CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

BALANZONE SMASCHERA IL DIAVOLO ROSSONERO

Posted by ladycalcio su lunedì, settembre 1, 2008

Campagna acquisti stellare, “Trio delle Meraviglie” e tre Palloni d’Oro in prima linea: ci voleva il Dottor Balanzone, maschera bolognese, per smascherare le frottole del Diavolo meneghino e per diagnosticarne le “magagne”.

A dire il vero, il Club più titolato del Mondo qualche colpetto l’aveva già perso nel precampionato, culminato con le 5 pappine rimediate dal Chelsea e condito dalle batoste contro il Siviglia, il Manchester City e lo Sporting de Gijon, oltre che dallo 0 – 0 contro la Cremonese.

L’ultima sconfitta d’esordio dei rossoneri in campionato risaliva a 22 anni or sono (Milan-Ascoli 0-1 del 14 settembre 1986, goal di Barbuti). Certo, è presto per trarre delle conclusioni. Così come troppo presto la sponda rossonera del Naviglio aveva brindato, sabato sera, alla mancata vittoria dell’Inter di Mourinho a Genova.

La stessa facilità all’entusiasmo aveva illuso che il sorriso di Ronaldinho e il ritorno del mercenario Shevchenko potessero fungere da panacea per tutti i mali di una squadra in caduta libera. Non me ne vogliano gli appassionati rossoneri, ma lo sostengo sin da prima della fortunosa vittoria di Atene ’07, canto del cigno di una compagine già in netta parabola discendente: il Diavolo ha intrapreso da un bel pezzo il ritorno agli Inferi. Maestro dell’inganno, l’ha nascosto subdolamente abbagliando la schiera dei suoi irriducibili con lo scintillio degli ultimi ingannevoli trofei.

C’è chi queste cose non le vede e chi non le vuole vedere. “Non se l’aspettava nessuno”: queste le parole di Carlo Pellegatti nel suo servizio odierno a StudioSport (Italia 1). È anche il caso dei numerosi tifosi che hanno voluto illudersi sulle vere ragioni del ritorno di Sheva, accolto all’aeroporto come il Messia: un ritorno da panchinaro disperato a fronte dell’addio da mercenario che tutti ricordiamo.

O meglio: tutti, meno i tifosi rossoneri, che vuoi per la nota labilità di memoria, vuoi anch’essi per disperazione, hanno già dimenticato i “rancori insanabili” suscitati in loro dall’ucraino all’epoca dell’ignominioso abbandono.

E se il Dottor Balanzone è impotente contro tali amnesie, ha pur sempre messo sulla sua “balanza”, (la bilancia, appunto) le miserie rossonere, che toccano, ahimè, tutti i reparti: le papere di Kalac e Dida in porta, i “numeri” della difesa, la mancata intesa a centrocampo, la pochezza in fase di realizzazione. Balanzone si è così fatto giustizia sui troppi “camminatori” rossoneri che vagano per il campo, sui chiletti di troppo di Pato, sul vuoto lasciato da Kakà, punto di riferimento della squadra alle prese con un ginocchio che fa le bizze.

Pellegatti si consola tessendo le lodi di Ronaldinho, autore di “31 passaggi, 15 cross e 6 assist” -comunque non sufficienti per aver ragione, in casa propria, del Bologna – e afferma che “vedere giocare Ronaldinho regala le stesse emozioni di un parco di divertimenti”.

Buon divertimento, Milan!

28 Risposte to “BALANZONE SMASCHERA IL DIAVOLO ROSSONERO”

  1. rettilineotribuna said

    la domanda su Ronaldinho nasce spontanea: ma ha una paresi o ride sempre di suo???🙂

    scherzi a parte vedremo nelle prossime due partite di che pasta sarà fatto questo Milan. Sono convinto che la sconfitta sia stata abbastanza casuale e se rigiocasse altre mille volte questa partita non perderebbe. Più che altro non ricordo un Milan sbagliare così tante palle goal.. ma perchè Inzaghi tutti i Derby i colpi di testa gli vanno negli angolini e ieri in bocca ad Antonioli?

    Un saluto
    Rettilineo

  2. Renato said

    Già che siamo in tema di CARNEVALE…
    Forse Ronaldinho porta semplicemente una MASCHERA… Il Milan? Tutte CHIACCHIERE, ah ah!!!

  3. Manuel said

    Bravo Balanzone, prima sconfitta del Milan e subito si rafforza quel “l’avevo detto io che il Milan…”, non analizzare mica la partita, passa subito alle accuse al mercenario, che noi milanisti chiamiamo “figliol prodigo”, ai portieri (Dida e Kalac) quando ha giocato Abbiati e poi punta il dito sulla solita vecchia difesa; i chili di Pato quelli li hai visti solo tu e forse Dunga!!. Io ho visto una partita giocata molto bene, da un milan che fino a domenica non aveva mai provato soluzioni d’attacco con i vari Ronaldinho Shevchenko Inzaghi e Seedorf, creando 5 nettissime palle goal. E l’1-2 come viene fuori? Beh l’abbiamo vista tutti, due tiri due goal, due in schedina.
    Vorrei solo che la critica da distruttiva diventi propositiva, quindi è giusto criticare la sconfitta ma magari si potrebbero cercare le attenuanti, che non sempre vanno lasciate per difendersi dall’attacco della stampa, a volte servono per trovare le vere cause dell’insuccesso.
    Lasciamo lavorare questo nuovo gruppo e poi in caso di fallimento…….tutte le critiche sarranno valide!

  4. ladycalcio said

    A Manuel:

    Il mio “l’avevo detto” rischia ormai di diventare inflazionato: leggi dunque i miei precedenti articoli sul Milan (che tanto scalpore hanno suscitato)e troverai tutte le analisi che cerchi. La mia critica più propositiva ai rossoneri, purtroppo, ossia l’esortazione a vedere e ad ammettere il lento e progressivo declino della squadra al di là dell’illusorio metallo messo in bacheca, non è mai stata accolta.
    Sheva un “figliol prodigo”? Prodigo sì, ma di soldi e di bugie propinate ai sostenitori con la memoria corta!
    La critica ai portieri non si riferiva a Milan-Bologna (in effetti, Abbiati mi sembra il “meno peggio” dei tre)ma esemplificava “le miserie che toccano tutti i reparti rossoneri” (vedi i numeri di Kalac contro il Chelsea!). I chili di troppo di Pato li ha visti bene anche Ancelotti, come sottolineato da Stefano Joni Scarpolini, che a StudioSport del 28- 8 parla dei “chiletti di troppo messi su da Pato durante il soggiorno olimpico”. Un Pato spedito in panca dallo stesso Dunga…

  5. Gildo said

    Forte il paragone con le maschere e giusta l’analisi sulla mentalità un pochino distorta dei milanisti. Anch’io credo che debbano farci il callo a non essere più la prima della classe. Sono una squadra mediocre da ricostruire completamente, pochi innesti non bastano neanche se sono di nome.

  6. Manuel said

    Visto che continuate sulla stessa lunghezza d’onda facciamo un analisi dei campioni in carica.

    Prova incolore dei nerazzurri del “professore” Mou che demeritano di andare in vantaggio per il goal viziato dalla netta mano di Ibrhaimovic, 4-4-2 classico, poche palle goal, centrocampo non esaltante e attacco lasciato alle sole invenzioni dello svedese. Mancini non incide sulla fascia e Mou lo sostituisce con Balotelli, Figo non è eterno e probabilmente verrà sostituito da Quaresma…..sarà lui il nuovo salvatore?

    Il Milan non avrà fatto una gran bella figura perdendo la prima di campionato, ma noi tifosi non ci siamo affatto annoiati, anzi il famoso calcio spettacolo che è l’essenza della squadra si è intravisto varie volte con le giocate di Ronaldinho e le discese di Zambrotta.

  7. ladycalcio said

    a Manuel:

    Altro vecchio vizio dei sostenitori rossoneri: in mancanza di argomentazioni, rispondere alle analisi critiche sul Milan attaccando… l’Inter. Meglio ancora, aggrappandosi a presunti favori arbitrali nei confronti dei nerazzurri (mano in ogni caso ininfluente sulla traiettoria del pallone, quella di Ibra, sempre ammesso che di mano si sia trattato…o vogliamo ricordare Pippo manolesta nella Finale di Atene?)
    Mancini sulla fascia mi è sembrato incidere eccome. Ti do invece ragione su Figo (punto già sottolineato su questo blog). Infine, non credo che sia l’Inter ad aver bisogno di un “salvatore”…

  8. Alessio olandese said

    a Manuel:

    senti un po’, questo e’ uno dei pochi siti in cui si puo’ leggere un’analisi imparziale riguardo al calcio italiano.

    Se non ti piace, vai a leggere qualsiasi altro giornale schierato a favore del Milan. Oppure vai su TGCOM, dove il Milan e’ una famiglia felice, Shevchenko e’ il figliol prodigo, dove Ibra col ginocchio ballerino e’ “DRAMMA INTER” (mentre l’identico ginocchio ballerino di Kaka’ passa inosservato), dove Adriano e’ un balordo che fa (faceva) feste a raffica (mentre Ronaldo era un santo perche’ del Milan).

  9. Manuel said

    Non voglio attaccare l’Inter è che ci si stava riferendo al Milan come se dopo la prima di campionato fosse già in serie B, quindi ho tirato fuori l’analisi di Sampdoria-Inter perchè e l’unica partita dopo quella del milan che ho visto per intero mi è sembrato che apparte il risultato, di problemi di gioco ne ha più l’inter del milan in questo momento. Per quanto riguarda la mano “ininfluente sulla traiettoria del pallone” di Ibra, come si può giudicare ininfluente se con il braccio stoppa un pallone che non avrebbe preso? E poi che c’entra e soprattutto quale mano hai visto ad Atene? Per caso la spalla di Pippo colpita da Pirlo su calcio di punizione? Ma non fatemi ridere dai…….

  10. ladycalcio said

    A Manuel:

    Con il braccio stoppa il pallone? Non l’ha dimostrato neppure la moviola…
    Sul mano-braccio di Pippo, vedi il fotogramma che ho pubblicato insieme all’articolo “Milan-Liverpool, ingiustizia è fatta”, il famoso pezzo censurato. Nota che Superpippo, all’epoca, affermò di aver colpito il pallone di testa.

  11. Manuel said

    A Ladycalcio:

    Io ho visto la partita e Ibra stoppa con il braccio….la moviola la lascio a quelli che seguono biscardi. Come puoi giudicare la mano di Pippo contro il Liverpool che il pallone ha colpito la spalla e Inzaghi neanche ha visto la palla partire? E’ stato un goal fortuito ma non irregolare….mi cadono le braccia a sentire recriminazione su una coppa strameritata dal Milan.
    Penso che state buttando fango sul Milan solo per demoralizzare l’ambiente, perchè obiettivamnete io da tifoso juventino, interista romanista ecc.. direi solo che il milan ha un grandissimo potenziale, tutto stà è vedere se riuscirà ad amalgamare tutti i fuoriclasse che ha in rosa.
    Penso che la vostra sia una paura preventiva o forse premonitiva!!!

  12. ladycalcio said

    A Manuel:

    L’obiettività non mi sembra esattamente il punto forte dei sostenitori del Milan. Come andrà, lo dirà il tempo. Quanto alle “premonizioni” in chiave rossonera, ti rimando all’articolo “Milan Campione d’Europa 2007: fu vera gloria?”

  13. Manuel said

    A Ladycalcio:

    “Milan Campione d’Europa 2007: fu vera gloria?”

    ———-SI————

    L’articolo è condito da nozioni storiche che fanno sempre piacere ricordare (anche se manca il Milan di Sacchi, che secondo il World Soccer è la quarta squadra del Mondo di tutti i tempi, l’unico club, dietro Il Brasile di Pelè del ’70, L’Ungeria di Puskas del ’50 e L’Olanda di Johan Cruyff ’70) solo che leggendo sembra che la champions 2007 sia nella bacheca di via Turati unicamente grazie a qualche divinità dell’olimpo dedita ai colori rossonieri. Che sia Afrodite, dea della bellezza? Può essere, io personalmente sono rimasto estasiato dalle giocate dei ragazzi;
    che sia Eracle? Rivedendo le fatiche che Ancelotti e compagnia hanno dovuto affrontare non mi sorprenderebbe; oppure fu Apollo, che al di là dei giochi di parole, ispirò i precisi arceri rossoneri che dardo dopo dardo sconfissero tutti gli avversari fino all’ascesa verso l’olimpo di Atene. La Coppa ha illuminato la bellezza espressa dal Milan nelle fasi eliminatorie, conquistate a stento ma pur sempre raggiunte e sinceramente nessuno può lontanamente macchiare la “champions degli eroi”. Dici che non dovevamo farla? Se accetti la decisione di vincere uno scudetto assegnato dalla giustizia, devi accettare l’ammissione, della stessa giustizia, del Milan ai preliminari. La voce – infortuni degli avversari- non merita risposta, serve solo come alibi di chi rosica.

  14. ladycalcio said

    A Manuel:

    Grazie a nessuno dei tre: di Afrodite manca al Milan la bellezza, di Eracle (o Ercole) la forza. Quanto ad Apollo, celebre per le sue profezie, venne soppiantato da Ladycalcio (guarda un po’ che beffa, proprio in casa sua!)poco prima di Atene ’07. Come ho spiegato esaurientemente nell’articolo, la Champions rossonera ’07 è figlia del dio denaro, ossia di un format a gironi improntato al profitto economico e non ai valori del calcio.
    Il paragone fra lo Scudetto assegnato a tavolino all’Inter non sta né in cielo (pardon, nell’Olimpo), né in terra…

  15. Manuel said

    A Ladycalcio:

    Il paragone è giustissimo perchè fino a che una persona fisica o giuridica, non viene dichiarata colpevole dalla giustizia, non lo è quindi il Milan dato per fuori dalle competizioni europee in un primo momento, è rientrato (non ne è mai uscito) quando si sono accertate le “colpe” che non ci sono state. Hai seguito la vicenda a suo tempo? Io ho anche sentito le telefonate e sinceramente penso che non ci dovevano togliere un solo punto…..e qui non vado oltre.

  16. ladycalcio said

    A Manuel:

    Non è questione di innocenza o di copevolezza: al Milan venne attribuita la responsabilità oggettiva. La vergogna furono i due pesi e le due misure applicati dalla “giustizia” alle diverse squadre e soprattutto i generosi sconti concessi sulle penalizzazioni precedentemente inflitte.

  17. Melvin said

    rettilineotribuna Dice:
    Lunedì, Settembre 1, 2008 a 4:19 pm

    Sono convinto che la sconfitta sia stata abbastanza casuale e se rigiocasse altre mille volte questa partita non perderebbe.

    Un saluto
    Rettilineo
    ________________

    si, anche quella di genova lo è stata?

  18. mario said

    forza milan

  19. mario said

    aspettiamo una calciopoli a nostro favore tra 30 anni e poi vedrete che squadrone, domineremo anke noi per 2 o 3 campionati farsa avremo una rosa di giocatori sterminata e piangeremo ad ogni raffredore di un rincalzo andremo in giro per il globo dando lezioni di BEL GIOCO e di FAIR PLAY. Faremo sembrare i nostri deboli avversari delle corazzate solo per rendere grandi le nostre altrimenti tristi vittorie salvo poi comprare dagli stessi un giocatore ogni anno tanto per stare piu’ tranquilli. Usufruiremo di favori arbitrali quando ce ne sara’ il bisogno magari proprio dagli stessi individui verso i quali avevamo puntato l’ indice qualche mese prima metteremo a capo della federazione un nostro ex dipendente e una volta messe a posto le cose gli daremo un incarico di prestigio in un’azienda amica, compreremo giocatori che a noi non servono ma magari interessano ad altri poi li rivenderemo l’hanno seguente dopo avergli bruciato la carriera solo per il nostro meschino intento…come dite?c’e’ gia’ un copyright per queste cose ????? AH SE SOLO CI AVESSIMO PENSATO PRIMA NOI

  20. ladycalcio said

    A Mario:

    Il copyright è effettivamente del Milan: maestro degli sconti di penalizzazione, dei piagnistei (vedi Avv. Cantamessa a ControCampo), delle vittorie tristi (vedi Supercoppa Europea),fruitore di favori arbitrali (Atene 07), autore di rivendite e riacquisti di giocatori inutili (Shevchenko & Co.) dominatore di deboli avversari (ultime illusorie coppe) e campione di fair play (striscione di Ambrosini, ecc.)

  21. mario said

    1) NON SI TRATTA DI SCONTI MA DI UN SECONDO GRADO DI GIUDIZIO EMESSO DALLE STESSE PERSONE CHE HANNO MESSO IN MANO LO SCUDO DELL’ IKEA ALL’ INTER TERZA CLASSIFICATA A UDITE UDITE -15 DALLA JUVE E -13 DAL MILAN .2) VI LAMENTATE DEI MILANISTI CHE PIANGONO PRESSO CONTROCAMPO & C. MA LO FATE ANKE VOI HO SENTITO PIAGNISTEI NERAZZURRI PER 20 ANNI SUI COMPLOTTI,LE MAFIE DEL PALLONE, O SULLA SFORTUNA,ANKE NEGLI ANNI IN CUI ARRIVAVATE 8° IN CAMPIONATO ANKE QUANDO PIGLIAVATE 6 PERE NEL DERBY,VI RICORDATE CHE DALL’89’ AL 2005 SIETE ARRIVATI SECONDI 2 O 3 VOLTE IN TUTTO O E’ SOLO LA MEMORIA DEI TIFOSI ROSSONERI AD ESSERE LABILE??SONO STATE TUTTE MANOVRE ORDITE DA MOGGI & CO?ANKE PANCEV???CAIO???VAMPETA???? BERGKAMP???ECCC???E’ STATO FORSE GALLIANI CON UNA POTENTE MACUMBA A SPINGERE GRESKO AD UN RETROPASSAGGIO SUICIDA VERSO TOLDO IN UN ASSOLATO POMERIGGIO DI MAGGIO O VE LO SIETE MAGARI ANDATO A COMPRARE IN REPUBBLICA CECA? VI SONO STATI FORSE ESTORTI CON LA VIOLENZA GLI INGAGGI ALLA GUIDA TECNICA DI LUCESCU, CASTELLINI, HODGSON E ALTRI MAGI DEL PALLONE? E VELASCO? 3)NON ERA QUELLA L’IDEA DI VITTORIA TRISTE CHE INTENDEVO MA VA BE’ STRUMENTIALIZIAMO TRANQUILLAMENTE UNA MORTE BASTA CHE QUESTO POSSA NELLE MENTE CONTORTA DI QUALCUNO DAR L’IMPRESSIONE CHE UNA VITTORIA SUL CAMPO POSSA ESSERE MENO PRESTIGIOSA 4)SEMBRA CHE IL MANI DEBBA ESSERE VOLONTARIO PERCHE’ SI FISCHI UN FALLO… COMUNQUE ANDATE A DIRLO A QUELLI DEL PARMA CHE SONO RETROCESSI PER 2 PUNTI PROPRIO QUELLI CHE GLI AVETE SCIPPATO IN QUELLA SCENEGGIATA DELL’ULTIMA DI ANDATA CHE VOI DEFINIRESTE”PROVA DI CARATTERE” 5)SHEVCHENKO MI SEMBRA PROPRIO L’ESEMPIO MENO INDICATO(CLAMOROSO AUTOGOL) INFATTI NON ERA STATO COMPRATO SOLO PER NON FARLO COMPRARE A QUALCUN ALTRO MA PERCHE’ SERVIVA E DIREI CHE SUOI 120/130 GOL (DI CUI UNA QUINDICINA ALL’INTER E 2 EUROELIMINAZIONI DI SUA FIRMA)UNA COPPA CAMPIONI UNO SCUDO UN PALLONE D’ORO E QUALCHE ALTRA COPPA QUA E LA’ POSSANO BASTARE ED E’ STATO RIVENDUTO PERCHE’ A CHIESTO DI ESSERE CEDUTO(GUADAGNADOCI PURE SOLDI) NON CERTO PERCHE’ FOSSE STATO BRUCIATO, POI CI E’ STATO REGALATO E A QUESTO PREZZO CHISSA’ MALE NON PUO’ FARE(MA VE LO RICORDATE QUANTE VOLTE TOLDO L’HA RACCOLTA NEL SACCO DOPO CHE “L’INUTILE UCRAINO” LO AVEVA INFILATO O SIAMO SEMPRE NOI I LABILI DI MEMORIA? 6)SEMBRA ANKE CHE LE ILLUSORIE COPPE RIEMPIANO COMUNQUE LA BACHECA VI DICE NIENTE L’INTERCONTINENTALE?(NO TROPPO TEMPO FA) O LA SUPERCOPPA EUROPEA?(QUELLA PROPRIO MAI VISTA) 7)STRISCIONE DI AMBROSINI VS CAZZOTTI DA SALOON IN EUROVISIONE,PETARDI SU DIDA CON SQUALIFICA E PORTE CHIUSE, LANCI DI MOTORINI,ELEGANTI VAFFA PRESIDENZIALI DALLA TRIBUNA, STRISCIONI SUL COLERA DI NAPOLI, AGGRESSIONI DI MATERAZZI SUL RETTANGOLO DI GIOCO E ANCHE NEL TUNNEL(CON SCUSE DA ASILO SUL TANTO MALFAMATO PALCOSCENICO DI CONTROCAMPO…. QUANDO SERVE E’ BUONO ANKE QUELLO VERO?)HAI PROPRIO RAGIONE QUELLO STRISCIONE E’ VERAMENTE TROPPO PER UNA TIFOSERIA UNA DIRIGENZA E UNA SQUADRA CHE TRASUDANO FAIR PLAY COME QUELLA DELL’INTER 8) GRAZIE ANKE PER AVER IGNORATO IL MIO APPUNTO SU GUIDO ROSSI(P.S. SE LA SIGNORA LADYCALCIO RITIENE OPPORTUNO TAGLIARE ANKE UNA SOLA RIGA PER CONTENUTI CHE RITIENE OFFENSIVI(???) O PER MOTIVI DI SPAZIO LA ESORTO A NON PUBBLICARE PROPRIO NIENTE DI QUESTA MIA RISPOSTA (SE NE PUBBLICASSE SOLO UNA PARTE O PROPRIO NESSUNA AVRO’ LA GRANDE SODDISFAZIONE E LA CERTEZZA CHE QUESTO SPAZIO E’ SOLO UN RITROVO BUONO PER QUEGLI ALLOCCHI AI QUALI SI DICE SOLO QUELLO CHE SI VOGLIONO SENTIR DIRE E CHE LA “VERGOGNA DELLA CENSURA” NON ABITA SOLO A CASA COLLOVATI…….

  22. ladycalcio said

    A Mario:

    Subito smentito, amico! “Calcio & Parole” ti offre democraticamente spazio pubblicandoti 9 dei 16 commenti che hai inviato in 24 ore. Per ragioni di decoro (e di rilevanza penale), la regola del blog prevede tuttavia l’omissione dei contenuti triviali, offensivi, completamente fuori tema, o “di bassa forza”, che ne abbasserebbero il livello. Precisato questo:

    1)La labilità di memoria da parte degli anti-interisti consiste soprattutto nell’aver già dimenticato Calciopoli e le prove inconfutabili (registrazioni telefoniche, ecc) dei danni subiti dall’Inter. Mi fermo qui, tanto non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.
    2)Superpippo dichiarò addirittura che il pallone gli era rimbalzato sulla testa, ma stando alle immagini “censurate” in Italia, lo colpì deliberatamente con l’arto superiore.
    3) Temo che tu abbia equivocato il mio appunto su Shevchenko. Sheva se ne andò dal Milan da puro mercenario ed ora, dopo il fiasco inglese, è tornato all’ovile per ragioni di comodo. Temo che l’autogoal l’abbia fatto il Milan nel riprenderlo.
    4)Non ho mai negato che l’Inter abbia anche avuto delle guide tecniche non all’altezza e che la Società abbia commesso dei grossi errori. Ma aggiungervi Calciopoli, se permetti, è stata tutt’altra cosa…
    5)Hai pienamente ragione sull’episodio del motorino e su alcuni altri che citi in fondo alla tua email. Del resto, questo blog ha ampiamente critcato non solo i “vaffa” di Moratti in tribuna, ma anche il modo squallido in cui l’Inter ha esonerato Mancini.
    Questo spazio è una critica a 360 gradi ed è aperto a tutti, compresi gli “allocchi” che lo criticano prima ancora di leggerlo.

  23. mario said

    MI STA BENE

  24. mario said

    pigliate e portate a casa

  25. Manuel said

    sull’ eBBrezza della vittoria nel derby dico solo:”MARIO DOCET”, e : “A ME MOURINHO STA ANTIPATICO”.
    Basta il fair play con l’inter e alle dichiarazioni di stima e simpatia verso mourinho. Prima del derby dichiarò :”Comunque vada, saremo al 100 % davanti al milan…;ho subito pensato che volesse mettere le mani avanti per un eventuale sconfitta; e poi perchè il Mou tanto osannato dopo la sconfitta contro il savio Carlo non è stato screditato dalla critica? Non mi sembra pari il metodo di giudizio applicato dalla stampa nel osannare mou per nulla mentre poi la stampa dovrebbe “mangiarlo” per la prima vera prova d’esame fallita.

    Adesso torno ad immergermi nella mia d’erbica sbornia, sognando la Maschera “Joker” Ronhaldinho che SovrastA l’ombra del dimenticato Balanzone………sogni d’oro al grande Mario e a tutti i milanisti.

  26. Lancillotto said

    Già dimenticato Balanzone? Alla faccia se siete corti di memoria, voi rossoneri! Infatti non imparate mai dagli errori e quando vi risvegliate dai sogni piombate direttamente negli incubi!

  27. lory said

    Mario, non te l’ha insegnato nessuno che non si scrive in maiuscolo? Nella netiquette equivale ad urlare e con tutte le pirlate che hai scritto, anche se le dici sotto voce non guasta.
    Ma forse parlare della netiquette a uno come te è tempo perso…

  28. mario said

    no non me l’aveva insegnato nessuno……grazie di cuore

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: