CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

Riviviamo la festa dell’Inter a San Siro

Posted by ladycalcio su mercoledì, luglio 23, 2008

In molti mi avete scritto chiedendomi un resoconto e qualche foto della festa-Scudetto dell’Inter a San Siro. Non voglio deludere i lettori, ma preciso che avevo accantonato l’argomento in quanto, più che una festa per i tifosi, l’evento mi era parso una passeggiata-premio sul campo per i familiari dei giocatori…

Hanno dato di più i tifosi alla squadra che non viceversa. Sono stati i sostenitori interisti i protagonisti della festa-Scudetto del maggio scorso: una festa di colori, canti e bandiere che ha tinto di nerazzurro le strade di Milano, Piazza Duomo e lo Stadio Meazza.

I cancelli dello stadio aprono alle h.21.00, ma fuori è già una festa di cori e di bandiere nerazzurre, con il bagliore dei bengala a fondersi con il rosso del tramonto dopo la pioggia.

Imperdibile, davvero da pelle d’oca, l’atmosfera creata dai tifosi all’interno di San Siro in attesa della Beneamata, impegnata nella cena-Scudetto dopo il ritorno da Parma: una coreografia spontanea di migliaia di maglie, striscioni e bandiere nerazzurre sventolanti nel cielo milanese.

Dopo oltre un’ora di attesa, con le immagini della cena in onda su Inter Channel che scorrono sul tabellone luminoso, ecco entrare finalmente in campo la squadra… con mogli e pupilli a rimorchio. In questa occasione, per dirla com’è, c’entrano come i cavoli a merenda. Il forzato idillio familiare, nel peggior stile tedesco, merita un bel “chi se ne frega?”

Suggestiva la premiazione con i coriandoli e i fuochi d’artificio; peccato che il fumo dei bengala la nasconda non poco alla vista.

Due giretti del terreno di gioco con il trofeo, la consegna di un paio di “riconoscimenti” da parte di “Striscia la Notizia” (resa anch’essa invisibile dal fumo sempre più fitto), ed è tutto finito.

Dal primo anello arancio, dove mi trovo, è impossibile distinguere i giocatori assiepati sotto la Curva Nord persino con il binocolo.

D’accordo la scaramanzia, ma possibile che FC Internazionale non avesse perlomeno abbozzato un programma per la serata? Per carità, non intendo le discese di elicotteri e le sfilate di trofei in stile berlusconiano, ma almeno un discorso al pubblico da parte dei giocatori, un numero dell’onnipresente Bertolino, una breve esibizione canora da parte di un cantante di fede nerazzurra come Max Pezzali, Enrico Ruggeri, o Elio e le Storie Tese ci potevano stare…

Il numero più bello e più spontaneo è invece opera di Solari e Chivu, impegnati nel recupero impossibile di un gigantesco scudetto impigliatosi nella porta sotto la Curva Sud.

Per il resto, i giocatori vagano ciondolanti per il campo con i pupilli in spalla o per mano. I pancioni di qualche consorte e i figlioletti che scorrazzano sul grande Scudetto steso sul campo, più che al tempio del calcio, fanno pensare a una succursale del presidio ostetrico e neonatale del Macedonio Melloni. O perlomeno, a una festa in famiglia – e non a una kermesse dedicata ai tifosi.

Dagli spalti, qualcuno cerca qualche emozione in più. Ed ecco i primi invasori di campo, arpionati dagli addetti alla sicurezza, dare finalmente un po’di pepe allo spettacolo. I giocatori battono in ritirata, le gentili consorti ramazzano al volo i pargoli e li seguono a ruota.

La marea dei tifosi diventa inarrestabile, per una pacifica invasione di campo. La tentazione è ormai irresistibile. Salta le barriere anche Ladycalcio, che prova uno sprint sulla fascia. Ciò che non si vorrebbe vedere è lo scempio del manto erboso, distrutto dai collezionisti di zolle.

Poco elegante (per usare un eufemismo) l’epilogo: si spengono i riflettori per far sfollare i tifosi dal terreno di gioco. Per chi ancora non l’avesse capito, sul tabellone luminoso compare la scritta “la festa è finita“. Forse, quella delle allegre famigliole. Quella dei tifosi nerazzurri dura un anno.

4 Risposte to “Riviviamo la festa dell’Inter a San Siro”

  1. Gaudy said

    Un po’ sottotono, in effetti, la festa.
    Mi ero sentito molto più partecipe l’anno scorso, lo show dopo l’ultima partita casalinga era stato tutt’altra cosa.

  2. Sarah said

    Mi associo pienamente a Gaudy. Anch’io mi aspettavo molto di più. Soprattutto dopo lo scudo del centenario…

  3. El Cuchu86 said

    Grazie, Ladycalcio, per essere tornata su questo argomento, ed aver messo in luce le solite pecche organizzative dell’Inter

  4. Ugo59 said

    Effettivamente sotto tono, lo show…

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: