credo che Mourinho sarà tanto incosciente da mettere in campo Materazzi. L’affidabilità sui 90 minuti non la può dare. Rischierebbe solo di farlo rompere… e allora, Lady, non oso immaginare il tuo post! Secondo me fanno finta di dire che è recuperato (io non ci credo) tanto per metterlo un po’ in vetrina, poi giocherà un altro.

  19. David Rossonero said

    D’accordo che l’Inter contro il Chelsea ha giocato bene, però adesso dovrebbe piantarla di fare la primadonna. Questo silenzio stampa ad esempio non lo capisco proprio. Che motivo c’è? Va bene, qualche torto c’è stato, ma su quel rigore negato al Chelsea Mourinho non ha proprio niente da dire? Secondo me, facendo così la Società non risolve i suoi problemi verso l’esterno, anzi, si rende sempre più antipatica.

  20. Jack lo Squartatore said

    Sai che con il caso Materazzi mi hai proprio contagiato? Dici che domani gioca?

    • ladycalcio said

      Spero proprio di no per lui. Per come la vedo, la gamba non ha ancora recuperato e non è per niente pronta per sostenere il ritmo di gara: Matrix non la “usa”, è ancora deficitaria nell’azione e nelle sequenze del movimento, ecc, ecc. Secondo me, farlo giocare sarebbe un grosso rischio.

  21. Black and Blue said

    L’abbiamo scampata anche oggi!

  22. Puyol said

    Certo, l’Inter a Udine non poteva perdere. Dopo tre pareggi e con il fiato del Milan sul collo era costretta a portare a casa i tre punti… ma vado controcorrente e dico che la vittoria è stata fortunosa, vedi la traversa finale e le mille occasioni buttate via dall’udinese. Mourinho ha vinto come poteva perdere. La fortuna gira e se la prossima volta le cose vanno al contrario, per favore non recrimini….

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: