CALCIO E PAROLE

By "Ladycalcio". Il blog più censurato e più temuto dagli addetti ai lavori

CAMPIONATO: NUOVA STAGIONE, VECCHI PROTAGONISTI

Posted by ladycalcio su giovedì, agosto 30, 2007

I mass media tornano a propinarci situazioni, commenti e personaggi da dimenticare

Le immagini più incresciose della prima di Campionato ci giungono da Parma e mostrano Silvio Baldini, tecnico del Catania, che rifila un calcio nelle terga al collega Domenico Di Carlo. Dopo un diverbio con quest’ultimo, Baldini perde le staffe, oltre che l’occasione per correre immediatamente a scusarsi davanti alle telecamere.

“Saloon a Parma”, titola La Gazzetta dello Sport, che riporta la seguente dichiarazione del presidente del Parma Tommaso Ghirardi: “Se fosse il mio allenatore, lo esonererei (…).” Noi dobbiamo dare il buon esempio e, invece, dimostriamo che a volte siamo peggio dei tifosi”. Parole sacrosante, soprattutto considerando il bisogno di riscatto e di condanna di ogni tipo di violenza da parte di Catania, teatro dei noti fatti di sangue lo scorso inverno.

Poche, per contro, le novità a livello televisivo.

Controcampo Ultimo Minuto (Italia 1) ripresenta un Mughini sommerso dai fischi, ormai mero demagogo e provocatore: “Gli avversari (della Juve, ndr.) vogliono campare in eterno sulle sentenze di Calciopoli”, pontifica. A giudicare dai fischi in studio, la sua popolarità sarebbe sprofondata sotto terra. Lecito dunque domandarsi per quale arcana ragione Mediaset l’abbia riconfermato. Forse a sostegno morale dei bastonati tifosi bianconeri, che ora possono fare appello al ” Manuale di autodifesa del tifoso juventino”, edito da Mursia e pubblicizzato fra un treno di goal e l’altro.

Controcampo Diritto di Replica (Italia 1) presenta Laura Barriales, bellona di turno subentrata ad Alena Seredova. Una novità simpatica a Controcampo c’è: la messa in onda delle telecronache personalizzate ad opera dei cronisti-tifosi delle diverse fedi. Non è invece una novità che Controcampo goda di diritto di priorità sulla Domenica Sportiva (Rai 2), che presenta un Fabio Capello ritornato all’ovile degli opinionisti Rai dopo l’esonero dal Real Madrid. Lo dimostra la successione delle interviste relative al posticipo serale Palermo-Roma: Spalletti e Totti passano, l’uno dopo l’altro, dai microfoni Mediaset a quelli Rai.

Dulcis in fundo, non potevano mancare le polemiche sul pareggio d’esordio dell’Inter, condite da diffusi e malcelati toni trionfalistici da parte dei giornalisti di fazione “avversa”. Mi riferisco, in particolare, all’inguardabile “Processo di Biscardi” (7 Gold), con i coraggiosi Elio Corno e Roberto Scarpini impegnati ad arginare la piena di storpiature, provocazioni e veleni scatenata contro i nerazzurri da chi ancora non ne ha digerito il 15° Scudetto. Così, la sconfitta di misura nella Supercoppa di Lega diventa un'”Inter demolita” (Biscardi). L’On. Daniele Capezzone rivanga ancora una volta la presunta assenza di concorrenza all’Inter nel corso della scorsa stagione. Riassume bene la situazione Francesco Carrassi, Direttore de “La Nazione”: “Tutti plaudono a questa caduta dell’Inter (…) domenica sera tutti si fregavano le mani”. Sembra un tiro a segno da luna park sul bersagio fisso nerazzurro. Ma l’istinto sarebbe piuttosto quello di tirare i pomodori in studio attraverso il video.

Sfodera la “perla” della serata Gigi Moncalvo, capostruttura di Rai 2 vittima di una crisi acuta di amnesia riguardo ai verbali e alle registrazioni di Calciopoli: “(…) io sono uno di coloro che ritiene che gli Scudetti della Juventus siano 29 e non 27, che l’anno scorso ci siano stati, a Milano, degli indossatori dello Scudetto altrui”. Definizione reiterata poco dopo all’indirizzo dei giocatori nerazzurri, in barba alla responsabilità che il capostruttura di una TV di Stato avrebbe nel forgiare la pubblica opinione. È la sagra della faziosità e della distorsione della realtà. E poi ci vengono a parlare del ruolo educativo della televisione!

Non va molto diversamente sulla carta stampata. “Volano tutte (tranne l’Inter)”, titola La Gazzetta dello Sport. “Inter, primo processo”, le fa eco il Corriere dello Sport. Senza voler negare i deficit effettivi che affliggono attualmente la squadra nerazzurra, reduce dall’ennesima batosta (5-0) nell’amichevole di Barcellona, sarebbe stato almeno corretto e di buon gusto ricordare come il team di Mancini, con particolare riguardo alla difesa, sia in questo momento orfano di numerosi importanti titolari squalificati o infortunati, primo fra tutti Marco Materazzi.

A MATRIX, PERNO DELLA DIFESA NERAZZURRA E DELLA NOSTRA NAZIONALE, LADYCALCIO PORGE I PIU’ SINCERI AUGURI DI PRONTA GUARIGIONE E DI UN BRILLANTE RITORNO SUI CAMPI DI GIOCO.

Annunci

4 Risposte to “CAMPIONATO: NUOVA STAGIONE, VECCHI PROTAGONISTI”

  1. Antonio said

    Hai proprio ragione. La faziosità e la sfacciataggine di certi volti del teleschermo sfiorano il ridicolo e il grottesco.
    Anch’io mi sono posto delle domande sulla riconferma di Mughini a Controcampo: un personaggio che non ha più nulla da dire se non le solite quattro frasi al veleno contro chi gli ha rotto il giocattolo Juve, dimostrando poi di saper vincere secondo i valori del campo.
    Il Processo di Biscardi può esistere soltanto in Italia ed è il triste specchio dell’infimo livello del popolo sportivo italiano.

  2. Arturo said

    Mi associo agli auguri a Matrix.
    Torna presto Marco, ti aspettiamo!

  3. Roberto said

    Ci propinano proprio sempre la stessa minestra…

  4. Su Mughini: peccato che un giornalista e uno scrittore di buon livello debba esibirsi in ridicole caricature di se stesso lasciando sempre allo spettatore il dubbio che, ormai, “ci sia e non ci faccia…..”

    Su Biscardi: il fondo del barile è stato toccato, ma lui ha capito che per scendere ancora più in basso basta scavare. E lo fa con ottimo successo. È lo specchio di come si vive il calcio in Italia…. c’è di che vergognarsi. Fortunatamente pare che anche il Re Audience l’abbia abbandonato…

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: