CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

MATERAZZI: OPERAZIONE EROE

Posted by ladycalcio su lunedì, dicembre 15, 2008

Quando si dice i casi della vita.

Esce il mio pezzo “Perché non credo più alla sindrome compartimentale di Materazzi” e un millimetrico destino, per mano del primo Rosenberg che passa il convento, rispara a salve il Guerriero-Pollicino nell’Olimpo degli eroi: testardo, coraggioso, indomito e stoico al punto di disputare oltre mezz’ora di Werder Brema-Inter con uno… zigomo rotto.

Materazzi operato, Materazzi operato, Materazzi operato” incalzano TV, giornali e siti Internet.

Alla mano del destino si aggiunge, il giorno dopo, quella di Andrea Elefante: “È stata questione di centimetri se Matrix non ha rischiato la lesione del timpano o addirittura una pericolosissima contusione parietale”, scrive sulla Gazzetta dello Sport .

Non rischia il Sito Ufficiale dell’Inter, che nel bollettino medico più stitico della sua storia, informa di un “intervento di riduzione della frattura all’arco zigomatico destro” “terminato da pochi minuti”. Sono le 14.37:55 di mercoledì 10 dicembre e Matrix ha ormai espletato le formalità per riavere la patente di eroe. “Nel pomeriggio era già a casa”, riporta trionfalmente Elefante guardandosi dall’avventurarsi nei meandri anatomici.

CACCIA ALL’ERRORE

Nella mattinata post-intervento, “Pierino sempre in piedi” è già ad Appiano a palleggiare. Le leggende come lui obbediscono a leggi soprannaturali, che risparmiano loro placche metalliche, viti, mezzi di osteosintesi e … addirittura la tricotomia (rasatura) della basetta nella zona da operare.

Matrix conferma la sua leggenda venerdì, esibendo alle telecamere di Inter Channel una guancia immacolata, immune da qualsiasi flogosi post-operatoria e da ematomi sottocutanei da microsonde chirurgiche, con la pelle liscia e chiara come quella di un bambino. Esaltando le tecniche microinvasive della moderna chirurgia, il servizio fa notare ciò che viene definito un “piccolo forellino” da incisione chirurgica nella regione zigomatica: un “puntino” situato a pochi millimetri da … una basetta di più giorni (!!!), che spunta traditrice da sotto il berrettone con il n° 23. Sottigliezze che sfuggono ai più.

Si tranquillizzino le fans: a parte quel minuscolo puntino, il viso di Marco è intatto; via la speciale mascherina con cui si allena, dell’operazione non gli rimarrà neppure il ricordo.

SANTO SUBITO!

Secondo la Gazzetta, di certi rischi “ci si rende conto sempre dopo”. Il “prima” delle immagini TV da Brema mostra un Materazzi che più che dolorante allo zigomo mi sembra morso dalla tarantola, impegnato com’è a divincolarsi e ad imprecare contro arbitro e avversari. La sua vitalità prorompente inganna evidentemente i sanitari nerazzurri (che in Inter-Juve del gennaio scorso, dopo un episodio simile, si erano precipitati a medicargli il volto per poi toglierlo dal campo a scopo precauzionale): da casa, non scorgo neppure che si interessino al suo zigomo. Tentano soprattutto di calmare Matrix e di accompagnarlo a bordo campo, dove leggo dei labiali riferiti alle disposizioni tattiche. In barba allo “sfondamento della zona zigomatica” diagnosticato dal Dott. Combi a fine partita, il “fachiro”, continua ad incornare palloni di 450 g, e a porgere ai colpitori di testa avversari questa e l’altra guancia. Santo subito!

UN GIOCO DIVERTENTE

I “numeri” di Marco mi attizzano talmente, che decido di giocarli al lotto. Antica Smorfia Napoletana alla mano, traduco in cifre tutto ciò che l’ha riguardato di recente, a cominciare dal mio articolo. Ne esce un bel…. quarantotto!!!

______________________________________________________________________________________

NUOVA SINDROME

Elefante ha ragione. Di certi rischi, ci si rende conto sempre dopo. Vale anche per quando, al posto del pallone, si “prendono a calci” le persone, stimandole poco intelligenti e commettendo clamorosi autogoal.

Peggio poi se la persona, come nel mio caso, è un centravanti di sfondamento molto abile su contropiede, per di più affetta da “Sindrome del Difensore Campione del Mondo” (SDCM), malattia rara con violente fasi acute annuali: lo scorso anno Fulvio Collovati e la censura, e ora, Marco Materazzi e “Il Ritorno del Guerriero”.

Se poi penso che dal mio viso di fanciulla rasarono senza tanti riguardi l’intero sopracciglio per una semplice medicazione, mi sento cogliere dal raptus di radere a Matrix quel basettone impertinente. Diamine, un po’ di par condicio!

Tutta invidia? Sarà, ma che mi accadrebbe se in un futuro testa a testa con Chiellini Campione del Mondo 2010 rimediassi lo sfondamento della zona zigomatica con slivellamento dei margini orbitari, limitazione dell’apertura orale, ecchimosi periorbitaria, emorragia subcongiuntivale e diplopia (visione doppia)che mi facesse vedere in campo due Materazzi? Da comune mortale, chi mi salverebbe da un intervento chirurgico di 2-3 ore in anestesia generale, con accesso orofaccciale e innesto di placche, viti e tessuto osseo autologo per la stabilizzazione dei monconi di frattura? Chi mi risparmierebbe uno stop di un mese dall’attività sportiva a causa dei microtraumi da impatto sul terreno, un faccione tipo ascesso e un cerotto medicato per difendere dallo Staphylococcus aureus la mia povera guancia, destinata ad assumere, a rotazione, tutti i colori dell’arcobaleno?

Chissà se presso le strutture cliniche della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia avrebbero una soluzione chirurgica-lampo anche per la mia SDCM. Ma per par condicio, con ricovero d’urgenza, nel momento topico, con l’ebbrezza di un viaggio nella notte a Pavia, lontano da occhi indiscreti, con indagini strumentali e intervento immediato, senza “ampie incisioni chirurgiche” a lasciarmi brutti ricordi, con un recupero da wonderwoman e la successiva chance di un incontro ravvicinato del terzo tipo, da leonessa fighissima, con qualsiasi difensore iridato…

Sempre che i Prof. Combi e Benazzo abbiano ancora la benevolenza di farmi l’anestesia…

RITORNO IN CAMPO A SIENA?

Sabato 13 dicembre, il Sito Ufficiale di FC Internazionale pubblica una foto che ritrae Materazzi in allenamento con la mascherina, con la didascalia: “Matrix non si ferma mai: una maschera e via…”. Ma è già Carnevale?

In TV riappare il profilo di un Materazzi dagli occhi spauriti, che ora fuggono i miei anche dal teleschermo. D’ora in poi, nel farsi la barba penserà a me.

Contro ogni apparente logica, Arlecchino è annunciato in campo per Siena-Inter di sabato 20 dicembre. Povero Mourinho, lui così prudente. Come gli toccherà giustificare di preferire un uomo operato 9 giorni prima, con una frattura non ancora saldata, ai titolari fissi Cordoba e Samuel, al jolly Burdisso, al rientrante Chivu e all’alternativa Cambiasso? Non sto più nella pelle di saperlo…

A meno che i casi della vita, puntualissimi alleati dell’uomo mascherato, non giungano un’altra volta in suo soccorso. Un improvviso attacco febbrile per Cordoba? Un risentimento muscolare per Samuel? Una sindrome dissenterica fulminante per Burdisso?

Confesso che mi sto divertendo un mondo. Mi sto accomodando sul divano per la visione, sabato prossimo, di un film già visto e a cui sono molto affezionata. Una pellicola in quattro tempi intitolata “Operazione Eroe”: meglio dell’ultimo 007. Il nostro eroe dapprima resiste stoicamente al fuoco nemico, per poi soccombere al dolore. Scampato il pericolo, dopo aver tenuto tutti con il fiato sospeso, e rimesso in sesto a tempo di record con tecniche marziane, Matrix ritorna, come Rambo, a “randellare” avversari e nemici , come se nulla fosse accaduto. Con una maschera di grandezza dietro cui celare paure e debolezze, ostentandosi leone.

Non cambiate canale, restate con noi…

Annunci

33 Risposte to “MATERAZZI: OPERAZIONE EROE”

  1. Lancillotto said

    Cambiate almeno il copione, già che l’attore è sempre lo stesso!

  2. Evinrude said

    O almeno rasategli il basettone prima di mandarlo in scena!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Silvia said

    Credo che l’eroismo stia di casa da tutt’altra parte. Scendere in campo con una frattura non saldata sarebbe un atto di incoscienza da parte di Matrix, mandarcelo screditerebbe del tutto lo staff medico dell’Inter,che già non mi pare molto credibile.
    Non capisco tutta questa montatura.

  4. renato22 said

    Materazzi ha davvero rotto le scatole! Ma chi se ne frega di lui? Penso che anche Mourinho abbia smesso di aspettarlo o di puntare su di lui. Prima l’Inter se ne sbarazzerà meglio sarà per l’immagine dei nerazzuri.

  5. Bracco said

    Renato, l’immagine dell’Inter la fanno gli ignoranti che gli hanno messo in piedi questa cosa… lui è un disperato.

  6. Matteo59 said

    Con tutta la sofferenza vera che c’è negli ospedali:

    VERGOGNATEVI TUTTI QUANTI!!!!!!!!!!!!!

  7. Ivano said

    Cara “monica”

    suvvia, arriva il Natale anche per i bimbi, perdona chi non ti ha salutata e mettici una pietra sopra.
    Con “affetto”.

    Ivano.

  8. giovanni said

    Salve, ammesso e non concesso che sia vero tutto ciò che scrive, noto una “punta” di cattiveria non giustificata da un mancato “ringraziamento”. l’ho sempre letta con piacere ma devo dirle che ultimamente i suoi post stanno prendendo una piega stucchevole. ci parli un pò di calcio, sinceramente della sua diatriba con materazzi non mi e credo ci interessa molto.
    un saluto da chi la legge(va) con molto interesse

  9. ladycalcio said

    A Ivano:

    Non che io voglia meritarmi a tutti i costi il “carbone” da Babbo Natale. Il guaio è che chi mi ha pesantemente offesa con le sue parole e i suoi comportamenti non sta facendo assolutamente nulla per farsi perdonare…

  10. ladycalcio said

    Caro Giovanni,

    Lei è un lettore un po’ disattento, sempre che sia vero che mi legge da molto tempo. Rilegga il tutto con più attenzione e forse capirà che la “diatriba” non è nata soltanto da un mancato ringraziamento, ma da parole, toni e comportamenti con cui Matrix mi ha profondamente offesa, negandomi l’opportunità di un incontro chiarificatore a quattr’occhi su risvolti molto poco chiari della vicenda. (Essendo il nostro scambio di parole avvenuto a livello personale, comprenderà che non intendo rivelare di più in proposito).

    Il motto di “Calcio e Parole” è emblematico della linea editoriale del blog: “Altre parole sul calcio”. E fedelmente al proposito, ho colto l’occasione per scavare nei risvolti medici e tecnici del calcio (del calcio, appunto) che sfuggono ai più: lettori e mezzi di informazione. Matrix mi ha offerto ripetuti spunti per farlo.

    Si tratta chiaramente di una linea impegnata, da blog “di nicchia”, destinata a lettori preparati, che infatti mi sono sembrati coinvolti dalla vicenda e non mi hanno fatto mancare la loro approvazione e il loro sostegno.

    Di “stucchevole” non ci trovo proprio nulla. Se con tutto ciò Lei preferisce i soliti commenti nazionalpopolari da Bar Sport, è liberissimo di muoversi diversamente nella Rete. Io non trattengo nessuno.

  11. Tiziano said

    Più che tagliare la basetta a Matrix, bisognerebbe tagliar la testa agli artefici di questa messinscena.

  12. Patrick said

    So che prima di un intervento chirurgico si depila la zona da operare. È una questione di igiene, serve per evitare le infezioni e per rendere la parte accessibile ai ferri del chirurgo e per applicare poi meglio la medicazione. Accadde anche a me un paio di ani fa, quando mi tolsero chirurgicamente un neo dal mento. Non sono abbonato a Inter Channel quindi non ho visto le immagini che dici. Non so cosa pensare né mi sbilancio, solo mi chiedo se, nel caso, com’è possbile che nessuno ci sia arrivato fra tutti i medici e i luminari attorno al giocatore, dato che mi sembra una cosa così elementare.

  13. Silvestro said

    Ladycalcio, sei meglio di Sherlock Holmes! Che occhio! Come fai a notare al volo tutti quei particolari?

  14. Monster Man said

    Chi è Materazzi l’ha dimostrato ancora una volta domenica con quella felpa oscena. Cosa t’aspettavi da uno così?

  15. Rossonero forever said

    Cara ladycalcio,

    Mi conosci ormai, ti ho già scritto tante volte.Ti leggo da quando ti scandalizzavi dello striscione osceno di Ambrosini contro l’Inter dopo la Champions vinta e perchè il Milan era una società che si permetteva di insultare gli avversari. Che mi dici ora della felpa di Materazzi con dietro la scritta “Noi siamo noi gli altri non sono un c***o”? E’ questo il grande stile Inter, e glielo lasciano fare, a quello che tu hai chiamato bandiera dell’Inter? Non è che forse si deve tenere su la maschera per nascondersi la faccia, sempre che sappia ancora cos’è la vergogna? Siccome vedo che di questo non parli, non è che stai schivando l’argomento perchè è troppo scomodo? Abbi il coraggio per favore di dire chiaramente cosa pensi anche di questo. Grazie.

  16. ladycalcio said

    A Rossonero Forever:

    Ciao, certo che mi ricordo di te – e credo di averti sempre dato spazio, anche se abbiamo spesso idee diverse. Non credo invece che tu possa attribuirmi mancanza di coraggio (!!!)nell’affrontare i temi.

    È presto detto: hai ragione. Premetto che ora non voglio accanirmi contro Matrix per partito preso, ma è lui ad offrire il fianco alle critiche con certi comportamenti discutibili. Questo insulto, a chiunque sia rivolto, è uno schiaffo ai valori e all’etica sportiva, oltre che un pessimo esempio per tutti (anche per i suoi stessi figli…). Il fatto poi di essere considerato una “bandiera”, amplifica la portata dell’esempio negativo. Vero anche quanto dici sull’Inter: una Società seria non dovrebbe permettere ai suoi dipendenti simili gesti antisportivi – meno che mai di sfruttarli a scopo di merchandising.

  17. Ciro said

    Sono un grande tifoso di Matrix. Non metto in dubbio la tua preparazione, ma non riesco a accettare che i due episodi siano andati così. Mi sembrerebbe anche impossibile organizzarli. Comunque ti prego di pubblicarmi lo stesso perché vorrei augurargli di tornare presto in campo e un 2009 di nuovo in forma. Ciao da Ciro.

  18. Silvana said

    Materazzi, sei in caduta libera: sempre più in basso! Non avevi un modo migliore di questa messinscena e di quella felpa volgare per attirare l’attenzione che non hai più in campo? E ti ritieni ancora una persona credibile?

  19. Pia nerazzurra said

    Se fosse veramente un grande ammetterebbe di aver sbagliato e ti chiederebbe scusa. Il coraggio vero è questo, tutto il resto è una mascherata.

  20. Kobra91 said

    Perché, l’Inter e il suo staff medico sono ancora credibili? Ma dove sta una cosa del genere? Nè in cielo né in terra sta! La basetta non tagliata vicino a un’incisione chirurgica, uno che esce operato dall’ospedale e si mette a correre in maschera… ma ce l’hanno il senso del ridicolo questi? Buffoni tutti quanti!

  21. Cinzia said

    Mandatelo a lavorare!

  22. Dino said

    gentile signora, ho letto finora i suoi articoli, divertendomi ed essendo molto spesso d’accordo con le sue analisi ma, mi perdoni, non le sembra adesso di esagerare? può darsi che lei abbia subito un torto ma credo che ne stia facendo una questione di stato. sono convinto che, se potesse, scatenerebbe l’inferno, come massimo decio meridio, contro il povero matrix. sia…signora, e anche marco, che è un ragazzo sensibile, capirà di non essersi comportato bene. con simpatia… buon natale

  23. Dino said

    cara lady e rossonero forever, questa è solo per dirvi che la frase sulla felpa di matrix è una frase famosa tratta da “il marchese del grillo”. un pò più di ironia non guasterebbe, neanche a voi. con simpatia

  24. ladycalcio said

    Caro Dino,

    Per mia fortuna, nessuno mi ha ancora messo la fede al dito. Con i tempi che corrono… Ma pur non essendo il calcio uno sport per “signorine”, reggo egregiamente il confronto…

    Battute a parte, sarebbe simpatico che i lettori affezionati come Lei (e come Giovanni) si facessero vivi almeno una volta anche quando sono d’accordo con le mie analisi – e non solo per dissentire.
    Non si tratta di una “questione di stato”, ma di osservazioni approfondite sugli avvenimenti.

    Riguardo alla felpa, non confonderei l’ironia con il buon gusto. Né il Marchese del Grillo mi sembra un esempio di stile.

    Quanto al “Gladiatore” Massimo Decimo Meridio, nella cui parte Lei mi cala, è stato proprio Matrix a gettargli il guanto di sfida, imputandogli un clamoroso “autogoal” e … poca intelligenza. Chissà se alla luce delle mie analisi il “Guerriero” si sarà ricreduto… E chissà se nel frattempo avrà infilzato con la lancia i brillanti strateghi che gli hanno consigliato questa tattica suicida… Come mi piacerebbe saperlo!

    Le “ostilità” sono proprio frutto dell’assoluta mancanza di sensibilità dimostratami, che mi ha profondamente addolorata e al tempo stesso indignata. Con tutto ciò, se il “povero Matrix” fosse davvero rincresciuto (e non soltanto intimorito da me, questo è il punto), avrebbe mille modi di “chiedere l’armistizio” e di dimostrare coraggio, riproponendosi, senza maschere, in chiave più umana e sincera. Sa benissimo che la mia ultimissima intenzione era quella di “scatenargli contro l’Inferno”.
    Ricambio gli auguri di Natale.

  25. Pasquale said

    Mah, ci capisco sempre meno.

  26. giovanni said

    ho premesso nel mio post che ho sempre letto con attenzione e soprattutto assenso i suoi articoli ritenendoli molto interessanti e competenti, con questo non vuol dire che non la si può criticare.
    Ripeto, a mio parere mi sembra un tantino esagerata la questione, ma essendo io non a conoscenza dei fatti posso sbagliare.
    non si risenta se qualcuno dissente da lei, pensi che noia se tutti dicessero sempre “si, ha ragione la penso anche io così”.
    Ne approfitto per fargli i migliori auguri di Natale.
    Un saluto

  27. giovanni said

    ops farle i migliori auguri…..

  28. ladycalcio said

    A Giovanni:

    Se tutti mi dicessero: “Sì, ha ragione, la penso anch’io così”, il blog suonerebbe falso e i lettori mi rimprovererebbero di pubblicare solo i commenti che mi fanno comodo. Non farei una bella figura, proprio io che non risparmio critiche a nessuno e me la prendo con la censura… Ecco perché non mi risento affatto e pubblico senza problemi anche i messaggi dissenzienti (naturalmente, a patto che siano formulati civilmente come i Suoi).
    La mia osservazione era riferita unicamente ai lettori di lunga data che mettono mano alla tastiera SOLTANTO quando disapprovano…

    Ricambio di cuore gli auguri di Buon Natale.

  29. Alpha89 said

    Poca intelligenza? Alla faccia! Materazzi dovrebbe solo vergognarsi e chiederti scusa, altro che critiche e esagerazioni. Se fosse soltanto un briciolo uomo, l’avrebbe già fatto. Coraggio e grandezza si dimostrano così, non prendendo a calci un pallone con la maschera.

  30. The Hacker said

    Eh eh, non l’ha mica mandato in campo il Mou dopo questo articoletto tagliente… chissà se altrimenti ce l’avrebbe spedito…(ho paura di si…) ladycalcio, non è che gli hai rovinato la festa in maschera di fine anno al Matrix?

  31. Attilio said

    A che gioco giochiamo, all’allegro chirurgo? A quando il “ginocchio della lavandaia”?

  32. Cicciobombo_77 said

    Eh, certo che è tutto molto strano. Direi sempre peggio. Quest’anno Materazzi non gioca praticamente più. Continuano a fargli complimenti e a lasciarlo in panchina. I suoi tempi di ritorno dagli infortuni sono sempre strani. Sembra che recuperi all’istante dopo gli interventi chirurgici delicati e sta fuori per intere settimane dopo i risentimenti. E intanto non gioca.

  33. Piccirillo said

    Bionico Matrix! O De Rossi non è un eroe?

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: