CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

MOURINHO: PRIMA VITTORIA E … PRIME BUGIE

Posted by ladycalcio su lunedì, agosto 25, 2008

L’Inter di Mourinho fa sua la Supercoppa TIM, trofeo d’esordio della nuova stagione.

Il Meazza si presenta con il trucco rifatto e i settori ridisegnati (i semicerchi dei primi anelli verde e blu, ora annessi ai rettilinei rosso e arancione, non fanno più parte delle curve) e sfoggia le nuove sfavillanti poltroncine, che cozzano con i vecchi seggiolini scoloriti rimasti nel settore centrale del 1° anello rosso.

La squadra, giunta in anticipo rispetto al solito, mostra la prima rivoluzione nel riscaldamento, più vivace e diversificato. Accorciata la fase iniziale dedicata ai movimenti di snodamento di braccia ed anche eseguiti in gruppo, si passa a un’alternanza fra fasi dinamiche (con sprint, corsa all’indietro, torelli e colpi di testa) e stretching (con pose e “figure di gruppo” spettacolari che dall’alto sembrerebbero degne delle coreografie del …nuoto sincronizzato). È un turbinio di giocatori che occupa l’intera metà campo e culmina nei tiri a rete finali.

Si inizia con il minuto di silenzio e l’applauso in ricordo di Franco Sensi.

Tornando a Mourinho, un po’ di fumo negli occhi non guasta, come conferma il modulo: un 4-3-3 dichiarato che a tratti fa pensare a un 4-3-2-1, a tratti a un 4-3-1-2, ma soprattutto a un team di giocatori un po’ frastornati ancora alla ricerca degli schemi. La prima impressione che ricavo è quella di un gioco a tutto campo portato all’estremo.

Difesa in emergenza, con Cambiasso e Burdisso centrali. Piacevolissima, al centrocampo, la novità Muntari, autore dell’1-0 al 18° del 1° tempo, distintosi per i veloci inserimenti con cui sguscia in area. Il migliore in campo insieme a Capitan Zanetti, instancabile nei dribbling e costretto a rinforzare la fascia destra a supporto di un Figo spentosi dopo le prime volate e regolarmente perdente nei contrasti fisici. Senza dimenticare i guizzi e i virtuosismi di Ibrahimovic, il mio “sorvegliato speciale” della serata.

Aveva detto Mourinho in conferenza stampa: “Per me non c’è giocatore ‘bene’ o ‘quasi bene’. Se sta nella lista sta bene … ma giocatori infortunati in lista, mai”. Sornione, il “Mou”, soprattutto nel gettare fumo negli occhi. No, non aspettatevi conferma da Tony Damascelli, Franco Ordine o Maurizio Mosca… ma personalmente, osservando Ibra, di “quasi” ne vedo tanti. Soprattutto in allenamento, quando lo scorgo zoppicare vistosamente sulla gamba sinistra. In partita riprende a correre come per magia (salvo tornare in crisi nei giorni seguenti), tanto che negli sprint e nei dribbling veloci sembrerebbe quasi… “bene”.

Ma se negli appoggi un piede spinge, l’altro spesso impatta; diversa è l’escursione dei due arti nello stretching, non fluida la frenata dopo gli sprint di riscaldamento, più accorto il carico del peso sul ginocchio infortunato. È innegabile che fa pur sempre la differenza: è preziosissimo, grintoso e non perde mai il senso della posizione.

Il tridente si compone, oltre che di Ibra, di Mancini e Figo. Ma l’Inter pasticcia troppo sotto rete. Ciò che mi lascia sgomenta è l’area lasciata vuota, completamente sguarnita, sui calci piazzati offensivi. Volo con il ricordo al Bayern di Felix Magath e al 4-1 subito in Champions League contro il Milan, nel marzo 2006, con un simile assetto suicida.

Stasera mancano le puntate in avanti di Materazzi sui corner in area avversaria, ma soprattutto, qualcuno là dietro pronto a contenere eventuali contropiedi e a scongiurare il pericolo di dover poi “stendere” l’uomo lanciato a rete. Sul finale, per contro, in un’occasione, l’ultimo baluardo difensivo dell’Inter rimarrà Zanetti, posizionato … poco fuori dall’area giallorossa.

Nessun palleggio delle riserve durante l’intervallo. La Roma pareggia all’11° del 2° tempo con De Rossi, l’Inter torna in vantaggio al 38° con Balotelli, subentrato a Figo, ma poi, sempre più disordinata nella disposizione sul campo, si spegne e si fa nuovamente raggiungere da Vucinic allo scadere, senza riuscire ad aver ragione di una Roma mediocre nei tempi regolamentari.

Sul finale della ripresa entra Totti, un altro rimesso insieme a tempo di record che rischia di pagare cara la scommessa, e si infortuna Burdisso. Poca storia ai supplementari, con le squadre ferme sulle gambe e il gioco sempre più falloso.

Saltano gli schemi di gioco. Esce a tratti la Roma, l’Inter tenta l’assedio finale alternando la risalita degli esterni difensivi, qualche scorribanda dei centrocampisti e un paio di numeri individuali delle punte, mentre Julio Cesar compie un miracolo su un inserimento di Okaka.

Dal dischetto sbagliano Totti e Juan per i giallorossi e Stankovic per i nerazzurri. Poi tocca a Capitan Zanetti, che suggella la vittoria con il primo rigore di spareggio della sua gloriosa carriera.

Impazza la festa nerazzurra, con i fuochi d’artificio e la sfilata della coppa. Il tabellone luminoso mostra la delusione dello sconfitto Totti e la tristezza dell’assente Materazzi, relegato al parterre esclusivo della tribuna rossa. Centro Matrix con il binocolo mentre osserva la sfilata del trofeo sulle note di “Conquest of Paradise” di Vangelis. Ma per il guerriero malinconico è piuttosto un Purgatorio, quasi un castigo che gli si accanisce contro: parte proprio sotto di lui, la sfilata trionfale; sotto di lui la foto di squadra e quella con i bambini, mentre la musica sfuma nell’Inno “Pazza Inter Amala” cantato dalla sua voce. Ma tra lui e il campo, tra i suoi sforzi e l’attesa gratificazione, si interpone una barriera subdola e sottile a negargli il premio finale. E dire che gli sarebbe bastato calpestare il prato per pochi attimi per sentire quel trofeo anche un po’ “suo”, per ricevere un “grazie” dalla folla rimasta muta verso di lui…

Immagino cosa avrebbe dato, il buon Matrix, quasi bene” almeno quanto Figo ed Ibra”, per non sentirsi così solo e ignorato…

E non basta certo farsi riprendere con i pargoli abbarbicati al collo per mascherare il vuoto dentro.

Inter Channel ripropone le stesse immagini sulle note di Rnw@y Lyrics dei Linkin Park: “I want to run away”…canta il ritornello. Forse, è il pensiero del n° 23 nerazzurro mentre lascia la balconata nel bel mezzo della festa. E ancora, nel testo della canzone, parole che gli si addicono: I want to know the truth… I want to know the answers…”. Rispondere, ora, tocca a lui. Stavolta, non può sfuggire.

11 Risposte to “MOURINHO: PRIMA VITTORIA E … PRIME BUGIE”

  1. Aldo said

    Grazie Mou, grazie ragazzi, semplicemente fantastici!

  2. Enzo said

    Magico Capitano, sei unico! Non smettere mai, sei una bandiera dell’Inter

  3. Lothar said

    Da tempo non ricordo una partita di precampionato giocata con tale intensità. Primo tempo perfetto, poi un po’ di fiato corto, normale in questo momento della stagione. Bene tutti, tranne forse Figo, in ritardo rispetto agli altri.
    E se contiamo che c’erano fuori Cordoba, Materazzi, Samuel, Adriano e Co…. penso si possa essere ottimisti! Forse più che ottimisti!

  4. Joe88 said

    Per Cordoba e Samuel temo ci voglia ancora un pochino di tempo. In Adriano non ho grande fiducia sia per la fragilità fisica che dimostra, sia per questioni di testa.
    La Roma non mi è parsa stratosferica, né come organico né come gioco.
    Una buona prova dell’Inter sì, ma è presto per illudersi.

  5. rettilineotribuna said

    Ciao Lady… bentrovata.

    Hai notato come il manto di San Siro solo apparentemente sia bello e verde?.. almeno una decina di volte ho visto alzarsi dei nuvoloni di terra (sabbia) marrone…

    Comunque questo gioco è molto dispendioso per le due ali… Quaresma penso serva eccome perchè Figo a correre così non me lo vedo se non in Coppa Italia…

    ciao ciao
    Rettilineo

  6. ladycalcio said

    A rettilineotribuna:

    L’ho notato sì, purtroppo. L’ho osservato appena entrata nello stadio, ripensando a come appariva ridotto dopo l’invasione di campo del maggio scorso (vedi foto pubblicata insieme al pezzo in questione).
    Su Figo mi trovo pienamente d’accordo. Può reggere, al massimo, un solo tempo.

  7. Drake said

    BUON ONOMASTICO, MONICA!!!

    Ben tornata con il tuo occhio sempre così acuto e critico!

  8. Terry90 said

    Fantastico, il trio di giornalisti che hai citato! Aspettarsi dei commenti tecnici da quelli? Ah ah ah!!!!!!!!!!

  9. Lancillotto said

    Mi chiedo come Mourinho possa reggere un 4-3-3 ad oltranza senza portare la squadra a sbilanciarsi e a un pericoloso spreco di energie.
    Credo sarebbe meglio tornare a un più prudente 4-4-2, soprattutto vista la scarsa condizione di Figo sulla fascia destra, che rischia di trasformarsi nel punto debole della squadra.

  10. Cesare said

    Vero, mi ha colpito Muntari. Veloce, grintoso e fantasioso. Penso che sia l’uomo giusto per il nuovo modulo del Mou.

  11. Mauro said

    E se arriva veramente anche Quaresma non ce n’è più per nessuno!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: