CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Juventus: non chiamatela più “Signora”

Posted by ladycalcio su mercoledì, aprile 22, 2009

Le scuse fra i denti da parte di Cobolli Gigli, il goffo silenzio di Ranieri e infine, in un impeto di rabbia malcelata, il ricorso contro la decisione del Giudice Sportivo di far disputare Juve-Lecce del 3 maggio prossimo a porte chiuse, nell’improbabile speranza di trasformarla in una pena pecuniaria. Questo il corso inaudito degli eventi scatenati dagli insulti razzisti contro Balotelli in Juve-Inter di sabato scorso.

La mossa della Società bianconera è emblematica di ciò che la Juventus è realmente, in antitesi a ciò che vorrebbe sembrare: una nobile decaduta, e non soltanto nei valori calcistici. Il suo Presidente, assertore di un presunto nuovo corso, ha perso l’ennesima occasione per dare la vera svolta in termini di sportività.

Premetto che il personaggio non mi ha mai convinta: sotto la mano di vernice delle belle parole di circostanza, nasconde la ruggine di un astio divorante verso lInter, di un livore che non riesce a reprimere né a celare. È come un fuoco che cova sotto la cenere, un vulcano nell’anima perennemente in procinto di esplodere.

Non riescono a farsene una ragione, i bianconeri, di dover mangiare la polvere. Senza gli aiuti che sappiamo, l’ex-Signora del calcio italiano non riesce più a vincere . Ora, la Juve è la regina della faziosità, dell’indottrinamento,  dei commenti tendenziosi, figli della rabbia cieca e dello sfacelo dei valori. O forse, più semplicemente, del non voler guardare in faccia una verità che fa male.

Malafede o provocazione? Me lo sono domandata leggendo il titolo di ieri di Tuttosport (“Paga ancora la Juve”) e osservando le coreografie della curva juventina nell’incontro di sabato, che voleva 29 Scudetti “vinti sul campo”. Parole e immagini che danno il voltastomaco.

La Juve già era uscita a pezzi dalla decisione del Giudice Sportivo Tosel (che motivava il suo provvedimento con i cori reiterati provenienti non soltanto dai settori ultras, ma estesi a gran parte dello stadio), dal non aver tentato nulla per dissuadere i propri sostenitori dalle manifestazioni razziste, dall’essersi distinta per l’ennesima volta all’estero come vergogna del calcio italiano. Non appagata, si è lanciata per partito preso in un ricorso che, con tutta probabilità, è destinato ad essere respinto e a lasciarla“cornuta e mazziata”. Perché allora presentarlo?

Forse, allo scopo di alimentare quel lagnoso vittimismo che da tempo ne contraddistingue dirigenti e tifosi. Nel momento in cui il ricorso non venisse accolto, ci si potrà sempre autocommiserare affermando che, tanto, “paga sempre la Juve”, come ha già fatto Tuttosport.

Fra i primi a dare il bell’esempio (si fa per dire) Lapo Elkann, che il Corriere della Sera di ieri cita con la frase “Basta usare la Juventus come capro espiatorio”. Fra i sostenitori bianconeri, da segnalare l’allucinante intervista con un capo tifoseria condotta lunedì sera da Fabio Ravezzani a QSVS (Antenna 3). Secondo Christian – questo il nome del ragazzo – gli insulti a Balotelli non sarebbero stati di matrice razzista, bensì frutto di “leggerezza” nel lo scegliere un tema per fare il tifo contro. Tifo contro che, secondo il pazzesco “ragionamento”, verrebbe costruito ad ogni partita scegliendo, fra i giocatori della squadra avversaria, quello che offra il “pretesto” più immediato per essere preso di mira: il “negro” se scuro di pelle, il “terrone” se meridionale, il “pelato” se calvo, e via dicendo. Il tutto, condito da epiteti che non sto a ripetere.

È il momento delle proposte. Massimo Moratti medita il ritiro della squadra dal campo in simili circostanze, il Presidente della Federcalcio Abete l’opportunità di dare più poteri all’arbitro, le varie società si prodigano in iniziative simboliche come quella annunciata per giovedì sera dall’Inter, quando il secondo anello verde dello Stadio Meazza verrà occupato dai ragazzi di Don Rigoldi per il progetto “Io tifo positivo”.

In attesa degli eventi, Ladycalcio propone di cominciare a cambiare il soprannome della Juve: per favore, non chiamatela più “Signora”.

Annunci

20 Risposte to “Juventus: non chiamatela più “Signora””

  1. Tommy said

    RIPETO: JUVE, VERGOGNAAAAAA!!!!

  2. Lancillotto said

    Cobolli è una figura imbarazzante. Altamente imbarazzante. Alla pari di tutta la “nuova” dirigenza juventina. Il resto si commenta da sé.

  3. Rino said

    Apprendo ora che Boniperti ha dichiarato che si è vergognato dei cori razzisti e che al posto di Cobolli non avrebbe fatto ricorso.

  4. Carlotta23 said

    Platini e Abate si svegliano solo adesso? Come al solito in Italia si parla di provvedimenti e di linea dura solo nelle situazioni di emergenza, poi si torna a dimenticarsi di tutto.

  5. Lapidario said

    La madre degli idioti è sempre incinta.

  6. Pazza Inter Amala said

    Una giornata a porte chiuse? Un regalo! Tosel doveva essere molto più severo con quei beceri ignoranti.

  7. Barbie92 said

    Juve vergogna d’Italia.

  8. Magic 8 said

    D’accordo i provvedimenti d’emergenza e i bei gesti simbolici come quello di Don Rigoldi, ma se mezzo stadio urlava cori razzisti, si tratta di cambiare la testa agli italiani. Da che parte si deve incominciare?

  9. Zebra said

    Beh, sul fatto che paghi sempre la Juve non credo che ci sia molto da dire….

  10. Ladycalcio said

    A Zebra:
    Se escludiamo tutto quello che la Juve ha fatto pagare agli altri per anni.

  11. The Night Rider said

    L’equivoco peggiore a mio avviso è confondere i peccati di gioventù che Balotelli commette in campo con le manifestazioni di razzismo. Questo l’aspetto peggiore della faziosità con cui vengono date le notizie sul “caso”.

  12. Cipe64 said

    Ormai non parliamo più di stile. Dire stile Juventus è diventato quasi un insulto.

  13. Spillo 70 said

    Lasciamoli piangere, lasciamoli rosicare.

  14. Oscar91 said

    La Juve è fuori dalla Coppa Italia. Come ha detto Mourinho, quest’anno vincerà zero titoli.

  15. Guappo said

    Anche in Coppa Italia il pubblico juventino si è distinto per gli insulti all’Inter. Poi si lamentano di una giornata a porte chiuse? Quella gente non dovrebbe più mettere piede allo stadio. Date un esempio di fermezza e lasciateli a casa per un po’.

  16. GIULI said

    a Zebra:

    hai ragione, paga sempr la Juve…. ha iniziato qualche anno fa pagando gli arbitri!!!

  17. Renzo said

    Fuori noi e fuori loro dalla Coppa Italia. L’unica consolazione è che per quest’anno non li incontriamo più.

  18. Ciro said

    Almeno stasera il povero Balotelli non ha ricevuto insulti……

  19. Mimmo said

    Adesso avranno di che riflettere su un’altra annata fallimentare!

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: