CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Madama a – 7 nel campionato dei veleni

Posted by ladycalcio su lunedì, febbraio 2, 2009

L’Inter non riesce a matare il Toro, la Juve cade in casa contro il Cagliari e il Milan, grazie alla vittoria sulla Lazio, si porta a – 6 dalla capolista, riproponendosi come seconda forza del campionato. È proprio l’avvicendamento delle due inseguitrici il fatto saliente della 22° giornata, con i nerazzurri costretti al pareggio casalingo dopo giorni di calunnie e di veleni.

100 volte Ibracadabra”, recita uno striscione a San Siro. Ma il numero 8 nerazzurro resta a secco di goal. La sorpresa in nerazzurro è Maxwell schierato sulla fascia di centrocampo, con Santon difensore esterno: “Ieri San Giovanni, oggi Santon”, si legge su un altro striscione (riferito alla festa di San Giovanni Bosco del 31 gennaio, ndr.).

L’unico interista che riesce a infilare la rete avversaria è il jolly Burdisso. Per il resto, l’Inter si mangia tutto il mangiabile. Sereni, estremo difensore granata, para l’imparabile. È un classico dei portieri avversari: contro l’Inter, giocano regolarmente la partita della loro vita. Il forsennato assedio degli uomini di Mourinho, portato avanti nel nevischio del Meazza, resta ancora una volta sterile, alimentando le mie perplessità sulle troppe occasioni create ma non concretizzate dall’attacco (ahimè, altro classico di stagione) in vista dei prossimi impegni europei.

Sta di fatto che la truppa di Mourinho non spicca il volo. Ora, regna ancor più incertezza sull’avversaria numero uno da cui deve guardarsi. Molto più indietro, solito rigoretto alla Roma piagnona della Sig. ra Sensi, staccata di 13 lunghezze.

Saranno contenti quelli che, nel sacro timore che l’Inter si involi, si nascondono regolarmente dietro il pretesto di desiderare un campionato aperto. Per questa domenica, possono mettersi il cuore in pace. Ma cosa escogiteranno alla prossima occasione nel campionato dei veleni?

I toni del dopopartita bianconero, con Ranieri e Cobolli Gigli ai microfoni di Sky, sono sommessi. L’ho sempre sostenuto: per riabbassare la cresta, la Juve ha bisogno di bastonate. Speriamo che il verdetto di Calciopoli ne consegni una buona dose a Luciano Moggi, per ricordare allo smemorato popolo bianconero cos’abbia significato Moggiopoli per il calcio italiano. Tuttavia, il guaio dell’Italia pedatoria è che i misfatti passano velocemente nel dimenticatoio, mentre le calunnie – prime fra tutte quelle contro l’Inter –restano, a beneficio del gregge degli indottrinati.

Chi le crea gioca ad arte sul dovere di cronaca, in nome del quale i media si sentono in dovere/diritto di riproporre le fonti più assurde e calunniose. Non importa che poi si rivelino clamorose bufale: ciò che conta è che rimbalzino sui media, via etere e sulla Rete, per giungere sulla bocca del popolino becero.

Di questa risma, si arriva al punto che un tecnico debba render conto delle sue scelte tattiche alla Procura della Repubblica. Ma per una domenica, come dicevo, la sconfitta della Juve e la bianca nevicata ovattano le polemiche.

Sperando che il sale destinato alle strade di Milano non finisca di nuovo a Torino

Annunci

14 Risposte to “Madama a – 7 nel campionato dei veleni”

  1. Loris said

    La Juve avrebbe bisogno di una doppia lezione: in tribunale e sul campo. Campa di giustificazioni allucinanti sul proprio conto e di processi alle intenzioni altrui e non perde occasione per avvelenare di sospetti i risultati del campo.

  2. Irma said

    La partita contro il Torino è stata entusiasmante per il gioco, ma l’Inter ha buttato al vento troppe occasioni. Anch’io mi preoccupo per la sfida contro il Manchester.

  3. Il Cuchu di Brescia said

    Peccato che Ibra non abbia coronato la centesima partita in nerazzurro con una segnatura.

  4. Charlie said

    Si era proposto a Zanetti di cedere a Zlatan la fascia di capitano per la sua partita numero 100. Sarebbe stato un bel gesto.

  5. Angelillo said

    Secondo me il problema dei gol mangiati dall’Inter nasce dal modulo di centrocampo, troppo caotico. Gli schemi sono incerti e la manovra è affidata a uomini sempre diversi che cambiano posizione troppo di frequente.

  6. Alex said

    La Roma senza rigori non va proprio avanti. E hanno pure il coraggio di lamentarsi.

  7. Pierino said

    San Giovanni, Santon… ma un santo che ci tiri fuori dagli scandali del calcio?

  8. Mauro said

    Moratti gli ha comprato tutti i giocatori che voleva. Stasera abbiamo sfoltito la rosa in extremis cedendo Dacourt e Quaresma. Se adesso i risultati non vengono bisogna sfoltire lui, il mister!!!!!

  9. Magic 8 said

    FORZA IBRA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    100 ANNI DI GOL E DI VITTORIE CON L’INTER!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  10. Evinrude said

    La Juve ormai ha passato tutti i limiti. A Torino il sale manca soprattutto nelle zucche di chi continua a difenderla.

  11. Chicco said

    Via Quaresma, in castigo Balotelli, fuori Crespo e sempre in bilico Adriano. Se non ci pensa Ibra chi li fa i gol all’Inter?

  12. Mafalda said

    Prendere Quaresma e darlo via dopo un paio di mesi è stato l’errore più grosso di Mourinho. E dire che lo conosceva già, ma forse non ha capito che nell’Inter non andava bene per il suo schema.

  13. Arro said

    JUVE VERGOGNAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!

  14. Ade said

    Anche quel silenzio ostinato con i media non depone bene. Sembra che il ragazzo si sia chiuso in se stesso. E l’Inter?

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: